www.irpinianelmondo.it

politica cronaca arte cultura turismo gastronomia…. e molto altro ancora

“TORTURATE I CLANDESTINI”. IL RAZZISMO SU FACEBOOK: TRA GLI AMICI MOLTI CIRCOLI DELLA LEGA NORD

Posted by irpinianelmondo su agosto 28, 2009

CLANDESTINI28.08.2009– QN -Presa di distanze e condanna. I vertici veneti della Lega Nord disconoscono la pagina del social network di Facebook inizialmente attribuita alla sezione di Mirano del Carroccio che invita alla “tortura dei clandestini come legittima difesa”.

 

Tra gli oltre 430 amici del gruppo, secondo l’Osservatorio Antiplagio, comparivano ‘’un centinaio di link di circoli della Lega Nord sparsi in tutta Italia, compreso quello di Milano, e di due parlamentari leghisti: il leader, nonché ministro delle Riforme Umberto Bossi ed il capogruppo alla Camera Roberto Cota’’.

 

Immediata è arrivata la ‘scomunica’ da parte del capogruppo del Carroccio che ha parlato di ‘’un circuito mediatico impazzito, che si muove con la complicità di chi gioca a mistificare la realtà’’. ‘’L’amicizia su Facebook – ha fatto notare Cota – si dà in buona fede a centinaia di soggetti ogni giorno e non si può in alcun modo essere responsabili delle condotte altrui’’. 

 

Il segretario nazionale veneto, Giampaolo Gobbo, il segretario provinciale veneziano, on. Corrado Callegari, ed il capogruppo regionale, Roberto Ciambetti, smentiscono recisamente che l’iniziativa appartenga alla Lega: “Una simile campagna – affermano in un comunicato – non rappresenta per nulla i principi della Lega Nord né, dunque, è mai stata autorizzata. E’ nostra intenzione verificare da dove provenga il profilo Facebook in questione, che non rappresenta alcun canale ufficiale di comunicazione del nostro movimento, in quanto chiunque è libero di fingersi ciò che non è in realtà”. “In aggiunta – concludono Gobbo, Callegari e Ciambetti – , stiamo già predisponendo la carte per eventuali azioni legali nei confronti dei responsabili”.

 

In serata anche il leader del Carroccio Umberto Bossi fornisce la stessa versione dei fatti: “La Lega non c’entra. Non è un’iscritto”. “Può essere che qualche pirla dica così – ha detto Bossi a Melzo – ma a noi basta che siano aiutati a casa loro”.

 

Fabiano Dalla Venezia, segretario della sezione di Mirano ha detto che si è trattato di uno “scherzo di cattivo gusto” se non, addirittura, di una “polpetta avvelenata”, lanciata a pochi giorni dalla scoperta del giochino, eseguibile sempre e soltanto su Facebook, dal titolo ‘rimbalza il clandestino’, attribuito sempre ad esponenti della Lega.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: