www.irpinianelmondo.it

politica cronaca arte cultura turismo gastronomia…. e molto altro ancora

SCONTRO ISTITUZIONALE.BERLUSCONI: “LE TOGHE SOVVERTONO VOTO”. L’ANM:” CI RICEVA NAPOLITANO”

Posted by irpinianelmondo su giugno 20, 2008

20.6.2008– Ancora un affondo ai magistrati da parte di Silvio Berlusconi. Ancora un ”basta denigrazioni” da parte dell’Anm che adesso si rivolge al Quirinale perché ”chi governa non può delegittimare i giudici”.

Questa volta teatro del nuovo attacco del Cavaliere è stata la chiusura del vertice Ue a Bruxelles. “Annuncio una mia conferenza la prossima settimana per denunciare la situazione della magistratura italiana – sono state le parole del premier al termine del summit – e per esprimere tutta la mia indignazione e la mia volontà di non vedere la volontà popolare essere sovvertita da chi infiltrandosi nella magistratura usa la magistratura italiana per sovvertire la democrazia“.

“Nel ’94 ho visto sovvertire il voto popolare da parte di una minoranza rivoluzionaria che sta nella magistratura – denuncia il presidente del Consiglio – E quindi c’è stato un sovvertimento della democrazia. Ho esperienza sufficiente, avendo patito anche 15 anni di persecuzione, per far sì che questo non possa più accadere”. “Non permetterò in alcun modo – è la sua convinzione – che il voto popolare, che la volontà degli italiani sia sovvertita da infiltrati nella magistratura che il resto della magistratura non sa mettere all’angolo”.

Immediata la replica dell’Associazione nazionale magistrati che parla di “insulti e invettive veementi e ingiustificate”. ”Faccia i nomi – esorta il segretario Giuseppe Cascini – Se non sappiamo chi sono – domanda provocatoriamente – che cosa fanno, come facciamo a emarginarli?”. A quanto si apprende, l’Anm ha chiesto un incontro al capo dello Stato, Giorgio Napolitano, come “garante della legalità costituzionale”, esprimendo “le più vive preoccupazioni per gli attacchi del premier nei confronti dell’intera istituzione giudiziaria” che ”rischiano di minare alla radice la credibilità delle istituzioni e di compromettere il delicato equilibrio tra funzioni e poteri dello Stato democratico di diritto”.

Dopo l’apertura al Csm di una pratica a tutela dei giudici milanesi del processo Mills lunedì prossimo la I commissione di Palazzo dei Marescialli comincerà a discutere del fascicolo aperto sulle accuse di Berlusconi alle toghe, e all’interno della discussione potrebbero esserci anche le ultime dichiarazioni fatte oggi dal presidente del Consiglio a Bruxelles.

Da dove è anche entrato nel merito delle polemiche di questi giorni sulla ‘salva-premier’, espressione ”usata da molti media italiani per definire l’emendamento” per la quale si dice ”indignato”. “Appena vedrò i miei legali dirò che io non voglio approfittare di questa norma, perché voglio allontanare qualunque sospetto. E’ una norma salva tutti” è tornato a ribadire, spiegando che “non c’è nessuno stop” dei procedimenti giudiziari.

”Con le norme approvate – sottolinea – si mettono da parte solo alcuni processi per consentire di far viaggiare più speditamente altri e non far uscire di galera stupratori e ladri. Mi indigna solo il fatto che si pensi che io voglia approfittare di queste norme.

Riguardo poi alle accuse mosse contro di lui, si tratta di ”qualcosa che non esiste. Lo posso giurare sui miei cinque figli”. Se avessero avuto qualche fondatezza ”mi ritirerei dalla vita politica e cambierei anche Paese”.

Il Cavaliere ha inoltre ribattuto alle critiche di Veltroni durante l’assemblea del Partito democratico. ”Dovrebbe preoccuparsi delle notizie terrificanti sui conti di Roma – ha contrattaccato – Sarà necessario dare incarico a un’istituzione internazionale per fare una due diligence”. E spiega che se le notizie saranno confermate “si tratterà di una bancarotta e gli amministratori saranno tutti falliti“.

”E’ l’ultimo che può parlare – ha replicato con una stoccata Walter Veltroni – Vi ricordate quando a ‘Porta a Porta’ Berlusconi faceva i disegnini dei trafori? Di traforo non ne ha fatto neanche uno ma di buchi sì, e quello che ha lasciato agli italiani tra il 2001 e il 2005, anni in cui è stato premier, è un buco di 30 miliardi

kronos

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: