www.irpinianelmondo.it

politica cronaca arte cultura turismo gastronomia…. e molto altro ancora

NAPOLI. SCANDALO CONSORZIO RIFIUTI N° 5: INDAGATI BASSOLINO E IERVOLINO

Posted by irpinianelmondo su ottobre 27, 2008

27.10.2008-Ammonta ad oltre 4 milioni di euro la somma che la procura regionale presso la Corte dei Conti della Campania chiede, a titolo di risarcimento danni, agli ultimi tre sindaci di Napoli per lo scandalo dei 362 dipendenti del Consorzio di bacino “Napoli 5” regolarmente retribuiti per anni, ma che non hanno mai lavorato. Nel mirino dei magistrati contabili l’attuale inquilino di Palazzo San Giacomo Rosa Russo Iervolino, il precedente sindaco Antonio Bassolino (oggi governatore) e Riccardo Marone, che ha ricoperto la carica di primo cittadino per circa un anno (da marzo 2000 a marzo 2001).

I 362 dipendenti, dopo la costituzione nel ‘99 dell’Asìa, l’azienda servizi igiene ambientale, erano stati assunti per svolgere il servizio di raccolta differenziata dei rifiuti in città. Cosa che però non è mai avvenuta. Nei giorni scorsi i militari delle fiamme gialle hanno effettuato una nuova perquisizione negli uffici comunali per acquisire documentazione, ritenuta dagli inquirenti utile alle indagini. Per Iervolino, Bassolino e Marone è scattato un nuovo avviso di garanzia. La procura regionale della Corte dei Conti considera, infatti, “irragionevole e irrazionale” la scelta degli amministratori di non utilizzare i lavoratori dell’ente consortile frutto di una “mancanza di strategia amministrativa e industriale”.

Per i magistrati contabili il Comune di Napoli ha dovuto sopportare costi più elevati di quelli dovuti a seguito della scelta di costituire l’Asìa. La procura parla di una maggiorazione “da uno a tre per cento di ogni punto di raccolta non raggiunto” con un notevole aggravio di spese per l’ente di Palazzo San Giacomo e mancati introiti a titolo corrispettivo per la vendita di materiale raccolto in regime di differenziata pari a 4,2 milioni di euro.Campaniareport

Una Risposta a “NAPOLI. SCANDALO CONSORZIO RIFIUTI N° 5: INDAGATI BASSOLINO E IERVOLINO”

  1. stefano ronchini said

    finalmente !!!….allora non sono tutte toghe rosse…ci sono anche giudici imparziali… speriamo che jervolino e bassolino paghino la loro incapacità, dimostrata dai recenti eventi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: