www.irpinianelmondo.it

politica cronaca arte cultura turismo gastronomia…. e molto altro ancora

SCUOLA . RIFORMA GELMINI. MIGLIAIA DI SMS A NAPOLITANO PER NON FIRMARE LA RIFORMA: ECCO COME PARTECIPARE

Posted by irpinianelmondo su ottobre 13, 2008

13.10-2008– rai news 24-La riforma della scuola e’ ancora all’esame del Parlamento. Inoltre, secondo la Costituzione, la
responsabilita’ delle scelte politiche e’ del Parlamento. E il Presidente della Repubblica “non puo’ esercitare ruoli che la Costituzione non gli attribuisce”. Giorgio Napolitano, attraverso una nota diffusa dal Quirinale, risponde cosi’ agli appelli che gli vengono rivolti via e-mail a non firmare la  riforma Gelmini della scuola.

“Giunge in questi giorni al presidente della Repubblica – si legge nella nota del Quirinale
– un gran numero di messaggi con i quali da parte di singoli, e in particolar modo di insegnanti, nonche’ da parte di talune organizzazioni, gli si chiede di non firmare il decreto legge
137 – o, piu’ propriamente – la legge di conversione di tale decreto”.  

“Pur nella viva attenzione e comprensione, da parte del presidente, per le motivazioni di tali appelli – prosegue il comunicato – si deve rilevare innanzitutto che il Parlamento non ha ancora concluso l’esame del provvedimento in questione. Inoltre, secondo la Costituzione italiana, e’ il governo che si assume la responsabilita’ del merito delle sue scelte politiche e dei provvedimenti di legge sottoposti al Parlamento, che possono essere contrastati e respinti, o modificati, solo nel Parlamento stesso”.

“Il capo dello Stato – sottolinea il Quirinale – non puo’ esercitare ruoli che la Costituzione non gli attribuisce: la stessa facolta’ di chiedere alle Camere una nuova deliberazione sulle leggi approvate incontra limiti temporali oggettivi nel caso della conversione di decreti-legge, ed il presidente ha in ogni caso l’obbligo di promulgare le leggi, qualora le stesse siano nuovamente approvate, anche nel medesimo testo”.

Da giorni una pioggia di e-mail è arrivata al sito del Quirinale per convincere il presidente Giorgio Napolitano a non firmare la legge sul “maestro unico”. L’iniziativa, nata spontaneamente da insegnanti e genitori la scorsa settimana, si sta diffondendo attraverso blog, sms e messaggi di posta elettronica che invitano a chiedere al Capo dello Stato di rinviare alle Camere la riforma della scuola firmata Mariastella Gelmini.

Uno degli sms diffusi in questi giorni recita: “Vai sul sito http://www.quirinale.it, clicca su posta e manda una mail a Napolitano per chiedergli di non firmare il decreto Gelmini. Se arrivano almeno 20 mila mail si può bloccare tutto”. Affermazione, quest’ultima, che naturalmente non ha alcuna base giuridica, in quanto tutt’al più si tratta di un’operazione di “moral suasion”.

Su vari blog si discute, comunque, dell’iniziativa e si riportano mail già inviate al sito del Quirinale. Ma sul newsgroup it.istruzione.scuola, qualcuno avanza dubbi sul reale peso dell’iniziativa, e ricorda che i poteri di intervento del Capo dello Stato sono limitati. “Napolitano – è scritto – può rinviare la legge alle Camere, ma se quelle gliela rimandano non può fare altro che firmare”.

Nonostante molti riconoscano le scarse probabilità che il bombardamento di mail possa avere effetti sul percorso della legge, c’è chi assicura che “l’iniziativa si sta diffondendo tanto. Ho già ricevuto molti sms, anche da altre regioni d’Italia e non solo dalle mie conoscenze locali”.

L’iniziativa ha incassato oggi il sostegno della scrittrice Dacia Maraini, che si dice “assolutamente contraria ai tagli alla scuola in generale e in particolare a quella elementare, che è un bene prezioso per il nostro paese e considerata un modello che tutti ci invidiavano e che ora rischia di rovinarsi”. “Sulla scuola – aggiunge la Maraini – bisogna investire di più, mentre i tagli vanno fatti altrove: dalla casta alle spese militari, per esempio”.

8 Risposte a “SCUOLA . RIFORMA GELMINI. MIGLIAIA DI SMS A NAPOLITANO PER NON FIRMARE LA RIFORMA: ECCO COME PARTECIPARE”

  1. piero said

    ill.mo signor PRESIDENTE,
    mi auguro che il decreto gelmini non vada a buon fine.
    cordiali saluti
    BARRETTA PIERO

  2. massimo said

    ill.mo signor PRESIDENTE,
    La prego faccia in modo che il decreto Gelmini non vada a buon fine, l’istruzione è una cosa importantissima non possiamo metterla a rischio. I risparmi che si facciano in altri settore meno importanti.
    cordiali saluti
    Massimo Maccari

  3. Rosa said

    ill.mo signor presidente,
    La prego di riflettere bene e di non firmare la riforma del decreto gelmini,perchè è un’assurdità.
    Non è possibile fare dei tagli come se niente fosse e mandare per le strade milioni di famiglie. Si sprecano tanti soldi inutilmente e si vuole risparmiare in questo settore?
    Si ci deve pensare 10 volte prima di mettere legge.
    cordiali saluti
    Rosa G.

  4. Luca said

    ill.mo signor presidente,
    La riforma Gelmini metterà a rischio quello che è tutta la sfera che comprende la nostra scuola e quindi la nostra istruzione…faccia si che non vada a buon fine
    coridali saluti.
    Luca Nazzaro

  5. stefano ronchini said

    napolitano, firma pure…
    tante maestrine e professoresse non all’altezza, vadano a fare un altro lavoro…
    io non voglio pagare inutilmente persone che non fanno praticamente niente…
    il 65 per cento degli italiani lo vuole…

  6. gaetano said

    Scusate cittatini italiani, ma cone è possibile che questi senatori,onorevoli possano decidere il futuro degli italiani facendo i tagli nella scuola italiana, quando questi signori sono stati eletti sensa il consenso elettorale,cioe sono stati i partiti a decidere chi donveva andare a rappresentare i cittadini,90’/. di questi signori con la legge elettorale democratica ripeto democratica tutti a casa vergogna,vergogna,mi vergogno di essere cittadino italiano

  7. andrea said

    x me se la legge gelmini passa tutta l’italia diventerra l’italia dei ignoranti di consegunza chiedo chiedo x piacere a napolitano di non firmare la riforma gelmini pensi prima di fare quewl passo

  8. Silvio said

    ill.mo signor presidente
    come molti prima di me le vorrei chiedere di non firmare la riforma Gelmini, perchè l’ istruzione è importantissima per il futuro del nostro paese e anche per noi.
    I tagli vanno fatti ad altri settori non alla scuola, prima di firmare è meglio accertarsi sull’ attuale situazione delle scuole italiane.
    Comunque riferendomi a un ragazzo prima di me, non è vero che esistono professori incompetenti , forse se voi li trattaste meglio e magari li ascoltaste, durante le lezioni proteste impararne qualcosa e capire che un motivo c’ è se sono seduti dietro quella scrivania a parlare con voi per ore e ore in una settimana.
    cordiali saluti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: