www.irpinianelmondo.it

politica cronaca arte cultura turismo gastronomia…. e molto altro ancora

BAGNOLI IRPINO (AV) . DAL 28 AL 31 OTTOBRE ” LA GRANDE MOSTRA DEL TARTUFO NERO E DEI PRODOTTI TIPICI ” : TUTTO CIO’ CHE BISOGNA SAPERE

Posted by irpinianelmondo su ottobre 20, 2011

20.10.2011-Tutto pronto per l’edizione 2011 della mostra mercato del tartufo nero e dei prodotti tipici e 34esima sagra della castagna. In programma a Bagnoli Irpino dal 28 al 31 ottobre, l’atteso festival del gusto autunnale, sponsorizzato da Castagne Cappetta, Pasta Baronia e Diadora, ospiterà quest’anno diverse novità. Oltre ad allungarsi di un giorno, la kermesse, organizzata dalla Pro Loco Bagnoli-Laceno e patrocinata dall’Amministrazione comunale del paese altirpino in collaborazione con il Consorzio Turistico Bagnoli-Laceno, replicherà, per il secondo anno consecutivo, l’anteprima enogastronomica prevista per il week-end (sabato 22 e domenica 23 ottobre) precedente la manifestazione.

Si parte venerdì 28 ottobre, alle 18.30, con l’evento  inaugurale. Sfilata di costumi tipici e lettura della “Licenza di Pubblica Adunanza” daranno il via alla kermesse. Subito dopo, alle 18.45, l’Associazione micologica campana “Il Bosco”, inaugurerà la  mostra sui funghi, in programma fino a domenica, con l’illustrazione delle specie esposte. Alle 19.00, poi, l’apertura degli stand gastronomici dove si potrà degustare fino a tarda notte i piatti della tradizione locale. In vetrina, nella splendida cornice del centro storico, tartufi e castagne proposti nei modi più svariati. E poi funghi porcini, pasta fatta in casa, salumi, il pecorino di Bagnoli, la rinomata ricotta di pecora unitamente ad altri prodotti lattiero-caseari. Il tutto arricchito da suoni e musica popolare che animeranno vicoli e  piazzette del paese per l’intera durata della rassegna. In più, verranno distribuite in omaggio oltre 40 quintali di caldarroste e sarà possibile effettuare, sempre per l’intera manifestazione, visite guidate gratuite per il centro storico.

Il menu gastronomico sarà riproposto nella mattinata di sabato 29 ottobre a partire dalle ore 12.00. Poi nel pomeriggio, alle 18.00 nel parco pubblico, la mostra e sfilata dei cani da tartufo, promossa dall’Associazione tartufai Monti Picentini, con  l’assegnazione dei pettorali ai cani partecipanti alla gara di ricerca del tartufo.

Come da tradizione, ci sarà  la prova per superare il guinness del tronco di castagne più grande del mondo che lo scorso anno raggiunse la lunghezza di21 metrie 10 centimetri: oltre 3 quintali di castagne amalgamate con zucchero, gocce di cioccolato, margarina, liquore strega, pan di spagna per un peso complessivo di 11 quintali. Alle 18.30, l’attesa presentazione del dolce simbolo della manifestazione che sarà poi offerto a tutti i visitatori.

Ricco anche il programma domenicale con l’apertura, dalle ore 12.00,  degli stand di enogastronomia locale. Mentre, alle 15.30,  in piazza Matteotti, ci sarà il dodicesimo concorso nazionale per cani da tartufo, dell’Associazione tartufai Monti Picentini. In serata, invece, alle 21.00, la premiazione della castagna e del tartufo più grande. Ma non finisce qua. Il giro di boa è per lunedì 31 ottobre sempre con l’ampia  e succulenta offerta degustativa dei prodotti tipici.

 

CIFRE E NUMERI

 

L’appuntamento di Bagnoli, centro campano più importante di commercializzazione del tartufo e cittadina membro dell’Associazione nazionale “Città del tartufo”, ha, infatti, numeri da capogiro e conferma la sua valenza di evento extraregionale. Nel 2010 registrate 150mila presenze con un trend che cresce di anno in anno e che cattura sempre più l’attenzione del target straniero, sia europeo che d’oltreoceano, visto l’interesse di svizzeri, tedeschi, americani ed asiatici a prendervi parte. L’evento, per la presenza stabile di turisti e visitatori, rappresenta una concreto esempio di incoming turistico made in Irpinia. Strutturata in 4 giorni, la kermesse, che dai suggestivi vicoli del centro storico interesserà tutte le strade del paese, prevede la partecipazione di più di 100 espositori del comprensorio bagnolese e non solo.

 

 

ANTEPRIMA DELLA MOSTRA

 

Come per l’edizione 2010, quest’anno la mostra sarà preceduta da un’anteprima “Aspettando la sagra” che si terrà nel centro storico di Bagnoli Irpino sabato 22 e domenica 23 ottobre. Un evento nell’evento, supportato Slow-Food, Fisar (Federazione Italiana Sommelier Albergatori Ristoratori) ed Ais (Associazione Italiana Sommelier), dove il gusto tipico offerto dal ricco bouquet agroalimentare offrirà un prelibato antipasto enogastronomico.

Il sipario si alza sabato pomeriggio, alle 18.30, con la manifestazione d’inaugurazione, organizzata dall’assessorato comunale alla Cultura, nell’aula consiliare del Comune di Bagnoli Irpino dedicata ai “I Personaggi della Montagna”: sagome, a grandezza naturale e realizzate dalle scuole locali, raffiguranti personaggi tipici della tradizione locale, che verranno collocate in punti strategici del paese ripercorrendo così, durante la mostra, un affascinante viaggio nel passato tra storia e cultura contadina. Alle 19.00, apertura degli stand enogastronomici “Colline e Monti  d’Irpinia” che proporranno tartufi, funghi, formaggi, vini, distillati, birra locale, castagne e frutta. Per i visitatori anche la possibilità di tour guidati con il “Circuito degustazioni Anteprima”.  Qui, sulla tavola: tartufi e vini irpini a marchio Doc e Docg. Spazio, in serata, anche al sociale e all’ambiente con un’asta per adottare alcune  “Piante dimenticate”: ricavato che poi andrà in beneficenza. L’obiettivo è recuperare 3 varietà di piante da frutta a rischio estinzione: mela chianedda, capo di ciuccio e limoncella.

Iniziativa che si replicherà il giorno dopo, aprendo, alle 12.00, il programma domenicale. Poi, come per sabato, il menù della migliore enogastronomia locale sarà servito dagli stand presenti per deliziare i palati dei visitatori.

Ritorna di nuovo il ciclo di degustazioni con al centro l’abbinamento tartufo-vini.

Il pomeriggio, poi,  alle 16.30, l’evento, a cura dell’Associazione Tartufai Monti Picentini, che vedrà numerosi cani sfidarsi in dimostrazioni pratiche alla ricerca del prezioso tubero. Ma non solo. Parallelamente ci saranno degustazioni guidate . Chiusura col botto, alle 23.00, con la “Sciabolata di spumante irpino”. Il tutto arricchito da danze e musica popolare.

 

ASSE INTERNAZIONE BAGNOLI – SINZIG

 

Partnership internazionale fra Bagnoli Irpino e Sinzig. L’Amministrazione Comunale di Bagnoli Irpino ha intrapreso da alcuni mesi un rapporto di corrispondenza con la cittadina tedesca di Sinzig legandolo al prodotto tipico per eccellenza del territorio bagnolese: il tartufo nero.  Sinzig ospita da circa 10 anni “Ahrtrueffel”, associazione micologica più importante della Germania in termini di numero e di qualità degli associati, che ha come finalità la valorizzazione scientifica e gastronomica del tartufo. Da qui l’obiettivo di attivare interventi di formazione, di ricerca scientifica, di promozione gastronomica e commerciale del tartufo nero di Bagnoli ricorrendo, concordemente con Sinzig, alle opportunità offerte dalla progettazione comunitaria, dall’Associazione micologica “Ahrtrueffel” e da Enti di ricerca tedeschi e francesi. Qui, si pensa a Périgord, regione storica del Sud-Ovest della Francia celebre per la sua raffinata gastronomia dove primeggia il pregiato tubero nero. Lo scopo ultimo è la realizzazione di un triangolo internazionale Bagnoli-Sinzig-Périgord in grado di rafforzare sempre più lo slancio del prodotto tartuficolo nei mercati stranieri.

In occasione della mostra, dopo la recente visita in Germania dell’Amministrazione comunale guidata dal sindaco Aniello Chieffo e che ha visto rafforzare il legame con la stipula di accordi relativi al tartufo ed al percorso per la realizzazione di un gemellaggio tra i due territori, il primo cittadino di Sinzig ed una rappresentanza dell’Associazione micologica tedesca saranno presenti alla mostra bagnolese per un continuare il percorso di scambio di esperienze reciproche. E già si lavora alle prossime tappe: realizzazione del gemellaggio che si concretizzerà nel 2012, dopo la costituzione dei Comitati e il completamento degli obblighi istituzionali previsti (comunicazione alla presidenza del Consiglio dei Ministri, ministero degli Affari Esteri e Regione),  scambi gastronomico-culinari (praticantato per cuochi) e scientifici relativi a studi sulle caratteristiche aromatiche ed organolettiche dei tartufi presenti nelle faggete dell’Irpinia (tuber mesentericum e tuber uncinatum).

 

 

 

DICHIARAZIONI: VOCE AI PROTAGONISTI ISTITUZIONALI

 

  • Aniello Chieffo, sindaco di Bagnoli Irpino:

“La nostra mostra mercato è oramai il nostro biglietto da visita. Rappresenta, per il suo spessore, una motrice di sviluppo locale in grado di aprire una finestra, ad ampio raggio, sul nostro territorio e sui suoi punti di forza con importanti risvolti in ottica turistica. Un’occasione notevole per un’autopromozione delle nostre eccellenze e delle nostre attività che puntano alla valorizzazione territoriale”

 

  • Luca Branca assessore all’Agricoltura ed Ambiente di Bagnoli Irpino:

“L’idea che sta alla base dell’anteprima, quest’anno alla sua seconda edizione, muove dal presupposto e dalla volontà di aprirsi all’intero territorio irpino. L’obiettivo che ci poniamo è  proporre una qualitativa vetrina delle produzioni tipiche locali in grado di coniugare le varie eccellenze dell’agroalimentare domestico con un’attenzione particolare anche all’ambiente e al sociale”.

 

 

  • Francesco Pennetti – presidente della Pro Loco di Bagnoli:

Quest’anno la mostra mercato propone degli elementi di novità, curati nei dettagli dalla Pro Loco. Abbiamo inserito un giorno in più per dare maggiori servizi ai nostri visitatori. Offriremo maggiore ospitalità, sotto tutti i punti di vista”. E sull’anteprima dice: “Quest’anno festeggeremo il 150° anniversario dell’Unità d’Italia. Lo faremo con la preparazione del tronco di castagne che sarà a forma di Stivale. Una sorpresa molto bella, da non perdere”.

“Credevo – sottolinea - che la crisi incidesse negativamente sulla mostra, con un calo di presenze. Invece, abbiamo un boom di prenotazioni, le strutture turistiche sono ormai piene, avremo forse più persone dell’anno scorso. Ci sono arrivate prenotazioni da Campania, Puglia, Lazio, Calabria, Marche e Basilicata. Ci sono tour operator ed agenzie che ci hanno richiesto visite guidate nel centro storico. Noi organizziamo questa manifestazione per la nostra terra, per valorizzarne i luoghi, le tradizioni, le caratteristiche, i prodotti”.  

 

  • Gerardo Stabile – presidente Consorzio Turistico Bagnoli-Laceno:

“Quest’anno approfitteremo dell’ottimo ponte di fine ottobre per accogliere numerosi turisti. Ci stiamo organizzando anche per la festività di halloween del 31, per soddisfare le tante richieste che ci stanno pervenendo dalle varie strutture. Abbiamo proposto diversi pacchetti. A chi verrà il venerdì e resterà fino alla domenica ed a chi verrà la domenica e si tratterrà fino al martedì successivo, il 2 novembre. Pacchetti e proposte particolari, ovviamente con delle agevolazioni molto vantaggiose”. La parte del leone, come provenienza, spiega Stabile, la fa la Puglia. Ma quest’anno ci sono anche molte richieste di gruppi provenienti dal Nord Italia. A dimostrazione di come la mostra cresca di anno in anno. “Ora stiamo lavorando per coinvolgere il territorio, per offrire momenti anche diversi dalla mostra – dice sempre Stabile -. Punteremo molto sulle escursioni ed entreremo nelle aziende, per farle visitare ai turisti e per mostrare loro la lavorazione e la trasformazione delle castagne, ad esempio. Ci attiveremo anche per organizzare gruppi di ricerca del tartufo. Insomma, amplieremo il discorso e l’offerta, con vari itinerari di tipo storico, artistico, culturale. L’imprenditoria di Bagnoli e del Laceno crede molto in quest’evento, è mossa da un grande ottimismo e da un grande spirito di collaborazione. C’è un impegno davvero lodevole da parte di tutti, ora le imprese meritano di essere supportate a pieno”. Stabile guarda anche al futuro, al dopo mostra. “Questo territorio è toccato dalla fortuna, avremo anche l’arrivo del Giro d’Italia. L’economia si muove, abbiamo dinanzi scadenze importanti, siamo in attesa di risposte da parte delle istituzioni perché l’accoglienza e l’offerta ricettiva vanno migliorate ed ampliate. Come dimostra la mostra mercato, il Laceno e Bagnoli sono delle mete turistiche ricercate e richieste in modo sempre maggiore”. 

 

  • Raffaele Lanni – assessore provinciale al Turismo:

“La mostra di Bagnoli rappresenta un’ottima iniziativa di promozione territoriale. Come Provincia stiamo cercando di valorizzare quanto più possibile il comprensorio locale e del Laceno. Mi auguro che possano nascere manifestazioni simili, incentrate sulla promozione delle produzioni tipiche, in modo tale da creare un calendario di appuntamenti spalmati nel tempo che possano fungere da incoming turistico”. E su questo fronte dice: “Il turismo per l’Irpinia è un settore strategico, è un’occasione di sviluppo che va rafforzata sempre più”. In cantiere due iniziative da realizzare in ambito locale. “La prima un workshop sul turismo in cui far partecipare tutti gli operatori del comparto con incontri one to one per promuovere i nostri pacchetti turistici. Il secondo intervento, un quaderno sul turismo scolastico da veicolare alla prossima fiera nazionale sul turismo di Genova”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

LAYOUT ANALITICO TARTUFO NERO DI BAGNOLI IRPINO – CARATTERISTICHE

 

 

  • NOME PRODOTTO: Tartufo nero di Bagnoli Irpino.
  • NOME SCIENTIFICO: Tuber mesentericum Vittad.
  • CATEGORIA: Ortofrutticolo.
  • PECULIARITA’: Tartufo nero appartenente alla famiglia degli ascomiceti, dalla polpa color  nero cioccolato o violetta con venature bianche ramificate. Presenta forma globosa, reniforme,  sferica con corteccia ruvida; può raggiungere  le dimensioni di un’arancia. Aroma intenso e pungente.
  • ZONA/E DI PRODUZIONE: Bagnoli Irpino (località: Apeta, Sazzano, Valle dell’Acero, Valle Bona, Cervarulo, Cerviato, Piscacco, Terrate).
  • METODOLOGIE: Il Tuber Mesentericum stabilisce  rapporti simbiotici principalmente con il faggio e il pino nero perchè il carpino e l’ontano  sono biologicamente inadatti alla simbiosi e la quercia cresce in ambienti poco adatti alle esigenze del tartufo irpino. I boschi dell’Irpinia ospitano in prevalenza faggete la cui spettacolarita’ e’ ben nota essendo tra le migliori del paese. Concorrono a questo primato la quota, le precipitazioni, il tasso di umidità, i substrati pedologici e lo spessore della lettiera.
  • TESTIMONIANZE STORICHE: Il tartufo nero ha legato il suo  nome a quello di Bagnoli Irpino perché fu proprio intorno ai boschi che lo circondano che è cominciata, dal 1700, la sua  raccolta, essendo questo prodotto già conosciuto ed utilizzato nelle cucine dei borboni. Fanno fede di ciò alcuni documenti storici che riportano l’area di Bagnoli adatta alla raccolta del tartufo. Successivamente, il tubero nero è stato celebrato da Vittorio Imbriani, poeta e letterato, che compose l’inno, nel 1874, l’inno al tartufo.
  • PRIMI RICERCATORI: Si narra che fu negli anni  successivi all’unità d’Italia che compaiono i primi cercatori di tartufi: il primo fu un certo “Zi Angelo il tartufaio”, un brigante inviato a Bagnoli in soggiorno obbligato. Fu lui, sembra,  che insegnò ai locali come addestrare i cani e soprattutto dove cercare i tartufi. Che il tartufo di Bagnoli si affermò quale piatto edonistico  di prestigio lo dimostra il menù del pranzo che le autorità offrirono per inaugurare, nel 1881, il rifugio di Santa Nesta, vicino Laceno,  dove il tartufo figura come antipasto.

   

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

         L’ECONOMIA TARTUFICOLA A BAGNOLI IRPINO – STATISTICHE DI SETTORE

 

 

  • CERCATORI: più di 200.
  • IMPRENDITORI CHE COMMERCIALIZZANO PRODOTTI A BASE DI TARTUFO NERO: 5
  • PRODUZIONE ANNUALE/ULTIMA: circa 15.000 kg.
  • PRINCIPALI AREE DI COMMERCIALIZZAZIONE: ristorazione, fiere specializzate, negozi di prodotti tipici, piccola e grande distribuzione organizzata.
  • EXPORT (MERCATI DI SBOCCO): Italia Meridionale, Germania, Svizzera, Francia, Inghilterra, Spagna.

 

 

About these ads

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 69 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: