www.irpinianelmondo.it

politica cronaca arte cultura turismo gastronomia…. e molto altro ancora

MALATTIA NELLA P.A. : PER I MEDICI FISCALI E’ PRATICAMENTE IMPOSSIBILE APPLICARE LA CIRCOLARE BRUNETTA. QUANTO COSTANO LE VISITE

Posted by irpinianelmondo su luglio 20, 2008

20.7.2008-La visita fiscale obbligatoria per gli statali assenti anche per un solo giorno di malattia, forse, si potrà anche sperimentare in periferia. Non certo nella città eterna, culla di ministeri ed enti pubblici. Il gigantosauro della burocrazia, soprattutto quando si parla di sanità, non è mai prodigo di dati certi. Ma a Roma i camici bianchi impegnati su questo fronte per una delle principali Asl raccontano rassegnati che al massimo si riesce ad evadere il 25% delle richieste di controllo che arrivano dal datore di lavoro pubblico. Dieci «dottori fiscali» impegnati 56 ore la settimana a visitare  malati o presunti tali. Di più non si riesce a fare. E forse è anche un bene per le amministrazioni,visto che ogni visita è un costo per il datore di lavoro (40 euro se effettuata in casa, 30 in ambulatorio). Se i controlli a tappeto imposti dalla circolare Brunetta fossero realizzati in pieno la spesa sarebbe di milioni; in parte compensata dai tagli allo stipendio accessorio nei primi 10 giorni di assenza. In attesa di vedere come andranno le nuove visite giornaliere, consoliamoci con i numeri che, invece, la Ragioneria non nasconde: le malattie della Pa, tra il 2004 e il 2006, si sono già ridotte del 20%.

I COSTI DELLE VISITE FISCALI

 La visita fiscale obbligatoria per tutti i dipendenti pubblici assenti anche per un solo giorno di malattia, rischia di trasformarsi in un boomerang per le amministrazioni. La circolare diffusa l’altro ieri dal Dipartimento della Funzione Pubblica prevede in effetti una deroga sui controlli «quando un eccezionale carico di lavoro o urgenze della giornata » impediscano ai medici di effettuarle. Ma immaginando che tutte le richieste di controllo fatte dai capi ufficio possano essere evase, si scopre che la direttiva partita da Palazzo Vidoni (che interpreta l’articolo 71 del decreto legge 112/  2008 ) potrebbe far esplodere le spese.

In attesa di stime ministeriali più precise, proponiamo un calcolo che parte dai dati sul personale della Pa contenuti nel Conto annuale della Ragioneria generale dello Stato, aggiornati al 2006. In quell’anno i circa 3 milioni di dipendenti pubblici a tempo indeterminato avevano messo a segno 16 giorni medi (pro capite) di assenza per malattia. Visto che ogni visita fiscale ha un costo medio di 35 euro per il datore di lavoro che la richiede (40 euro se effettuata a casa del dipendente e 30 euro se fatta in ambulatorio), se quei 16 giorni medi coincidessero con altrettante assenze per malattia della durata di sole 24 ore, la spesa annua per controllare i circa tre milioni di dipendenti pubblici sarebbe di poco superiore al miliardo e 700 milioni. Se, com’è invece assai più verosimile, si immagina che dietro i 16 giorni di assenza pro capite ci siano tre malattie annue della durata variabile tra i 5 e i 6 giorni, la spesa per un controllo a tappeto scenderebbe a 315 milioni di euro.
Il Servizio sanitario nazionale non dispone di dati di flusso sulle visite fiscali effettuate in Italia. Il dato si ferma alle singole Regioni e in realtà particolarmente rappresentative come quella della Capitale (si vede l’articolo qui sotto) solo in un caso su quattro viene effettuata la richiesta di controllo su un’assenza per malattia. Il trend delle assenze riportato dalla Ragioneria nel triennio 2004-2006 racconta una riduzione del fenomeno del 20% secco (da 20,2 giorni a 16,2) con casi di significativa riduzione in settori come la Sanità (-33%) o le Regioni a statuto speciale o le Province autonome (-52%).

A compensare le spese in più che la Pa dovrebbe affrontare per i controlli, vale ricordarlo, ci sono le disposizioni sul trattamento economico del dipendente assente che, nei primi 10 giorni, si riduce alla parte «fondamentale » dello stipendio con l’esclusione di ogni indennità o trattamento accessorio. Una misura che prende di mira i falsi malati e che, ieri, è stata nuovamente criticata dai sindacati. In una nota congiunta, i responsabili della funzione pubblica Cgil, Cisl, Uil e Cisal hanno sottolineato che la penalizzazione dello stipendio accessorio «non per i primi 10 ma per i primi 15 giorni di assenza per malattia» esiste già dal 1994, anno in cui vennero stipulati i contratti di lavoro di tipo privatistico per gli statali, con il ministro della Funzione Pubblica Franco Frattini.
I sindacati non gradiscono un’impostazione normativa tesa a «moralizzare il comportamento dei lavoratori del settore pubblico ».E colgono l’occasione della circolare firmata dal ministro Renato Brunetta per tornare a contestare le offerte fatte in sede Aran, all’inizio della settimana, per il rinnovo del biennio contrattuale 2008-2009. «Il datore di lavoro Governo – si legge nella nota – fa un’offerta che si basa su un’inflazione programmata all’1,7%», mentre per il ritocco delle tariffe di luce, acqua e gas, «l’indice tendenziale preso a riferimento è del 3,8%». Sulla vicenda, ieri è intervenuto anche il segretario della Uil, Luigi Angeletti, che dopo aver ribadito di non essere mai stato difensore degli assenteisti, ha spiegato che per modificare atteggiamenti e comportamenti dei dipendenti pubblici non basta una nuova legge

sole24ore

2 Risposte a “MALATTIA NELLA P.A. : PER I MEDICI FISCALI E’ PRATICAMENTE IMPOSSIBILE APPLICARE LA CIRCOLARE BRUNETTA. QUANTO COSTANO LE VISITE”

  1. laveracomunione said

    Mi spiace contraddire la tua convinzione, ma la visita fiscale per un solo giorno di assenza
    per malattia è stata già attuata da tempo per gli statali della città di Roma.
    Il costo di una visita fiscale per l’azienda è di 15 euro, tanto viene corrisposto al
    Medico di controllo. Spesso si parla troppo senza essere sufficientemente informati, cari
    i miei conservatori pro-assenteisti.
    Ma vogliamo comprendere che il vero spreco sono queste continue truffe,camuffate di legittimità,
    ai danni dello stato? Perchè la malattia deve essere un diritto anche quando non è comprovata
    da patologie? Lasciamo lavorare i nostri governanti che una volta tanto sono veramente a favore
    della povera gente, ovvero noi, quelli che subiscono ingiustizie dai propri simili, che fanulloni
    e nullafacenti vogliono percepire solo i diritti senza corrispondere alcun dovere.

  2. giuseppe said

    E’ lecito(penalmente, civilmente,deontologicamente) per il medico fiscale in visita domiciliare pretendere che la lavoratrice dichiaratasi affetta da ematuria urini in sua presenza, al fine di scongiurare la possibilità di una contaminazione ematica volontaria fraudolenta del campione?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: