www.irpinianelmondo.it

politica cronaca arte cultura turismo gastronomia…. e molto altro ancora

GOVERNO. NOVITA’ PROSSIMA FINANZIARIA: NO STABILIZZAZIONE PRECARI E STOP A NUOVE PROVINCE

Posted by irpinianelmondo su giugno 7, 2008

7.6.2008– Stop all’istituzione delle nuove province già individuate da due leggi del 2004 e niente stabilizzazione per i precari della P.a. che si vedrebbero però riconosciuto il lavoro svolto in termini di ‘punteggio’ per partecipare a concorsi per assunzioni a tempo indeterminato: sono alcune delle ipotesi su cui si sta ragionando in queste ore in vista della messa a punto della Finanziaria 2009. La prossima settimana la manovra complessiva dovrebbe così prender forma dopo una scrematura di tutte le proposte arrivate in questi giorni sul tavolo del ministro dell’Economia, Giulio Tremonti. Il percorso, più volte ribadito dal Governo, è quindi quello di presentare al consiglio dei ministri della settimana tra il 16 e il 22 giugno un pacchetto di misure che dovrebbero avere diversi ‘contenitori’: un decreto da approvare subito, uno che potrebbe arrivare a settembre, la Finanziaria vera e propria (che dovrebbe essere molto più asciutta), il Dpef che segnerà la strada per il prossimo triennio e infine alcune deleghe al Governo. Tra i vari provvedimenti arriverebbe anche la stretta fiscale sulle banche e sui profitti dei petrolieri come più volte ribadito dal ministro Tremonti. I numeri macro sono già noti: il premier, Silvio Berlusconi, parlava pochi giorni fa di un deficit per l’anno in corso al 2,5% mentre le leggi finanziarie da qui al 2011 dovrebbero avere un impatto annuo di circa 12 miliardi per complessivi 36 miliardi alla fine del periodo. Questo consentirebbe all’Italia di centrare il pareggio di bilancio nel 2011, cioé un anno prima di quanto richiesto da Bruxelles. Ecco in sintesi le ipotesi emerse oggi per la messa a punto della prossima Finanziaria:

– STOP ALLE NUOVE PROVINCE: Stop alle nuove province. La norma non è generica ma riguarda l’istituzione delle province di Monza – Brianza, Fermo, Barletta – Andria – Trani prevista da alcune leggi del 2004. Il risparmio stimato sarebbe di poco meno di 30 milioni.

– NO STABILIZZAZIONE PER PRECARI P.A.: Stop alla stabilizzazione dei precari nella pubblica amministrazione prevista dalle leggi finanziarie del 2007 e del 2008. Si consentirebbe comunque il riconoscimento del lavoro prestato nella pubblica amministrazione per i concorsi relativi all’assunzione a tempo indeterminato.

– BOLLETTA MENO CARA PER P.A.: Le pubbliche amministrazioni dovranno acquistare energia elettrica e combustibile da riscaldamento attraverso le convenzioni stipulate dalla Consip. Con la sola eccezione dei comuni, se le amministrazioni non si adegueranno è previsto un taglio del 30% delle risorse utilizzate nell’anno in corso per l’approvvigionamento. Si stima che il risparmio sarebbe di circa il 20-25% della spesa annua.

– SANZIONI E PREMI PER WEB IN P.A.: Se il dirigente della pubblica amministrazione ancora non usa il web per comunicare rischia una sanzione accanto alla quale si prevede però anche un premio per chi è più ‘digitalizzato’. Si prevede anche di accelerare la diffusione delle reti a banda larga anche attraverso l’offerta di servizi e contenuti destinati a cittadini ed imprese. Per far questo si punta a progetti realizzati in project financing.

– MENO CONTROLLI PER AZIENDE CON CERTIFICATO: Se un’azienda é ‘certificata’, cioé si sottopone autonomamente al controllo di qualità, di bilancio e ambientale, avrà meno controlli. Con un certificato, tipo la certificazione ISO 14000, sarebbe possibile sostituire tutte le verifiche da parte delle pubbliche amministrazioni. Le imprese risparmierebbero così tempo e risorse mentre le amministrazioni potrebbero concentrare i controli su settori più a rischio.

45 Risposte a “GOVERNO. NOVITA’ PROSSIMA FINANZIARIA: NO STABILIZZAZIONE PRECARI E STOP A NUOVE PROVINCE”

  1. Fabio said

    Non è possibile dopo quasi 20anni dire ai miei figli che sono un precario della Pubblica Amministrazione.
    Non è possibile che i governi che si sono succeduti e si succedono possano ancora giocare con la nostra dignità lavorativa.
    Non è possibile che finalmente un governo faccia una finanziaria che possa mettere fine a questa agonia, riconoscendo la professionalità acquisita durante tutti questi anni e poi un’altro governo stoppi la stabilizazione da punto in bianco.
    Credo che la cosa da fare veramente sia una rivolta popolare contro chi ostacola tale procedimento, impedendo l’acquisizione, tramite concorsi selettivi (secondo la finanziaria 2007 e 20087)della stabilità lavorativa e di conseguenza della serenità della vita.
    Spero questo commento possa far riflettere qualcuno di potere, visto che il popolo non è proprio “sovrano”.

  2. Dino said

    Complimenti al Sig. Brunetta che con la sua riforma mette i precari in un vicolo cieco senza vie d’uscite. Sono un precario a cui tra un anno scadrà il contratto ed ero già in fase di stabilizzazione in un Comune; tra un anno avrò 50 anni mi dice il Sig. Brunetta dove lo trovo un lavoro alla mia età? Complimenti ancora anche al Cavaliere il Robin Hood che toglie ai poveri per darlo ai ricchi come lui…..

  3. elena said

    Grazie caro Berlusconi, ad un passo dalla mia stabilizzazione lei mi ha bruciato . sono dodici anni che lavoro nel Comune, ho 52 anni, sono vedova da 10 anni e sto portando avanti 3 figli, orfani da piccoli ora maggiorenni e studenti.

  4. Paola said

    Ma perché le proteste dei precari non vengono rivolte ai governanti di sinistra che hanno promesso tante stabilizzazioni ben sapendo che non vi erano fondi economici da destinare a tale scopo?
    Forse il precedente governo non si era accorto della disastrosa situazione finanziaria???

  5. Anna said

    Ma perchè stiamo contribuendo affinchè ci rovinino la vita, attenzione la stabilizzazione che vogliono bloccare, ma ormai per chi ha inoltrato la pratica è un diritto acquisito, ma insomma dove siamo nel paese dei balocchi uno fa una legge e quindi si usufruisce di questa legge e il mattino dopo l’altro la toglie.
    sono d’accordo con il sig. Fabio solo una rivolta popolare può salvare l’italia.
    l’italia paese meraviglioso abbiamo il sole abbiamo il mare ma abbiamo dei pessimi amministratori eppure basta poco…

  6. Giovanna said

    E’ una situazione grave per i precari di una certa età, però non è neanche giusto che queste persone che erano coscienti che senza concorso non si può venire assunti in una P.A. si siano adagiate sugli allori senza trovare alternative e adesso si trovino con un contratto a tempo indeterminato nel settore pubblico, che soprattutto a livello di orari è molto meglio del privato. Invece chi si sbatte facendo continuamente concorsi, non riesce a venire assunto se non a tempo determinato, e si trova i co.co.co che già lavorano per un ente pubblico da anni, che partono da 5 o 7 punti in più e un trattamento di RIGUARDO in sede d’esame…sempre che non facciano il concorso farsa apposta per loro, come generalmente succede nella quasi totalità dei casi! E allora noi che studiamo siamo i più deficenti della terra???
    E’ uno schifo totale, ma il punto è che i cosiddetti precari nn dovrebbero essere mai esistiti, esiste una legge che parla chiaro e doveva essere rispettata fin dall’inizio, si entra per concorso stop e chiuso!!!!!!!!

  7. MAURIZIO said

    NIENTE NUOVA PROVINCIA? ALLORA LA PROSSIMA VOLTA NIENTE VOTO E NON VI RENDETE CONTO DI QUANTI SIAMO.
    NO PROVINCIA NO VOTO

  8. grazia said

    …………e io sono un idonea di concorso che vogliono far fuori con la stabilizzazione …sono contenta che il governo Berlusconi nn continui con questa storia …la priorita’ va data a chi a studiato e superato un concorso …altrimenti che significato diamo alla parola meritocrazia …..????

  9. Antonio said

    Io ho un contatto a tempo indeterminato in una P.A. e per poterlo ottenere ho fatto tanti sacrifici fra i quali trasferirsi a più di 1000 Km da casa con tutti i disagi e spese economiche che cio comporta, rifiutando di lavorare come precario nel paese dove sono nato e cresciuto. Per questo motivo ritengo Che la stabilizzazione dei precari sia una grande ingiustizia nei miei confronti e nei confronti di tutti coloro che come me hanno rifiutato la possibilità di ottenere facilmente un comodo lavoro, consapevoli di fare una scelta difficile ma che un giorno ci avrebbe premiti e ripagati di tutti i sacrifici fatti. Ora siamo invece consapevoli di aver sbagliato tutto!

  10. piero said

    ma cosa stai dicendo! sei pazzo!c’è gente che come te si è trasferita a 1000 km ANCHE SOLO PER UN CONTRATTO PRECARIO!!!!!!!!!!!!!quindi queste considerazioni soggettive non valgono nulla!ciascuno ha la sua storia, ma tutti hanno diritto ad un lavoro stabile…..

  11. antonio said

    non sono pazzo, anch’io penso che tutti anno diritto ad un lavoro stabile ma ci sono altri modi per ottenerlo come ad esempio bandire dei concorsi pubblici. La stabilizzazione dei precari è un’ingiustizia nei confronti di chi ha dovuto sostenere e superare un concorso pubblico. Io personalmente penso che sia solo una scusa per ottenere un lavoro stabile con il minimo sforzo.

  12. franco said

    Sono un precario,da circa otto anni sono stato sfruttato dal comune di appartenenza,il mio comune non ha mai avuto intenzione di procedere alla stabilizzazione anzi sono stato buttato in mezzo la strada, con enormi problemi economici.Mi accorgo purtroppo che in Italia chi decide sulla nostra vita è quasi sempre gente che pensa a sistemarsi i fatti propri, e sopratutto impreparata che ha la fortuna di andare al potere. In Italia purtroppo vi sono tantissimi ‘Stronzi’.Stronzo è colui,che con la sua preparazione spera di essere più preparato di chi da otto e più anni ha svolto nell’aministrazione di appartenenza lavoro inerente al suo ufficio e quindi ha acquisito preziosissima professionalità che non potrà mai essere uguagliata da chi si sente superbravo, poichè l’esperienza è l’autentica preparazione nel campo lavorativo.Inoltre vi invito a riflettere sui nomi dei vincitori dei vari concorsi comunali,’è una vera spartizione di posti’ guarda caso i figli o nipoti degli assessori sono i più preparati,e quindi naturalmente ogni concorso perde di credibilità.
    E giusto per concludere, quando questi co.co.co che con il loro lavoro hanno mandato avanti i propri uffici(è da tutti riconosciuto che i dipendeniti comunali di ruolo sono un branco di nullafacenti)vedono finalmente la possibilità di stabilizzarsi
    quando arriva il capo degli Stronzi che stoppa le stabilizzazioni
    ed alcuni sindaci danno il classico calcio in culo.
    In sintesi,Napoli è purtroppo pervasa dalla spazzatura, ma la puzza,per altre ragioni si sente in tutta l’Italia.

  13. carlo said

    concorsi…., precedenza a chi ha studiato…, belli ho iniziato come precario 15 anni fa con 480 mila lire al mese e i pagamenti non puntuali, anche noi abbiamo un titolo di studio, anche noi abbiamo fatto sacrifici, che chi ha sbagliato paghi ma non noi, avete ottenuto il nostro voto e adesso?
    ps abbiamo lavorato in nero per la P.A.

  14. ALFONSO said

    E’VERGOGNOSO RINGRAZIO TUTTI COLORO CHE HANNO VOTATO BERLUSCONI IL QUALE STA SOLAMENTE PENSANDO A SE STESSO

  15. Gabry said

    E’ semplice cercare di risparmiare per far quandrare il bilancio dello Stato, alle spese dei poveri lavoratori precari, sfruttati per anni (il sottoscritto per 11 anni) da Dirigenti e Funzionari nella P.A. Sono i precari della P.A. che hanno portato, in questi anni, avanti il lavoro nella P.A. con impegno e professionalità, spesso con ricatti. Un autentisco schifo!!!Un Governo che avalla questo sistema di sfruttamento dei lavoratori dovrebbe vergognarsi!!! Un buon Governo capace di fare delle scelte coraggiose dovrebbe tagliare a partire dall’alto dove serve di più e non dal basso violando i più elementari diritti del lavoratore. Non ho parole!! Credo che a questo punto siamo costretti ad agire come i giovani francesi di qualche anno fa!!Diamoci una mossa altrimenti questi ci uccidono!!

  16. federica forlani said

    Lavoro nella sanità e credo di non aver mai rubato lo stipendio come credo che sia ignobile che esistano accanto a me colleghi che fanno il mio stesso lavoro e che prendono la metà di quello che prendo io che lavoro dal 1980 ( stipendio base almeno)Nella sanità gli ospedali a cui era impedito a causa delle varie finanziarie di indire concorsi ed assumere hanno assunto con tante svariate forme di contratto che considerano l’operatore un lavoratore di serie z senza nessun diritto e tanti doveri Non ci si può meravigliare che molti medici come me e molti infermieri decidono di andare lavorare all’estero dove considerazione e stipendio sono migliori , Il nostro paese sta andando in malora , tutti i nostri migliori “cervelli” fuggono , lo farei anch’io se non avessi una madre anziana

  17. Mauro said

    Caro Signor Presidente le faccio i miei migliori auguri per il proseguo della sua vittoria elettorale, ma si ricordi che la dignità delle persone non si compra, io come tanti altri mi sono illuso che votandolo avrei avuto un beneficio sul mio futuro, in effetti lei con lei parole è molto bravo, ha promesso ha detto, io faccio, ecc….. invece ora leggo che le nuova finanziaria vieta la stabilizzazione dei precari nella P.A., mettendo così migliaia di persone in una situazione economica pietosa, ma si rende veramente conto che non si scherza con la vita delle persone, certo lei non ha il problema di dare a mangiare ai suoi figli, per cui queste sono solo parole che non verranno considerate sicuramente da lei, ma qualcuno lassù ci ascolterà, e se mi permette pregherò affinchè Dio lo faccia riflettere su quello che stà facendo. Auguri Presidente

  18. Gabriele said

    Negli ultimi anni l’impossibilità di accedere con un concorso nella P.A. ha portato all’uso indiscriminato di forme di lavoro atipiche che nascondevano rapporti di tipo subordinato. Certo, i lavoratori non avrebbero dovuto accettare questa incongruenza ma credo sia ben più grave la responsabilità di coloro che hanno gestito il personale con leggerezza coinvolgendolo in mansioni non compatibili con i vari cococo, contratti a progetto, borse di studio, ecc. Ora di fatto molte attività della P.A. sono sostenute esclusivamente da personale precario. Il vecchio governo Prodi aveva almeno preso atto del problema e aveva indicato una via per uscirne. Ritengo inaccettabile un colpo di spugna in questa fase. I signori che scrivono sopra dovrebbero scandalizzarsi più di questo atteggiamento che non della possibilità che i precari vangano assunti con concorsi riservati. In fondo loro l’opportunità di partecipare ad un concorso l’hanno avuta, i precari no.

  19. Alessandro said

    A mio avviso, la questione “precariato” dovrebbe essere studiata un po’ piu’ da vicino perche’ riguarda svariate categorie. Sarei piu’ che daccordo con la stabilizzazione dei precari che operano in alcuni settori dove non si recherebbe alcuna penalizzazione ad altri lavoratori della stessa categoria. Ma questo purtroppo non e’ cosi in ambito Sanitario in cui io sono impegnato.Ci sono lavoratori, quali Infermieri ecc.. che si sono visti costretti a lasciare le proprie famiglie e la propria terra d’origine per poter conseguire un impiego a tempo indeterminato con la speranza un giorno di poter essere trasferito a casa. Con la stabilizzazione dei precari non si farebbe altro che mancare letteralmente di rispetto a questi lavoratori che fin ora conoscono solo sacrifici, mentre chi e’ rimasto a casa accontentandosi di “essere precario” si vedrebbe scendere una manna dal cielo con il gran regalo “STABILIZZATO”. Il mondo del lavoro e’ un mondo aperto a tutti e non si agevola nessuno. Piu’ concorsi si’ per tutti..ma regali a nessuno ! (almeno in Sanita’)

    Grazie, Alessandro da Grottaglie (TA)

  20. barbara said

    Sono una laureata, precaria nella PA, che prende 4 soldi al mese e per giunta anche invalida a causa di una malattia seria.
    non sono stata per nulla agevolata dallo Stato (anche se la legge lo impone)nella ricerca di un lavoro che mi desse almeno la dignità di mantenermi da sola.tutto quello che ho avuto me lo sono dovuto sudare.
    un unica cosa mi consola: non essere stata una dei tanti che ha votato pre Berlusconi.
    lo avete voluto e adesso ve lo tenete.purtroppo paghiamo tutti.

  21. nicola said

    Mi chiamo Nicola Esposito, ho lavorato presso il comune di Ischia per 5 anni e 6 mesi esatti.
    Ci ho lavorato in virtù di oltre 20 rinnovi di convenzione.
    La prima convenzione è del 1 dicembre 2001, sino ad arrivare all’ultima, quella che va dal 1° gennaio 2007 sino al 30 giugno 2007.
    In questo periodo si sono avvicendate 4 amministrazioni, precisamente prima un Commissario Prefettizio fino a giugno 2002, poi un Sindaco, fino a luglio 2006, di nuovo il Commissario Prefettizio ed ora c’è il Sindaco.
    Precisamente si tratta di DECRETI sia del Commissario Prefettizio sia sindacali, accompagnati da CONVENZIONI e DECRETI DIRIGENZIALI.
    In data 18.04.2004 con prot. 469/06 U.T.C. il Dirigente del Settore Tecnico disponeva la NOMINA del Geom. ESPOSITO, congiuntamente ad un altro geometra inserito a tempo indeterminato nella pianta organica del Comune, quale Responsabile del Procedimento ai fini del rilascio delle autorizzazioni ai sensi dell’art. 42……., il che dimostra la parità di trattamento che avevo ai fini della distribuzione dei carichi di lavoro.
    Per dovizia di particolari è bene specificare che il Geom. Esposito oltre ad espletare tutti i compiti indicati nello schema di convenzione, gli sono state attribuite sin dalla prima convenzione…….tutte le funzioni dettate dalla Legge, dallo Statuto e dal Regolamento vigente relative ai posti di organico di ISTRUTTORE DIRETTIVO TECNICO AMMINISTRATIVO.

    In questi 6 anni i 20 rinnovi si sono susseguiti senza alcuna interruzione, eccezione fatta per un periodo di 5 giorni dopo circa 3 anni e mezzo di rapporto continuo, anche se si è trattato di un’interruzione solo sulla carta in quanto, materialmente, il sottoscritto ha continuato a lavorare, solo che il rinnovo mi è stato fatto firmare in ritardo per un loro problema burocratico.
    Tutto ciò ho la possibilità di provarlo.
    Ora mi chiedo:
    Nel mio caso è applicabile il 368-2001 per la trasformazione del rapporto a tempo indeterminato, facendo soprattutto leva sulla sentenza della C- 212/04 della Corte Europea in Grecia?
    Ho in ogni modo diritto alle varie gratifiche come tredicesima, indennità, versamenti contributivi ecc.ecc.?
    Infine, prima di iniziare questo rapporto di convenzione con l’attuale Comune, ho vinto, classificandomi nei primi 10, un concorso per un posto a tempo determinato in un comune limitrofo a quello dove lavoro. Precisamente si trattava di : Oggetto: selezione pubblica per esami per il reclutamento di una unità a tempo determinato categoria C1 (ex qualifica funzionale) – GEOMETRA – per mesi quattro per il periodo 01.09.2001 – 31.12.2001, da assumere presso l’U.T.C. DATA DI PROTOCOLLO RICHIESTA 13 AGO 2001 N° 009230.
    Può essere importante?

    Sulle varie convenzioni allegate ai decreti di nomina è scritto che ai sensi dell’art.13 della Legge 23.12.1992 n° 498, in conseguenza dei ripetuti rinnovi di convenzione, il Comune non è soggetto all’adempimento degli obblighi derivanti dalle leggi in materia di previdenza ed assistenza (?) non ponendo in essere alcun rapporto di subordinazione?
    E’ possibile tale tipo di discriminazione?

    PER EFFETTO DI QUANTO SOPRA, LA POSIZIONE DEL SOTTOSCRITTO RIENTRA FRA QUELLE DISCIPLINATE DAI COMMI 558 E SEGUENTI DELL’ART. 1 DELLA L. 27.12.2006 (FINANZIARIA) CON IL CONSEGUENTE DIRITTO ALLA STABILIZZAZIONE?

    Dietro consiglio di un legale ho avanzato una semplice istanza al protocollo dove era richiesta la mia stabilizzazione secondo quanto previsto dalla Finanziaria.

    Ho protocollato il 6 marzo 2007 la richiesta di stabilizzazione indirizzata al dirigente, al segretario ed al commissario prefettizio (è un comune commissariato) e ancora oggi non ho avuto alcuna risposta! E’ NORMALE???

    INOLTRE, SECONDO LA PIANTA ORGANICA STILATA NELL’APRILE 2007, E’ VACANTE UN POSTO DI GEOMETRA PROPRIO DOVE IO LAVORO.
    CREDO CHE CI SIANO TUTTE LE POSSIBILITA’ PER RIVOLGERMI AL GIUDICE DEL LAVORO, soprattutto alla luce di quanto contenuto nella Circolare 10/07 e relativa al DFP del 20/07/07!

    Gradirei un suo parere sulla questione.
    Grazie.
    Nicola Esposito INVIARE RISPOSTA A : geomnicolaesposito@libero.it

  22. Vincenzo said

    Salve a tutti!
    Sono un infermiere Professionale che per evitare la precarietà ha dovuto emigrare a nord, dove ha vissuto e lavorato per 13 anni a tutt’oggi, a differenza di molti miei colleghi che sono stati a casa loro e, senza nessun concorso , stavano ottenendo i miei stessi risultati.NON E’ GIUSTO !!!!!!!!!!!!!!
    Diamo merito alle professionalità acquisite dalle varie figure in P.A. , sicuramente, ma non cambiamo i metodi di reclutamente del personale, sarebbe ingiusto pre chi ha fatto 1000 concorsi per vincerne 1 .
    Scusate il mio inverso pensiero, però piacerebbe anche a me lavorare a CASA MIA come stavano per fare tanti precari che mai si sono spostati per un futuro stabile.
    Ciao a tuttti.

  23. fred said

    Ciao a tutti mi dispiace commentare in senso negativo le vostre domande è risposte , ma vi rendete conto che vi state facendo la guerra fra di voi? mentre loro(i politici….) si arricchiscono alle vostre spalle, sperperano i nostri soldi tra la Libia è le passeggiate con aerei dello stato, chi se ne infiscchia dell’ unità d’Italia, chi alza il dito contro l’inno dei nostri nonni che ci hanno dato benessere, una vita senza guerre ed ora ci fanno saltare i nervi tra di noi, siamo noi i più forti di loro… Dico, anzi diciamo basta, è giunto il momento di reagire altrimenti non possiamo più mettere neanche un tozzo di pane sulla tavola. Giratevi in torno è vedete quanto lavoro c’è, per tutti ed a lunga durata( minimo altri 20 anni) ma sono loro che non vogliono far decollare il paese collassandolo. E a te Vincenzo ti rendi conto che per trovare lavoro sei dovuto emigrare? Se emigriamo tutti che fine farà la nostra terra natia? Chi è rimasto ha dovuto sopportare i soprusi di questa è l’ altra classe politica. Uno sfogo GRAZIE.
    P.S. Lavoro con un agenzia di Milano

  24. Luigi said

    Sono un coadiutore amministrativo assunto presso un’ASL nel 2005 con un contratto co.co.co.! Essendo maturati i tre anni di contratto (che scade il 31 dicembre), secondo l’art. 49 del decreto Brunetta dovrei essere licenziato? Per favore chi è in grado di rispondere alla mia domanda esaustivamente lo faccia!Grazie

  25. maria said

    salve sono una delle migliaia di precari che lavora dal lontano 1989 nei vari uffici della pubblica amministazione della cara Sicilia ho 40 anni e sono tra le più piccole c sono persone che oltreppassano i 50
    sono nata con l’art. 23, per favore non ridete,lo so che nella smorfia napoletana e penso in tutta italia significa, culo inteso come fortuna, ma che c….. di fortuna sono quasi vent’anni che veniamo sfruttati di noi ne fanno quello che vogliono. racconto un pò cosa significa essere precario a quei signori che devono ritenersi fortunati se hanno un contratto a tempo indeterminato perchè dicono loro se lo sono guadagnati con un concorso, con la loro bravura. che ne sapete voi se precari non hanno cercato di fare concorsi di spostarsi per poter lavorare e mantenere le proprie famiglie?
    ma sapete non tutti hanno santi in paradiso e cmq concorsi sono decenni che no ne vengono banditi. Il precario è quella persona che è diplomato laureato,ha la lcenza media,che svolge un lavoro sotto pagato nelle pubbliche amministrazioni come:provincie,comuni,sedi regionali ecc. molte volte declassato a livelli inferiori rispetto al proprio titolo di studio. svolgono molte volte mansioni che voi impiegati di ruolo vi rifiutate di svolgere perchè a vostro parere indecoroso come se noi siamo bestie e non persone eppure noi li svolgiamo. perchè cmq il lavoro nobilita l’uomo
    se non ci fossero i precari molti uffici rimarrebbero chiusi.
    andate agli sportelli degli uffici dei comuni e chiedete chi sono le persone che vi stanno dando delle informazioni, che vi stanno rilasciando un documento, che precisiamo non è firmato da loro perchè a loro non è permesso firmare atti pubblici, ma siete voi che state dietro le quinte a fare altro che non potete avere cntatti con il pubblico e in caso prendervi i loro insulti.
    Andate in ospedale e chiedete al barellista chi è, che titolo di studio al 80% vi risponderà che è u precario che diplomato che è laureato e che se vuole campare deve accontentarsi di trasportare i malati. e quelli che sono entrati con il concorso dove sono? BOH non si sa
    poi chiedete quanto percepiscono al mese come stipendio la risposta sarà al massimo di 900 euro mensili ma considerando anche gli assegni familiari se invece per sfortuna non si hanno figli allora si può arrivare al massimo a 800 euro.
    e sapete un’altra cosa molto ma molto ingiusta e vergognosa?
    che dopo tanti anni di lavoro io come precaria dal 1989 al novantasei nn mi sono riconosciuti come anni di lavoro”ho fatto volontariato” dal novantasei al 2005 se voglio a fini pensionisti li devo riscattare part- time a mie spese dal 2005 ad oggi questi anni mi vengono riconosciuti ma sempre part- time in conclusione io da quasi vent’anni lavoro e fino adesso perla mia pensione ho cumulato solo ed esclusivamnete un anno e mezzo di marche perchè con il misero stipendio di 645.00 euro al mese non mi posso permettermi di riscattarmi gli anni che vanno dal 1996 al 2005.
    voi cari inpiegati a tempo indeterminato avete tutto pronto per la vostra pensione noi andremo via a calci in culo senza niente neanche un arrivederci e grazie.
    adesso mi rivolgo a cari politici in genere a cominciare da quelli che durate le varie campagne elettorali ci avete triturato le palle bersagliandoci con i vostri volantini con le vostre promesse da ipocriti stronzi che vi siete spacciati per amici nostri che avreste peronato la nostra causa dove cazzo siete ormai vi siete sistemati vi beccate i vostri bei soldi mensilmente e di noi vene siete sbattuti
    faccio un nome a caso un onorevole della camera a roma il caro carmelo briguglio che grazie a noi poveri fessi articolisti lo abbiamo innalzato agli altari prima della regione siciliana e poi in quelli di roma dove sei che fine hai fatto?
    mi rivolgo ai sindaci dei vari comuni che vi porterà avanti gli uffici quandò noi andremo via quando gia nel mio solo comune c’è una carenza di organico di 900 unità e noi precari siamo solo 300.
    e a te caro brunetta che a matrix non hai saputo dire alto che ti dispiace perchè non cominci a licenziarti dal tuo posto di lavoro dove non ti degni di andare e da il posto a chi vuole lavorare e non coe te solo prendersi i soldi a fine mese e non perdere il posto quando sarai cacciato a pedate nel culo dal governo
    ma come sarebbe bello vedere te il tuo degno amico fungo velenoso più di te Il caro berlusconi
    ammalati in una corsia di ospedale ad aspettare unbarellista che vi porti a fare degli esami equesto non arriva e vi chiedete come non arriva nessuno e cominciate a urlare e vi viene detto che non c’è nessuno che la spinga perche ai precari non è stata fatta la stabilizzazione e sono stati mandati a casa
    Brunetta fatti un’esame di coscienza apri la tua mente bacata e invece di fare cazzate e portare l’italia allo sfacello più totale e portarlo alla miseria ragiona con il cervello se ne hai altrimenti mettete assieme i cervelli di tutti i parlamentari e vedete di dare lavoro di stabilizzare chi ha lavorato per tanti anni anche perchè riflettete se tutti i precari dell’italia vanno a casa ci saranno meno entrate nelle casse dello stato perchè non potranno pagare le tasse non avranno soldi da spendere e quindi il dernaro non circolerà
    e cmq continuando di questo passo non pnso che andrà a finr ben

  26. MARIUSX said

    Ragazzi, anzi ex ragazzi è una tragedia apocalittica.
    Ma il mio comune (MAzara della Valle) per farla più drammatica lo sapete cosa ha fatto ….
    Su 140 circa unità contrattiste ex articolisti 85/95 ed successivi acquisti circolare regionale sicilia 2004.
    Ad 10 unità, completi di camicia dalla nascita un contratto fino al 2010 di continuità di progetto (i divini)con motivazioni del tipo sostituiscono l’anziano che và in pensione oppure ha bisogni familiari,(massoneria dirigenziale) altrettante circa unità, della in forza come agenti ausiliari (altra patata bollente) perchè fanno moneta con i verbali , uno spettacolo..
    Il resto dei 140 a mare.
    che classe !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  27. claudia said

    Carissimo Silvio, carissimo Renato ho lavorato coscienziosamente e con molta serietà presso le varie istituzioni a cui sono stata assegnata di volta in volta, sono una co.co.co. ex l.s.u. ex art. 23: HO SEMPRE FATTO IL MIO DOVERE e forse anzi sicuramente molto di più avrei mille modi per dimostrarvelo ed i miei colleghi insieme a me.
    L’unico handicap è stato sempre il marchio che ci portiamo addosso…ahh siete dei co.co.co…. SI SIAMO DEI CO.CO. CO. NON PENSO SIA UN DELITTO. Abbiamo sempre lavorato in maniera seria, dignitosa e professionale, ricoprendo spesso e volentieri dei ruoli che non sono di nostra competenza, ma non ci siamo mai tirati indietro neanche quando siamo stati SFRUTTATI E MALTRATTATI da chi aveva il potere di farlo. Un pò per timore ma soprattutto per dimostrare che anche noi valiamo tanto quanto chi si lamenta perchè ha studiato, o ha sostenuto un pubblico concorso o si è dovuto trasferire. Anche noi abbiamo studiato: siamo tutti diplomati o laureati solo che non abbiamo avuto la “fortuna” di superare questi famosi concorsi che nel frattempo non abbiamo smesso di fare chissà come mai… forse non eravamo abbastanza raccomandati! Quindi, per favore smettetela di mettervi dalla parte di chi governa. Quanto a voi cari Silvio e Renato vi sfido a vivere con 1000 euro al mese e tra un pò forse nemmeno con quelli.
    VERGOGNATEVI E IMPARATE A GOVERNARE, SPERO CHE TUTTI GLI STRONZI CHE VI HANNO VOTATO SI RENDANO CONTO IN QUALE SITUAZIONE DI MERDA CI TROVIAMO E NON SOLTANTO PER I CO.CO.CO. AI QUALI NON SI VUOLE DARE UNA STABILIZZAZIONE DOPO 20 ANNI DI LAVORO.
    CARISSIMO SILVIO PRIMA O DOPO ANCHE IL TUO REGNO CROLLERA’, CARISSIMO SILVIO NON POTRAI CONTINUARE AD IMBROGLIARE IN ETERNO
    CARISSIMO SILVIO PRIMA O DOPO, MA IO SPERO PRIMA, ANCHE TU DOVRAI DARE CONTO A “QUALCUNO” PIU’ POTENTE DI TE… E ALLORA SARANNO CAZZI AMARI!
    CARISSIMO SILVIO…

  28. GIANFRANCO said

    LA COSTITUZIONE DICE: NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE SI ACCEDE TEMPO INDETERMINATO SOLO X CONCORSO E FINE LI’

  29. claudia said

    LA COSTITUZIONE DICE ANCHE: LA REPUBBLICA RICONOSCE A TUTTI I CITTADINI IL DIRITTO AL LAVORO E PROMUOVE LE CONDIZIONI CHE RENDANO EFFETTIVO QUESTO DIRITTO

  30. lorenzo said

    Caro Berlusconi & Co., ma davvero pensate che il problema più grande da risolvere siaa l’Alitalia? I precari della Sanità assicurano i servizi essenziali in tutte-e dico tutte- le ASL.
    Prima li avete sfruttati, questi medici, facendoli lavorare gratis mentre si specializzavano, in spregio delle normative europee, generando così un contenzioso che và avanti da anni e dopo, sfruttai ancora con contratti a termine guarda caso rinnovati alla scadenza perchè ovviamente il personale serve…..si entra solo per concorso nelle P.A.? E i concorsi quando li fate? Se una ALS fà un avviso pubblico per del personale medico, vuol dire allora che ha commesso un abuso? Doveva fare un concorso? Piantatela con questa ipocrisia, ed anche con l’ipocrisia di chi ha vinto un concorso e si lamenta di essere stato assegnato ad una sede troppo distante! Giusto per informazione, anche i precari si sciroppano centinaioa di KM al giorno per lavorare, e senza nessuna garanzia sul futuro. Fareste meglio a tacere e lavorare, ringraziando eventualmente chi vi ha raccomandato, o la vostra buona sorte se ci siete riusciti da soli….comunque non disperiamo, mi sembra che Silvio abbia superato i 70..e qualche problemino di salute sembra averlo…chissà, forse ci fà un regalo!!!

  31. Letizia said

    MA è sicuro che saltano le stabilizzazioni?

    Io dovrei fare il concorso riservato ad ottobre! Il decreto non è ancora stato approvato giusto? E comunque partirà dal 2009?

    Grazie
    Ciao

  32. Salvo said

    Bene, finalmente ripristinata la legalità.
    La nostra Costituzione, sino ad ora, ritenuta da alcuni carta straccia, finalmente rappresenta qualcosa. Ci sono precari che non hanno nemmeno svolto un concorso e che pretendono chissà cosa. Noi siamo dipendenti di ruolo, vincitori di concorso, lavoriamo in un Comune e ci siamo visti scavalcare da questi raccomandati da una classe politica e sindacale corrotta. Viva Berlusconi, grande Brunetta. Finalmente qualcosa si muove.

  33. Floriana said

    Fate schifo, Brunetta e company, in nome del popolo italiano ci pentiamo del voto che ci avete estorto, oggi grazie a voi molte famiglie si ritroveranno in mezzo ad una strada! Ho 34 anni, un bambino e sono separata, non ho di che vivere e proprio adesso che ho vinto un concorso nell’ambito della P.A invece di sperare in una stabilizzazione mi ritrovo solo con un contratto che scadrà a gennaio, col dubbio che possa essere rinnovato. A partire da Gennaio cosa darò da mangiare a mio figlio? Mi auguro che il governo si prodighi a ripristinare la situazione previgente e salvaguardare i diritti dei più deboli, perchè altrimenti mio caro cavaliere si ritroverà l’Italia contro e non andrà avanti, e la sua scalata avrà fine. VOGLIAMO LA STABILIZZAZIONE!!!!!!

  34. Angela said

    lavoro nella pubblica amministrazione dal 2005 a contratti a tempo determinato. Fine 2008 scade il contratto triennale di assunzione e ho appena un anno di lavoro sommando tutti i periodi di rinnovo contratti e quindi i mesi lavorativi svolti…Che amarezza, dovrò fare i bagagli….

  35. ezio said

    sono precario dal 1989 in sicilia. si compilava una domandina e tramite l’ufficio di collocamento si veniva inseriti in una graduatoria che permetteva attraverso il tuo titolo di studio di partecipare al tristemente famoso ex art. 23 (che culo!) con 400 mila lire al mese abbiamo svenduto la nostra vita, e anche quella lavorativa. il bisogno e la speranza di un lavoro sicuro che a turno veniva promesso ci ha incanalato in una vicolo cieco, pieno di doveri e senza mai diritti. abbiamo lavorato in “nero” per la regione siciliana per 17 anni, acquisendo professionalità e tappando buchi e comunque essendo considerati di serie b. sfruttando la nostra competenza che sempre abbiamo messo a disposizione per la pubblica amministrazione e specialmente nell’informatizzazione dei servizi. adesso anomalia delle anomalie pur essendo uno dei primi a partire con i contratti di diritto privato (per un incidente burocratico) da gennaio scorso lavoriamo solo 18 ore settimanali e guadagno circa 700 € al mese. da 6 anni ho lavorato con un contratto di diritto privato che scade a novembre 2008. premesso che mi piacerebbe avere televisioni private, banche, editoria ecc. ma che mi rendo conto che non tutti possiamo essere imprenditori e non tutti dal “nulla” possiamo diventarlo. che non tutti possiamo essere capo di governo e farci le leggi che più ci interessano. dopo la fame che abbiamo fatto, dopo i sacrifici psicologici che abbiamo subito, le insicurezze, le frustazioni, le discriminazioni essere pure considerati privilegiati, solo perchè nelle pubbliche amministrazioni si entra per concorso e noi il concorso lo facciamo ogni giorno da 20 anni con la nostra faccia al cospetto dei cittadini, dei colleghi di ruolo, dei dirigenti, e delle amministrazioni ci sembra proprio una grande “BEFFA”. dopo 20 anni arriva Brunetta e ci dice abbiamo scherzato, adesso cercatevi un lavoro. Viva l’Italia dopo venti anni il salvatore della patria aiuta le banche e calpesta la dignità i diritti essenziali fatti da tanti anni di lotta del popolo. facile essere forti con i deboli e deboli con i forti.

  36. precario said

    Sono co.co.co da sei anni con contratto rinnovato annualmente. Se adesso non mi rinnovano, sig. MINISTRO cosa devo fare? Le auguro che nel corso della sua vita abbia a vivere una situazione così (cattiva e miserabile)per rendersi conto di persona. Vada a scovare gli evasori fiscali che sono tanti, i fannulloni ecc. ma non infierisca sui poveri precari. SPERO CHE I SINDACATI SI OPPONGANO A QUESTA BRUTTA COSA E BRUNETTA TORNI SUI SUOI PASSI.

  37. Lucio said

    Caro Salvo,
    “Ci sono precari che non hanno nemmeno svolto un concorso e che pretendono chissà cosa. Noi siamo dipendenti di ruolo, vincitori di concorso, lavoriamo in un Comune e ci siamo visti scavalcare da questi raccomandati”

    Secondo me invece il vero raccomandato sei proprio tu, si, tu che hai dovuto solo vincere un concorso per metterti l’anima in pace e le palle al calduccio.
    Tu che puoi usufruire dei “privilegi” del Contratto nazionale e del Decentrato di comparto, tu che puoi anche stare a girarti i pollici tutto il giorno, tanto, al massimo ti becchi un trasferimento.. Tu che HAI DOVUTO DIMOSTRARE DI SAPERE QUALCOSA UNA VOLTA SOLA per avere il beneficio di un futuro economicamente sicuro (concedendoti il dubbio della non raccomandazione).
    Io ho 32 anni, sono precario da 11, in due diversi comuni.
    Sai quanti ne ho visti di “dietro le quinte” di concorsi? Sai quanti ne ho visti di raccomandati? Io invece ho sempre dovuto ELEMOSINARE una proroga, un rinnovo.. perchè si sa, che in italia e soprattutto nella PA la meritrocrazia non esiste, la PA è “un’azienda” che non mira al prodotto, ma hai mezzi con cui se ne viene.
    E’ solo una questione di leggi, quindi mio caro Salvo NON ROMPERCI I COGLIONI, più di quanto lo faccia il ministro Brunetta.

    Cordialmente

  38. Lucio said

    “ma hai mezzi con cui se ne viene”

    Scusate la distrazione “ai”

  39. michy said

    Chiedo solo un lavoro per vivere: lavorare per contribuire in modo positivo a favore della nostra collettività
    Sono un precario anche io e ci tengo a precisare che, anche noi che abbiamo i requisti per essere stabilizzati abbiamo superato delle prove selettive simili ai concorsi “pubblici per assunzioni a tempo indeterminato” (addirittura in cinque anni di lavoro non continuativo svolto in P.A. ho partecipato a tre selezioni etc…), quindi non si può dire che noi tutti siamo persone non meritevoli di ricoprire il posto per il quale siamo stati assunti.
    inoltre mi fa piacere ricordare che ho 34 anni, che non sono un figlio di papà, non sono l’amico degli amici, non sono un politico, non faccio parte di associazioni etc…… , lotto e stò lottando nel rispetto della legalità (uno dei tanti principi insegnatomi dai miei famigliari, che stà diminuendo sempre di più ogni giorno che passa), solamente per dare un futuro alla mia famiglia (moglie ed un bimbo di circa 1 anno di età) che dal 31-12-2008 si troverà senza un modesto stipendio di circa € 1.100,00 mensili.
    E’ ora di smetterla di fare la guerra tra poveri (precari e non, e coloro che sono in attesa di assunzioni presso P.A. perchè vincitori di concorsi, siamo tutti nella stessa barca) la vera guerra va fatta contro coloro che stanno sopra di noi che che fanno il bello ed il cattivo tempo quando e come voglione ( i nostri AMMINISTRATORI E POLITICI ai quali si fa molto spesso ricorso per aiuti e raccomandazioni in cambio di non so cosa; anche perchè se ad oggi vista la mia particolare situzione, che penso sia anche di tanti antri come me, se sapessi cosa vogliono in cambio, forse quel principio di legalità al quale ho fatto molto spesso ricorso potrebbe vacillare.
    Inoltre voglio precisare a noi FANNULLONI PRECARI (forse sfruttati dalla P.A.) che proprio ieri sera sono rimasto piacevolmente sconvolto nel venire a conoscenza che i nostri AMMINISTRATORI (di destra e di sinistra) si possono permettere di aumentare il loro umile stipendio che ad oggi è compreso tra € 118.000,00 e € 485.000,00 annui (tutto meritato vista la volontà che ci mettono per migliorare la situazione del Paese); quanti lavoratori precari si possono regolarizzare con solo € 118.000,00 annui?
    inoltre mi torna in mente che nella precedente attività politoca del primo governo del bravissimo Cavaliere, si pubblicizzava in TV e si parlava addirittura che bisognava non fermare l’economia del pease (in quanto risorsa vitale) spendendo tutti i soldi quadagnati (tengo a precisare soldini regalati a noi FANNULLONI PRECARI e non meritevoli) in prodotti di uso commerciale in modo da rilanciare e non fermare l’econimoia del paese stesso; ma quali soldi verranno spesi se l’attuale Governo stà bloccando le assunzioni ed addirittura stà fortemente effettuando tagli del personale? Se una persona non ha soldi come fa a spenderli?
    E’ ora di finerla con il fatto che siamo sempre noi poveracci che dobbiamo stringere la cinghia quando con circa € 1.100,00 mensili ad oggi non si arriva neanche alla fine del mese.
    CI DICONO CHE E’ ORA DI CAMBIARE E DI FARE SACRIFICI, che da decenni stiamo affrontando – MA LORO QUESTI SACRIFICI QUANDO MAI L’HANNO AFFRONTATI ?

  40. francesco said

    Siamo alle solite. dopo 20 anni di umiliazioni e di lavoro in nero a favore della pubblica amministrazione senza nessun contributo versato, ci ritroviamo ancora una volta a perdere la dignità e leccare il culo al politico di turno (di destra e di sinistra)che si adopererà per noi senza mai risolvere in modo definitivo il problema.
    A coloro che provano invidia della nostra situazione gli auguro una prospettiva di lavoro uguale a quella nostra a loro, ai loro figli ed ai loro nipoti, (provare per credere).
    In un comune della sicilia da articolista e da precario senza nessun contributo versato mi hanno fatto svolgere lavori importanti nell’informatizzazione dell’amministrazione e nel protocollo informatico con regolare ordine di servizio. Premesso che nessun impiegato, cosidetto di ruolo, si sforzava un poco il cervello ad usare il computer. Ed allora c’erano gli articolisti che pur di mostrarsi capaci ai dirigenti ed i politici sono disposti a tutto, dai lavori più umili ai lavori più importanti.
    Ora ci prepariamo ad un nuovo periodo di incertezze, di promesse, di riunioni sindacali, forse di scioperi,
    tutti con le parole comprendono il nostro disagio ma in fondo in fondo sul posto di lavoro si avverte la vendetta sadica degli impiegati di ruolo, la speranza di qualche politico locale di poter sistemare il proprio figlio al nostro posto con qualche concorsuccio fatto apposta per lui. Del resto non ci dimentichiamo che quelli che sono di ruolo sono entrati tutti con concorsi frutto della spartizione politica locale, mentre noi, ricordo, siamo entrati esclusivamente rispettendo la graduatoria dell’allora ufficio di collocamento.
    Provo vergogna a dare spiegazione ai miei figli ormai grandetti che questo Natale dobbiamo risparmiare più di prima perchè il Ministo Brunetta ha fatto una legge contro i precari.
    vi prego aiutateci e sosteneneteci. Grazie.

  41. Gioacchino said

    Che fine faremo i co.co.co. assistenti amministrativi delle scuole se non si prevede la copertura nella finanziaria del 2009, e che situazione di immenso disagio vivranno le scuole dove prestano servizio. Dopo 20 anni di precariato e 8 di co.co.co., è veramente una vergogna. Ci avviciniamo sempre di più ad una catastrofe sociale. MEDITATE governo, MEDITATE!

  42. Giovanni said

    Berlusconi e Brunetta andate a lavorare.
    Unica soluzione via dall’ Italia.
    Viva i precari

  43. Giampiero said

    Sono convinto che con questo scritto ,tutti i dipendenti pubblici leggendolo si icazzeranno , purtroppo bisogna essere realistici e non parlare con mezzi termini . Tutte le persone che fino ad ora hanno preferito stare alle dipendenze dell’amministrazione pubblica perchè è troppo comodo , lo stipendio ho poco ho tanto , fino ad ora se lo sono portato a casa , infischiandosene se tutti i governi che si sono susseguiti hanno dovuto derubare anche il restante dei cittadini Italiani per poter mantenere un sistema di serbatoio elettorale , ma ci si rende conto che in Italia siamo al primo posto MONDIALE per avere più dipendenti pubblici che nei confronti di tutto il globo terrestre , che la macchina pubblica fino ad ora quel poco che a funzionato lo a fatto malissimo, negli altri stati del resto del mondo , con moltissimi meno dipendenti riescono mille volte in più dell’Italia a far funzionare il sistema e specialmente spendendo molto meno e a far si che la produttività sia al primo posto , da noi l’assenteismo protetto dai sindacati è al primo posto mondiale , siamo al primo posto anche nel truffare dando incarico magari ad altri di timbrare il cartellino .
    Di cose da dire sui dipendenti pubblici ci sarebbe da scrivere un libro , ma non continuo tanto non ne vale la pena , un’ultima cosa però la voglio aggiungere , il mio augurio è che questo Governo non guardi in faccia nessuno , scancelli tutte le Province e tantissimi enti disutili e riduca al minimo indispenzabile il personale occorrente , meglio ancora se il tutto viene dato hai privati così in tanti imparano a capire cosa significa lavorare e guadagnarsi onestamente lo stipendio . Giampiero il Toscanaccio

  44. Giampiero said

    Salve : Buon Anno a tutti , anche ai dipendenti Pubblici , sono rimasto meravigliato che fino ad ora nessuno a risposto alla mia provocazione , forse in tanti e specialmente la signora Claudia ( al n. 27 qui sopra ) si sono resi conto di quanto sia veritiera la mia provocazione e pertanto in fondo al loro essere una vocina gli dice che quanto loro sbraitano non è altro che abitudine , una sporca abitudine , quando la salute non cè si va dal Dottore , quando non siamo contenti della nostra posizione sociale , un consiglio lo dò volentieri , i Marocchini vengono in Italia , quì chi ci sta male e continua a brontolare è pregato ad accomodarsi in Marocco .
    Poi se non volete , potete anche non rispondermi . Ciao a tutti Giampiero il Toscanaccio

  45. claudia said

    Buon anno Giampiero ti avrei risposto ancora prima se avessi capito immediatamente quello che vuoi dire. Ho dovuto rileggere più e più volte quello che hai scritto, mi pare che tu abbia le idee un pò confuse. Ho detto che sono una co.co.co. molto probabilmente tu non conosci questa realtà ecco perchè parli così. Tu sostieni che il governo deruba alcuni cittadini per mantenere noi, ti assicuro che il nostro stipendio lo guadagnamo fino all’ultimo centesimo,inoltre sappi che noi abbiamo soltanto doveri verso la pubblica amministrazione e nessun diritto quale potrebbe essere lo straordinario o la tredicesima mensilità o i contributi per una normale pensione. Poi cosa vuol dire sbraitare per abitudine? Mi dispiace Giampiero ma dici un sacco di stupidaggni parli proprio senza cognizione di causa, parli di assenteismo, di cartellini, noi timbriamo col dito e non hanno ancora inventato un dito mobile. Ti auguri che il governo non guardi in faccia nessuno, me lo auguro anch’io perchè dopo vent’anni di servizio, di professionalità acquisita in maniera molto seria, di responsabilità che spesso non mi competono, non avrei proprio nulla da temere anzi al contrario se qualcuno si preoccupasse di esaminare il lavoro che svolgiamo noi co.co.co. finalmente forse potremmo avere i giusti riconoscimenti e non soltanto stupide critiche. Quindi che il governo SCANCELLI pure gli enti DISUTILI e mantenga solo il personale INDISPENZABILE, per quanto mi riguarda e parlo anche a nome dei miei colleghi quel misero stipendio che percepiamo è guadagnato più che onestamente e ti assicuro inoltre che nell’amministrazione dove lavoro sono più che INDISPENZABILE. Quindi caro Giampiero non puoi fare di tutta l’erba un fascio anche perchè non tutti i dipendenti pubblici sono come li definisci tu, non è che piuttosto quando la volpe non può arrivare all’uva dice che questa è acerba? Se tu avessi la possibilità di ottenere un impiego pubblico sia come co.co.co. o addirittura come impiegato di ruolo, per caso ci sputeresti sopra? Sicuramente pur di salvare l’Italia tu lo faresti. VIVA GIAMPIERO VIVA L’ITALIA!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: