www.irpinianelmondo.it

politica cronaca arte cultura turismo gastronomia…. e molto altro ancora

LA CURIOSITA’. BIMBI TROPPO CHIASSOSI ? IL COMUNE FORNISCE ALLE MAESTRE TAPPI PER LE ORECCHIE

Posted by irpinianelmondo su ottobre 29, 2008

29.10.2008– “L’Amministrazione cura il benessere e la sicurezza dei suoi lavoratori”. Questo il principio alla base della scelta del Comune di Ravenna di dare alle maestre d’asilo tappi per le orecchie per arginare il rumore dei bambini che giocano nei saloni. Principio che l’Amministrazione comunale, attraverso una nota, ha ribadito rispondendo alla Cisl-Fp provinciale che nei giorni scorsi aveva sollevato la polemica sul caso.

Il problema era emerso per la prima volta nell’asilo comunale del centro della città romagnola ‘Il Gabbiano’ nel quale la soglia del rumore durante le ore di ricreazione, secondo i rilievi comunali, si spingerebbe oltre il livello di attenzione, collocandosi cioé tra gli 80 e gli 85 decibel. La soluzione tappi però non era piaciuta al sindacato che aveva chiesto invece provvedimenti strutturali capaci di tutelare anche la salute dei bambini. La Cisl aveva quindi esposto un avviso in merito nella bacheca comunale, nell’eventualità fossero emersi altri casi oltre quelli del Gabbiano.

A ruota Stefano Mambelli, responsabile provinciale della Cisl-Fp, aveva chiesto nuovi accorgimenti: “La problematica è complessa – aveva detto – coinvolge numerosi soggetti e mi sembra difficile sia risolta solo con i tappi per le orecchie”.

Secondo il Comune tuttavia un rischio esisterebbe “esclusivamente per le insegnanti” perché sottoposte a “decenni di permanenza nell’ambiente” di lavoro. I tappi per le orecchie sono previsti nel decreto legislativo 195/2006, ha fatto notare l’Amministrazione ravennate che comunque non ha escluso interventi mirati in fase di ristrutturazione e progettazione degli edifici. In ogni modo, la decisione di fornire le insegnanti di ‘otoprotettori’ è stata presa alla fine dello scorso anno dopo alcune segnalazioni da parte degli stessi dipendenti.

Le maestre ora saranno sottoposte a ‘visite periodiche’ e allo stesso tempo verranno realizzate indagini epidemiologiche inquadrate sul rischio rumore per arrivare a “uno specifico protocollo sanitario che prevede controlli audiometrici”. Inoltre ci saranno corsi formativi e informativi sui temi della sicurezza che tratteranno tutti gli aspetti connessi al rumore. Il sindacato ha però sollevato un ultimo dubbio: le maestre riusciranno a sentire i bambini in caso di emergenza? Sì, secondo l’Amministrazione comunale che ha sottolineato che “i dispositivi antirumore attutiscono l’impatto dell’onda sonora”, non impedendo cioé di sentire. Ansa

Una Risposta a “LA CURIOSITA’. BIMBI TROPPO CHIASSOSI ? IL COMUNE FORNISCE ALLE MAESTRE TAPPI PER LE ORECCHIE”

  1. claudia said

    Mi chiamo Claudia e sono un’insegnante di scuola materna del Comune di Ravenna da ormai qualche anno. Non condivido la scelta della mia Amministrazione di fornire tappi per le orecchie al personale docente, dal momento che questi impediscono una completa e piena attenzione…a volte è proprio un “rumore” fuori dalla norma che indica che qualcosa sta accadendo, a volte senti un pianto sommesso in lontananza o un tonfo improvviso e solo perchè sei all’erta con tutti i sensi hai modo di intervenire tempestivamente (se un bambino si fa male seriamente e devi fare la denuncia di infortunio cosa scrivi?.. “Non mi sono accorta di nulla perchè avevo l’apparecchio otoprotettivo!). E’ però vero che nei momenti comuni in salone, magari dopo pranzo quando il personale pulisce le sezioni e causa il tempo non si può andare in cortile, il rumore raggiunge limiti insostenibili: i bambini, tanti bambini, urlano continuamente, trascinano giochi rumorosamente…e a nulla serve impostare attività di gruppo, girotondi o cercare il rilassamento con la musica, loro strillano a più non posso (chiedetelo a quei genitori che vengono a prendere i piccoli alle 13 e che con gli occhi sbarrati ti chiedono come fai a resistere in un posto simile!). Personalmente mi sono resa conto di parlare molto forte anche quando la situazione non lo richiede, di alzare sempre più spesso il volume della TV e di fare fatica a percepire i rumori lievi…probabilmente la sovraesposizione continua a fonti di rumore così intense sta danneggiano la mia salute, per cui ben vengano provvedimenti tesi a migliorare la qualità del tempo a scuola (non solo quello degli insegnanti, ma ugualmente dei bambini e del personale non docente), i controlli audiometrici periodici, ma proporre i tappi per le orecchie non è certo una soluzione. Bisognerebbe forse intervenire sulle strutture, non solo quelle molto grandi come la scuola “Il Gabbiano”, cercando di ricavare spazi differenziati dove i bambini possano giocare a piccoli gruppi (ma poi c’è il problema della vigilanza)e predisporre pannelli fonoassorbenti, ma mi rendo conto che sono interventi costosi e non sempre realizzabili, almeno non in tempi brevi.Claudia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: