www.irpinianelmondo.it

politica cronaca arte cultura turismo gastronomia…. e molto altro ancora

ANZIANA SBRABATA DAI CANI. UNA BAMBINA AZZANNATA AL COLLO

Posted by irpinianelmondo su settembre 11, 2008

11.9.2008-E’ stata aggredita da un branco di cani randagi ed è morta: la vittima è Ersilia Maldera, di 84 anni, di Andria (Bari). La donna, mentre si trovava a Trani (Bari), è stata improvvisamente assalita da un branco di randagi all’esterno di un allevamento di cani razza “corso” di proprietà del nipote.

I randagi le hanno azzannato la testa e le braccia. La donna è stata soccorsa e trasportata prima al pronto soccorso dell’ospedale di Andria e, successivamente, nell’ospedale Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo (Foggia) dove, però, nel corso della notte è morta per le gravi ferite riportate.

NIPOTE, ERANO RANDAGI – “Mia nonna è stata aggredita fuori dal recinto del rifugio da un branco di cani randagi”. Lo afferma Riccardo Malcangi, titolare dell’omonima azienda agricola dove è ospitato un canile convenzionato con la Asl Bat, all’esterno del quale ieri Ersilia Maldera é stata aggredita da un gruppo di cani. Nella notte è morta nell’ospedale di San Giovanni Rotondo (Foggia).

L’azienda e il canile, che ospita alcune centinaia di cani e decine di gatti, oltre ad altri animali da cortile, sono stati posti sotto sequestro dai carabinieri della Compagnia di Trani che indagano sulla vicenda coordinati dal pm della procura della Repubblica tranese Achille Bianchi. Secondo quanto riferito da Malcangi, un branco di cani randagi si èavvicinato al recinto dell’azienda e ha disturbato gli animali all’interno. Per allontanarli la donna è uscita e i randagi l’hanno aggredita a morte. Ersilia Maldera dieci anni fa aveva subito un intervento al cuore per l’applicazione di quattro by pass. Da allora viveva nell’azienda agricola con il nipote e sua moglie, che è agli ultimi giorni di gravidanza.

DOBERMANN AZZANNA BAMBINA AL COLLO E UCCIDE IL SUO CAGNOLINO – Una bambina di dodici anni è stata azzannata al collo e ad una gamba da un dobermann, ieri sera a Rubiera (Reggio Emilia). Il cane, insieme ad un altro dobermann dello stesso proprietario ha poi sbranato anche il cagnolino della bambina, un piccolo meticcio. Ieri sera alle 22 la dodicenne stava portando a spasso il suo piccolo amico al guinzaglio per le strade di Rubiera. Con loro c’era anche un gatto. Dall’altra parte della strada c’erano due dobermann tenuti al guinzaglio dal proprietario. Probabilmente per la vista del gatto, uno dei due grossi cani si è liberato. Il gatto è scappato e allora il dobermann si è scagliato contro il bastardino. La bambina, per proteggerlo, lo ha preso in braccio. Il cane, allora, l’ha azzannata, provocandogli ferite al collo e alla gamba, giudicate non gravi dai medici che l’hanno soccorsa. Quando la piccola ha lasciato il suo cane, il dobermann, insieme all’altro, anch’egli sfuggito allo stesso padrone, lo ha azzannato e ucciso. I carabinieri stanno cercando di ricostruire la dinamica dei fatti per accertare eventuali responsabilità del proprietario dei due cani. La piccola, sconvolta per la perdita del cagnolino, è stata medicata all’ospedale, poi è stata dimessa. ANSA

Una Risposta a “ANZIANA SBRABATA DAI CANI. UNA BAMBINA AZZANNATA AL COLLO”

  1. Dentis Valeria said

    Buongiorno mi chiamo Valeria e vorrei scrivere in merito alla notizia sulla bambina azzannata al collo dai due dobermann.
    Mi chiedo,essendo a conoscenza della VERA versione dei fatti, perchè si riporti una notizia non nella sua interezza, ma riassunta in modo grossolano e errato.
    Mi chiedo perchè si tenda sempre a fare del terrorismo su questi cani che a causa di giornalisti incapaci, vengono classificati come pericolosi e mordaci, quando la colpa è sempre e comunque dei proprietari che non sono in grado di educarli e mantenerli in modo corretto.
    Sono davvero indignata dal fatto che la stampa, che dovrebbe riportare la REALTA’ delle cose, riporta i fatti solo per fare inutile terrorismo.
    Come mai nella notizia non si mensiona il fatto che il padre della bambina e il propritario dei cani si erano messi a discutere proprio davanti ai due animali lasciati legati a un palo per poter meglio questionare???
    Imparate a riportare i fatti con correttezza.
    Grazie, cordiali saluti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: