www.irpinianelmondo.it

politica cronaca arte cultura turismo gastronomia…. e molto altro ancora

CASO TRAVAGLIO. PAOLO ROMANI (PdL): “E’ INCOMPATIBILE CON LA RAI”. DI PIETRO (Idv): ” SI PREPARA NUOVO EDITTO BULGARO”

Posted by irpinianelmondo su Maggio 19, 2008

19.5.2008 -”Marco Travaglio è incompatibile con il servizio pubblico”. La pensa così il sottosegretario con delega alle Comunicazioni, Paolo Romani che in un’intervista rilasciata a Klaus Davi per ‘KlausCondicio’, critica fortemente il giornalista autore, la scorsa settimana a ‘Che tempo che fa’, di un attacco al presidente del Senato Renato Schifani . Secondo Romani ”Travaglio spesso dà informazioni che sono corrotte dalla pura passione politica” e quindi ”non va bene per il servizio pubblico”.

L’esponente dell’esecutivo si dice poi contrario ”alla proposta di amministratore unico della Rai” perché ”il servizio pubblico deve essere sotto il controllo del Parlamento. La Rai – aggiuge – è una grande azienda culturale. Pertanto deve rappresentare il Paese politicamente, socialmente e culturalmente, in tutte le sue articolazioni e differenziazioni”.

Quello che serve secondo il sottosegretario è quindi ”un’azienda ben governata da un direttore generale forte e capace, una persona che, come per il caso Travaglio, dica chiaramente ‘queste cose non si fanno e, se le fai, ti mando fuori’”.

Parole che hanno scatenato la reazione dell’opposizione. ”Peggio dell’editto bulgaro di Berlusconi” definisce le parole dell’esponente del governo, il leader dell’Italia dei valori Antonio Di Pietro. “Sulla questione Travaglio – attacca Di Pietro – si vuole togliere il diritto di parlare a chi ha il coraggio di raccontare fatti quando essi sono scomodi alla politica”.

“E’ nelle intenzioni di questo governo lasciare la libertà di parola al solo portavoce o a quanti parlano per nome e per conto suo. Una limitazione grave e inconcepibile della libertà di parola per un Paese democratico. Ci chiediamo a questo punto – incalza il leader di Idv -: a quando la chiusura di internet come è stato deciso in Birmania?”.

Replica al sottosegretario Romani anche il ministro ombra delle Comunicazioni del Pd Giovanna Melandri che avverte: “Se si procederà alla nomina del nuovo cda della Rai, alla sua scadenza naturale tra pochi giorni, con la legge Gasparri, sanzionata dall’Europa, che ha parlamentarizzato il cda della Rai e che ha sancito definitivamente il controllo partitocratico sull’azienda, vuol dire che si sta minando in partenza il terreno del confronto“.

Boccia l’intervento di Romani anche il portavoce di Articolo 21, Giuseppe Giulietti che definisce le dichiarazioni del sottosegretario ”incompatibili con il suo ruolo”.

Secondo Giulitti infatti le frasi pronunciate su Travaglio ”suonano come una richiesta di espulsione”.

Una Risposta a “CASO TRAVAGLIO. PAOLO ROMANI (PdL): “E’ INCOMPATIBILE CON LA RAI”. DI PIETRO (Idv): ” SI PREPARA NUOVO EDITTO BULGARO””

  1. stefano ronchini said

    gente come travaglio e di pietro, noi che abbiamo vinto le elezioni, non la vogliamo… soprattutto nei posti dove parlano in un modo molto furbo ( per loro)…dove raccontano le notizie come una favoletta…rimarcando e enfatizzando quello che gli fa comodo, e tralasciando, con tecnica, quello che sanno di non dover raccontare… ma noi non ci caschiamo…vedi le favolette della mercedes 200 ce, la restituzione di 100 ml, ecc..ecc..i comunisti in italia hanno finito di regnare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: