www.irpinianelmondo.it

politica cronaca arte cultura turismo gastronomia…. e molto altro ancora

SANTA SEDE. GLI IMMIGRATI ANCHE CLANDESTINI SONO RISORSA-CARD. BAGNASCO CONTRO PERMANENZA LUNGA CPT

Posted by irpinianelmondo su Mag 30, 2008

CITTA’ DEL VATICANO 30.5.2008 – Gli immigrati che lavorano, anche se clandestini, sono una risorsa per la società, e lo stato italiano, nel dare un giro di vite sulla sicurezza, non dovrebbe rinunciare ai principi di accoglienza che lo hanno finora caratterizzato.E’ quanto è emerso oggi da un documento del Consiglio per la pastorale dei migranti e dall’assemblea dei vescovi italiani.Gli immigrati “rappresentano tutti una risorsa per la società in cui lavorano, qualunque sia il loro status legale, ed è loro diritto che venga affrontato il problema della separazione familiare, temporanea o prolungata”, si legge nel comunicato finale dell’Assemblea plenaria del Pontificio consiglio per la pastorale dei migranti.

 

L’organo della chiesa sostiene che si deve tenere in massima considerazione il ricongiungimento familiare nei paesi d’accoglienza.

 

Ma “questi paesi stanno respingendo sempre più tale possibilità e la mancata unificazione della famiglia avrà certamente effetti a lungo termine”, negativi per la tenuta del nucleo familiare, come dice il documento.

 

Sul fronte più specificatamente italiano Angelo Bagnasco, presidente della Cei ha avanzato una riserva al pacchetto sicurezza varato dal governo nella parte in cui allunga i tempi di detenzione nei Centri di identificazione ed espulsione (ex Cpt).

 

“Ciò che deve essere temporaneo non si allunghi troppo e soprattutto non diventi permanente”, ha detto Bagnasco.

 

“Tutti speriamo che, qualunque provvedimento sia varato dal Parlamento, si faccia salvo il duplice principio della sicurezza, che giustamente deve essere assicurata ai cittadini, e dell’accoglienza che caratterizza la storia stessa del nostro popolo”, ha detto nella conferenza stampa al termine dell’assemblea della Cei.

 

“Occorre uno sforzo educativo che non prescinda dal senso della realtà, ma nemmeno dimentichi il riferimento ai valori del nostro popolo”.

 

Il governo, intendendo dare un segnale restrittivo in tema di immigrazione, ha previsto il reato di ingresso illegale in Italia, procedure di espulsioni più snelle, ma anche tempi di permanenza più lunghi negli ex Cpt in attesa che l’allontanamento dall’Italia sia effettivo

 

ROUTERS

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: