www.irpinianelmondo.it

politica cronaca arte cultura turismo gastronomia…. e molto altro ancora

EMERGENZA RIFIUTI. A CHIAIANO “ALTA TENSIONE”, AD AVELLINO PROTESTE IN PIAZZA

Posted by irpinianelmondo su Maggio 31, 2008

31.5.2008-Oltre 500 manifestanti sono scesi in piazza ad Avellino per dire no ad una discarica sull’ altopiano del Formicoso, mentre Chiaiano vive con ansia l’attesa per la manifestazione nazionale contro la discarica prevista per domani pomeriggio. Oggi il quartiere di Napoli che dovrebbe ospitare la nuova discarica da 700.000 tonnellate per i rifiuti della città ha vissuto una giornata di calma, tra nervosismo e rassegnazione. La speranza che i tecnici che stanno effettuando i rilievi nella cava di tufo diano parere negativo all’apertura del sito è stata infatti frustrata dalla dichiarazioni di Silvio Berlusconi che si è detto ieri certo che la discarica si farà.

E domani la frustrazione potrebbe sfociare in rabbia durante la grande manifestazione prevista per le 16, quando nel quartiere si raduneranno i movimenti di Chiaiano e delle altre località della Campania interessate ai siti, ma anche i no global di tutta Italia, dai No Dal Molin vicentini, ai No Mose fino ai No Tav. La sensazione è che i comitati si aspettino anche una prova di forza. “E’ una dittatura”, hanno detto i rappresentanti del presidio in via Cupa dei Cani, la strada che porta alla cava, “a che servono i rilievi tecnici se hanno già deciso?”. E non ha contribuito a stemperare la tensione l’ annuncio che nella cava sarà impegnato anche il genio militare: “La presenza dell’esercito è una prova generale di regime”, ha detto Egidio Del Giudice, uno dei rappresentanti dei movimenti. Alcuni abitanti del quartiere, invece, si sono rassegnati, come Camilla Camerino, che sta preparando il trasloco dalla casa dove abita da 30 anni: “Me ne vado, anche se mio figlio ha costruito queste case”, dice. Oggi a Chiaiano, no global e rappresentanti del Prc hanno presentato un piano alternativo a discariche e inceneritori, che punta su raccolta differenziata e riciclaggio, invitando i manifestanti domani a “non cadere nelle provocazioni” e ad “accogliere bene l’esercito fino a quando non alzeranno i manganelli”. Il sindaco della vicina Marano, Salvatore Perrotta, si è detto ancora fiducioso nei tecnici e nel fatto che la protesta resti pacifica, e ha invitato Berlusconi a “venire qui di persona a controllare, così capirebbe lui stesso che Chiaiano non può essere la risposta” Critiche nel quartiere sono state mosse anche al parroco anti-camorra Don Luigi Merola per un’intervista che è stata affissa dai no global sui muri del quartiere con la scritta: “E’ questa la vostra verità?”. “Don Merola parla di camorra presente tra noi e non sa neanche che alcuni dei suoi collaboratori, iscritti al Comitato che ha costituito, stanno qui e manifestano con noi”, ha commentato il consigliere comunale del Prc di Marano, Gemma Infantocci. Nell’avellinese, invece, oggi i cittadini hanno esposto drappi neri ai balconi in segno di lutto per l’ipotesi di una discarica da 700.000 tonnellate tra i comuni di Bisaccia, Vallata e Lacedonia. Al corteo hanno partecipato decine di sindaci della provincia: una delegazione di manifestanti è stata ricevuta “in forma privata” dalla presidente della Provincia di Avellino Alberta De Simone, mentre un altro gruppo ha spiegato le ragioni della protesta in un incontro con il prefetto di Avellino Ennio Blasco. Domani molti dei manifestanti irpini sono attesi anche a Chiaiano.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: