www.irpinianelmondo.it

politica cronaca arte cultura turismo gastronomia…. e molto altro ancora

AVELLINO . ANCORA UNA CASA D’APPUNTAMENTO IN CITTA': RAGAZZE DOMINICANE

Posted by irpinianelmondo su settembre 6, 2009

06.09.2009-Dopo le cinesi, le rumene, le polacche, il gigolò con trascorsi in tv, la partenopea, le colombiane e le brasiliane, è arrivata anche la volta delle dominicane. Il mercato della prostituzione, in città e nell’hinterland, ormai non conosce più confini. Malgrado l’incessante opera di carabinieri e polizia, che dal 5 aprile ad oggi hanno posto sotto sequestro ben 14 alcove, le case di appuntamenti continuano a spuntare come funghi e nei posti più impensabili. I carabinieri del nucleo radiomobile, diretti dalla tenente Silvia Gobbini e dal comandante Genovino Moschella, hanno fatto irruzione in un appartamento situato alle spalle del teatro Gesualdo.In scena, stavolta, hanno trovato due avvenenti dominicane, di 31 e 32 anni, sorprese a svolgere il mestiere più antico del mondo.
A differenza delle loro concorrenti cittadine, però, le due dominicane offrivano alla clientela, proveniente perfino da fuori regione, anche l’opzione di prestazioni ad ore. In pratica, alla normale tariffa che oscillava tra i 100 e 150 euro a seconda dei gusti del cliente, le due dominicane in servizio al quinto piano di via Fricchione davano ai visitatori la possibilità di intrattenersi per ore nell’alcova. E’ stato questo il caso di un 20enne della provincia di Foggia, sorpreso all’interno della casa, al quale 3 ore di sesso sono costate 300 euro. Quanto basta per far scattare la denuncia a piede libero nei confronti delle due donne che sono risultate in regola con il permesso di soggiorno, ma non nuove a questo tipo di reato per essere state già denunciate, negli ultimi quattro anni di permanenza in Italia, a Roma e Napoli.
I militari dell’Arma hanno sequestrato il momentaneo ricavato dell’illecita attività, che ammonta a 760 euro, e l’appartamento, che è risultato essere di proprietà di una società immobiliare costituita a Roma ed amministrata da un irpino di 42 anni. L’immobile è risultato locato in modo regolare, con contratto registrato, ed in regola con le quietanze di fitto, 450 euro, che venivano riscosse mensilmente da uno dei soci della società. L’amministratore, che è stato già ascoltato dai carabinieri per sapere se fosse a conoscenza che all’interno dell’appartamento al quinto piano si stesse consumando una simile attività, ha risposto agli inquirenti di esserne totalmente all’oscuro della vicenda e di non sapere nemmeno che vi fossero nell’appartamento due donne avendo lui stesso stipulato l’accordo con una sola ragazza. Con l’operazione di ieri, quindi, sale a 14 il numero delle case d’appuntamento chiuse dal cinque aprile scorso in città e nell’hinterland mentre tocca quota 25 il numero delle donne denunciate per prostituzione.il matino .it

About these ads

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 70 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: