www.irpinianelmondo.it

politica cronaca arte cultura turismo gastronomia…. e molto altro ancora

ALITALIA : “PROFONDO ROSSO” NEI PRIMI TRE MESI 2008

Posted by irpinianelmondo su Maggio 14, 2008

14.5.2008 -Sale il rosso di Alitalia nel primo trimestre 2008. Anche a causa del caro-petrolio, le perdite prima delle imposte sono state di 215 milioni di euro, con un peggioramento di 62 milioni rispetto al precedente esercizio. Una ricapitalizzazione, hanno avvertito gli amministratori, va ora fatta in “tempi strettissimi”. Apprezzando la richiesta di Bruno Ermolli – il consulente incaricato dal presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, di formare una cordata italiana per rilevare la compagnia – di poter controllare la situazione economico-finanziaria, il board lo ha invitato a presentare una manifestazione di interesse. A questo punto, si potrebbe fare avanti anche AirOne che da tempo attende di poter fare la due diligence. Rinviata, in attesa di indicazioni dell’azionista di riferimento, cioé il Tesoro (49,9%), la cooptazione di un consigliere a cui dare la carica di amministratore delegato, dopo le dimissioni il 2 aprile scorso di Maurizio Prato, che era presidente con deleghe operative. Mario Resca, ex commissario straordinario della Cirio, resta il favorito, l’unico nome a cui si pensa – si dice in ambienti parlamentari della maggioranza – ma non c’é ancora una decisione definitiva del governo. Per il via libera, però, occorre ancora qualche giorno, forse anche per mettere a punto una squadra di vertice. Oltre a mancare un amministratore delegato è anche scaduto il contratto al direttore del personale Massimo Cestaro e la compagnia va avanti con un gruppo di manager parigrado che, lamentano i sindacati, non ha una vera e propria strategia.

Per salvare Alitalia, comunque, Berlusconi – nell’intervento programmatico alla Camera – ha ribadito che si troverà “una soluzione alla crisi senza svendere o rinazionalizzare, ma con il contributo finanziario delle imprese italiane”. Nell’attesa, la Commissione europea ha concesso all’Italia uno slittamento dal 19 al 30 maggio per rispondere alle osservazioni sul prestito ponte da 300 milioni di euro erogato nei giorni scorsi dal governo ad Alitalia. La richiesta è stata avanzata dalle autorità italiane e, comunque, essendo quello sulla compagnia “un dossier molto sensibile, contatti tra la commissione Ue e l’Italia continuano” ha spiegato il portavoce dell’esecutivo europeo Michele Cercone, ricordando che la Commissione dovrà stabilire se si sia in presenza o meno di un aiuto di Stato. Ad occuparsi del dossier Alitalia, ha aggiunto un altro portavoce della Commissione Ue, Pia Ahrenkilde, sarà Antonio Tajani che sostituirà ai Trasporti il francese, Jacques Barrot. Intanto, il decreto legge sul finanziamento ponte verrà esaminato il 21 maggio prossimo dall’aula del Senato, come ha annunciato Luigi Grillo (Pdl), nominato in mattinata presidente della commissione speciale per lo smaltimento dei decreti legge. Il cda ha fatto, inoltre, slittare dal 23 al 26 maggio la data della riunione per il via libera al bilancio 2007. Fra i motivi del peggioramento dei conti, ha spiegato la compagnia, ci sono anche “l’erosione della credibilità commerciale dovuta alle criticità” durante l’iter di privatizzazione “con rilevanti ripercussioni sullo sviluppo delle vendite e la riduzione di traffico determinata dall’annunciata imminente modifica del network (effettiva dal 30 marzo 2008)”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: