www.irpinianelmondo.it

politica cronaca arte cultura turismo gastronomia…. e molto altro ancora

PUBBLICO IMPIEGO. RIFORMA BRUNETTA: IN ARRIVO NOVITA’ SU SALARIO ACCESSORIO, CARRIERA E SINDACATI

Posted by irpinianelmondo su aprile 29, 2009

brunetta229.04.2009– il messaggero-Ogni anno il 25% dei dipendenti dovrà accontentarsi del salario base, senza neanche un centesimo di incentivo di produttività. E ogni anno verrà stilata la classifica dei dipendenti pubblici: in ciascuna amministrazione si farà una graduatoria dei dipendenti, dal più bravo al meno bravo. Sulla base di questa classifica si decideranno gli stipendi e le carriere.

Così prevede la bozza del decreto che il ministro Renato Brunetta e i suoi collaboratori stanno per portare in Consiglio dei ministri. Sarà un provvedimento destinato a cambiare radicalmente le regole del pubblico impiego italiano, una riforma confrontabile con il famoso decreto 165 scritto nel 2001 da Franco Bassanini. Leggendo il testo si capisce che gli obiettivi di Brunetta sono due: primo, ridurre il potere di intervento dei sindacati, che d’ora in poi avranno molta meno voce in capitolo sui salari, sulle norme disciplinari, sull’organizzazione del lavoro; secondo, obbligare le amministrazioni a distribuire le risorse in modo molto differenziato, cioè dare tanti soldi ad alcuni e pochi ad altri.

Il salario accessorio. Già da molti anni nel pubblico impiego è stata introdotta la “produttività”, cioè una parte di stipendio che non è fissa e uguale per tutti, bensì è legata ai risultati ottenuti. Si chiama “salario accessorio”, ed è stato creato (con il consenso di tutti i maggiori sindacati) nell’intento di favorire l’impegno del personale e ottenere più l’efficienza. Almeno in teoria, perché nella pratica è successo che alcune amministrazioni hanno usato questo strumento con accortezza e intelligenza, altre invece hanno distribuito soldi a pioggia o peggio ancora con criteri clientelari. È per rimediare alla prima disfunzione (i premi a pioggia, uguali per tutti) che il decreto vuole istituire le classifiche del merito. Al termine di un anno di lavoro, tutto il personale viene giudicato secondo i risultati individuali e si crea così una graduatoria. Il 25% dei dipendenti che si trovano ai primi posti della classifica riceve il premio intero. Il 50% della fascia centrale avrà il premio dimezzato. Infine il 25% che finisce in fondo alla classifica non avrà niente. Detto in altro modo, su quattro dipendenti ce ne saranno due con il salario accessorio normale, uno che lo riceverà raddoppiato e uno che invece non vedrà neanche un centesimo. È un sistema adottato già in alcune amministrazioni italiane (per esempio all’Agenzia del Territorio è in vigore da tempo un meccanismo di differenziazione molto sofisticato). Ora diventa obbligatorio per tutti.

Chi decide le classifiche. Le bozze del decreto che circolano in questi giorni sono ancora poco chiare su un punto: chi sarà a dare i voti in pagella? Alcuni articoli del provvedimento prevedono che la formulazione delle graduatorie spetti a un apposito “Organismo per la valutazione”: una specie di commissione che dovrà nascere in ogni amministrazione, nominata dal responsabile politico (il ministro, il sindaco, eccetera). In altri passaggi del testo però si legge che il compito di giudicare il lavoro dei dipendenti spetta ai dirigenti loro diretti superiori. Questo punto verrà probabilmente chiarito nei prossimi giorni.

Le carriere. Le classifiche non serviranno solo a distribuire il salario accessorio. Il giudizio annuale inciderà anche sulle promozioni, gli avanzamenti economici, l’assegnazione di incarichi, l’accesso a corsi di formazione. Saranno inoltre istituiti alcuni premi speciali: uno si chiamerà “bonus delle eccellenze”, un altro “premio all’innovazione”. I primissimi classificati di ciascuna amministrazione potranno anche candidarsi a una sorta di selezione nazionale, per ottenere un ulteriore premio.

Nuovi organismi. La riforma istituisce una serie di organismi che fino a oggi non esistevano. Ci sono gli Organismi di valutazione, di cui si è detto sopra. Poi ci sono i Comitati dei garanti, che devono esprimere un parere ogni volta che un dirigente viene rimosso dall’incarico. Infine c’è la già annunciata Autorità indipendente per la valutazione (che nella legge delega era annunciata come una semplice “agenzia”, ma ora nel decreto sembra essere stata promossa ad authority). L’Autorità costerà ai contribuenti ben 4 milioni l’anno, e i suoi cinque membri nominati da governo e Parlamento riceveranno uno stipendio di 300 mila euro l’anno.

I sindacati. Quando il decreto entrerà in vigore i sindacati del pubblico impiego conteranno molto meno di prima. Lo spazio della contrattazione viene ridotto, molte cose saranno decise per legge. Per i contratti nazionali diventa vincolante il parere della Corte dei conti, mentre gli accordi integrativi raggiunti nelle singole amministrazioni potranno essere bocciati dal ministro della Funzione pubblica. Non solo, ma per le norme siglate nei contratti costituirà in qualche modo un limite anche “l’autonoma decisione definitiva” del dirigente. Viene infine istituita una regola di incompatibilità fra attività sindacale e dirigenza: gli ex sindacalisti non potranno essere nominati alla guida di un ufficio, né potranno entrare nei vari organismi di valutazione.

Contratti. La bozza del decreto Brunetta prevede una riduzione molto drastica del numero di contratti nazionali: resterebbero soltanto due grandi accordi, uno per lo Stato centrale e un altro per le amministrazioni decentrate. In altre parole non esisterebbe più il contratto della scuola, perché verrebbe unito a quelli dei ministeri, delle agenzie fiscali, degli enti previdenziali. Né ci sarebbe più il contratto della sanità, accorpato a quello di comuni, province e regioni. All’interno dei due grandi accordi nazionali però si dovrebbero prevedere delle “sezioni”, per salvaguardare le “specificità” di ciascun comparto.

I tempi del decreto. Il provvedimento di cui stiamo parlando è un decreto legislativo, quindi segue un iter semplificato. Brunetta potrebbe presentarlo in Consiglio dei ministri la prossima settimana, dopo di che dovrà ottenere soltanto un parere dalle commissioni parlamentari per poi diventare esecutivo.

Annunci

9 Risposte to “PUBBLICO IMPIEGO. RIFORMA BRUNETTA: IN ARRIVO NOVITA’ SU SALARIO ACCESSORIO, CARRIERA E SINDACATI”

  1. Antonio Santangelo said

    Purtroppo, nella sua furia riformatrice, il ministro Brunetta e’ incorso in un infortunio sulla corresponsione di incentivi: stabilendo le quote del 25+50% meritevoli e del 25% da escludere ha di fatto imposto che ben il 75% dei dipendenti, ancorché fannulloni o imbecilli, “debbano ricevere il compenso incentivante”. Infatti l’esclusione di una quota fissa del 25% può essere eccessiva così come anche generosa in determinate situazioni.
    Inoltre credo che sia così violata la Costituzione introducendo una discriminazione “a priori”.
    Infine, ultima chicca, tale trattamento non è previsto per i dirigenti: la loro valutazione prescinde da qualunque percentuale: facilmente ci avvicineremo al 100% di bravi bravissimi!

  2. alex said

    e vai con la nuova authority inutile da 4 milioni di euro l’anno per piazzare qualche silurato politico….ecco dove finiscono i tagli ai dipendenti che lavorano tutti i giorni ma che, se hanno la sfiga di lavorare in un ufficio efficiente, dovranno subire la decurtazione di gran parte dello stipendio (visto che il 25% dei dipendenti dell’ufficio, indipendentemente da tutto, deve regalare il salario accessorio)….
    e c’è pure qualcuno che tributa omaggio a follie del genere…..soltanto èperchè quelli che per i nostri genitori erano diritti oggi sono considerati privilegi (grazie ad una classe politica che riesce ancora a far passare l’idea che soltanto la politica non merita mai nessun taglio ma solo incrementi stipendiali, funzionali e di potere).
    che darei per avere una occasione di lasciare questo paese ormai alla deriva….

  3. roby said

    ma i politici chi li controlla? ma la vita cosa gli ha fatto a brunetta?forse solo in questo modo riesce ad avere un po di protagonismo in questo governo.cmq noi italiani siamo qui fermi ,inermi ad incassare i colpi;devo dire la verità? tra un po sarà una vergogna essere italiano

  4. Enzo said

    Diciamoci la verità: forse a Brunetta interessa soltanto battere cassa decurtando soldi dai giorni di malattie presunte ma, purtroppo, anche vere! I politici, poi, evidentemente dovrebbero essere tutti declassati. Durante un suo intervento ripreso dalle telecamere televisive in verità c’erano solo quattro gatti. E gli altri? Bhòò!….e io pago… La natura, si sa, è stata un pò pesante con lui, tuttavia così non risolverà nulla. Amen.

  5. michele said

    Siamo alle solite, è troppo semplice formulare delle regole,per farsi propaganda politica.
    Caro Ministro Brunetta, perchè non va a guardare,l’assenteismo e l’improduttività dei molti parlamentari(e sono la maggioranza),che purtroppo sono stati eletti da noi, che percepiscono degli stipendi da faraoni, e poi si punta il dito su chi ne guadagna 1100 € al mese( quando va bene).
    Ma di che Italia stiamo parlando, qui ci vorrebbe una rivoluzione.

  6. giovanni said

    berlusconi sta rovinando l’ italia mi vergogno di essere italianogiovann

  7. francescobasta said

    basta con berlusconi sta rovinando l’ italia ci vorrebbe una rivoluzione

  8. bocconcino leonardo said

    abbiamo nel 2011 fatto con la D:G:del asl di verbania l’accordo sulle progressioni giuridiche accantonanto circa 300milaeuro ora l’ammnistrazione ci fà capire che potremmo perdere i soldi qualè il vs parere?

  9. Salvatore said

    Con i l salario accessorio decurtato ai dipendenti pubblici , ci stanno sovvenzionando il giubileo. Pensateci bene era gia tutto previsto, compreso le dimissioni del sindaco ,in modo che non si potessero fare rivendicazioni in questo periodo.
    Ma dove sono i sindacati ?
    Cosa aspettate ?
    Senza contare che non ci sono stati più aumenti contrattuali da molti anni oramai e gli stipendi sono sotto la soglia .

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: