www.irpinianelmondo.it

politica cronaca arte cultura turismo gastronomia…. e molto altro ancora

ECSTASY. MORTA LA 16ENNE VENEZIANA CHE AVEVA INGERITO UNA PASTICCA

Posted by irpinianelmondo su luglio 21, 2008

21.7.2008-.La procura di Venezia disporrà oggi l’autopsia della sedicenne morta ieri dopo aver assunto dell’ecstasy. Se l’esame confermerà che la morte della ragazza è stata determinata dalla droga, sarà ipotizzato il reato di omicidio colposo. La giovane sabato aveva partecipato a una festa al Lido di Venezia, in occasione della ricorrenza del Redentore. “E’ una vicenda che va chiarita in tutti i suoi aspetti”: ha detto il sostituto procuratore della Repubblica di Venezia, Lucia D’Alessandro.

Quella che doveva essere una notte di spensieratezza – in ossequio ad un rito che da decenni in laguna prevede che il sabato notte, dopo le luci artificiali sparate nel cielo per il Redentore, si attenda sulla battigia l’arrivo dell’alba per un bagno in mare collettivo – è diventato un incubo per tre  ragazze, una delle quali, Nicole, è spirata all’ospedale di Dolo. Già al suo arrivo le sue condizioni venivano date per disperate dai sanitari. Dopo aver pianto per ore, distrutti, davanti alla camera del reparto di rianimazione del nosocomio nel quale era ricoverata la figlia, in attesa di una parola di speranza da parte dei sanitari, alla notizia della sua morte i genitori della sedicenne si sono subito allontanati dall’ospedale. Il padre, impiegato, si è limitato a dire ai giornalisti: “non ho voglia di parlare, cercate di capire, siamo distrutti”. Le due amiche della giovane, anch’esse residenti nel capoluogo polesano, ancora confuse, agli uomini della questura  sono state in grado, per ora, di fornire solo un quadro frammentario e lacunoso dell’accaduto. Pochi i dati certi: i poliziotti sono stati fatti intervenire sulla spiaggia poco dopo le 4 del mattino, mentre la ragazza più grave, dopo un breve transito all’ospedale del Lido e il rifiuto ad ospitarle a Mestre per carenza di letti, era già arrivata nel nosocomio di Dolo. Quando gli agenti sono arrivati sulla spiaggia non c’era più traccia dei 1500 ragazzi che, almeno fino alle 3, ora presumibile del malore della ragazza, affollavano quel tratto di costa, ballando e bevendo. E neppure i tre camion, due per la musica techno sparata a tutto volume e uno per le bibite, che alcuni testimoni confermano fossero presenti alla festa. Un numero così consistente di ragazzi e la presenza della musica techno sembrano indicare che l’incontro fosse un evento a metà strada tra una festa tra amici e un rave party. Difficile pensare che solo la casualità abbia fatto confluire tanti giovani pronti a divertirsi ad ogni costo in un angolo così isolato della spiaggia del Lido, peraltro più avvezza alle sonnacchiose vacanze della Venezia-bene o, al massimo, rassegnata al breve brivido di mondanità della Mostra del Cinema. Sulla personalità delle tre ragazze gli investigatori mantengono il più stretto riserbo: sembrano siano giovani senza particolari problemi, studentesse di istituto superiore, forse in vacanza balneare con le famiglie a Sottomarina. Di sicuro, dicono gli agenti, le due ragazze non si sono rese conto delle condizioni disperate in cui versava Nicole. Su chi abbia fornito  alle tre la droga esiste solo una indicazione sommaria: è un ragazzo che le tre non conoscevano. Dopo aver acquistato l’ecstasy e averlo mescolato ad una bibita, le giovani si sono divise, frequentando compagnie diverse. Sarebbe stato uno dei partecipanti alla festa a notare che la giovane rodigina stava male e a dare l’allarme.

ECSTASY: LE PASTICCHE CHE SORRIDONO E  POI  UCCIDONO

 MDMA, significa sballo ma per i farmacologi è una metanfetamina, MetilDiossiMetaAnfetamina, ovvero il principio attivo dell’Ecstasy (XTC). Si avvicina a compiere cento anni la sostanza sintetizzata per la prima volta nel 1912. Si nasconde in pasticche colorate e decorate con faccine sorridenti. Una pasticca come quella ingerita dalla ragazza ora in coma a Venezia.

L’MDMA ha conquistato popolarità negli anni ’80, in particolare negli Stati Uniti,per la capacita’ di abbassare l’ansia. Venne impiegata anche nelle così dette “terapie di coppia” con la mediazione e supervisione di un analista. Ma il suo devastante successo arrivò come droga da discoteca. La MDMA è presente assieme ad altre fenetilamine psicoattive, o a sedativi, o anche l’LSD ma è difficile sapere quanto possano essere tossicità questi cocktail di sostanze, mandato giù spesso assieme ad alcolici. I disegni ed i colori brillanti sono utilizzati appositamente per rendere la sostanza stupefacente più invitante.

L’effetto é quello di stimolazione il sistema nervoso: chi la prende si sente euforico, non ha fame, digrigna i denti, la temperatura aumenta e la pressione subisce sbalzi così come l’umore. Secondo i dati della Relazione annuale al Parlamento sullo stato delle tossicodipendenze in Italia per l’anno 2007, amfetamine, ecstasy, GHB ed altri stimolanti sono stati utilizzati dalla popolazione, almeno una volta nella vita, nel 3,7% dei casi. Lo 0,67% del campione ha avuto contatto con queste sostanze negli ultimi dodici mesi e lo 0,25% negli ultimi trenta giorni. La fascia di età più a rischio è quella tra i 15 ed i 24 anni, l’1,96% dei ragazzi e lo 0,77% delle ragazze dice di farne uso.

Fra i 45 e i 54 anni invece a preferirla sono le donne, forse, spiega la relazione, come autoterapia contro la depressione Ma la nuova preoccupazione è rappresentata da altre sostanze, anch’esse battezzate con un nome accattivante:smart drugs, che in italiano significa “droghe furbe” perché fuori dalle tabelle legislative sugli stupefacenti e, perciò, pienamente legali. Si possono acquistare liberamente nelle erboristerie, su Internet o nei cosiddetti smart shop, ma secondo l’Istituto Superiore di Sanità possono essere molto pericolose per la salute. Per questo motivo, l’Iss ha messo a punto uno specifico manuale nel quale ha classificato le 25 “droghe furbe” più pericolose. 

ANSA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: