www.irpinianelmondo.it

politica cronaca arte cultura turismo gastronomia…. e molto altro ancora

AVELLA ED ATRIPALDA (AV) . FINE SETTIMANA TRA ” TANGO E ARCHEOLOGIA”

Posted by irpinianelmondo su settembre 18, 2009

18.09.2009-Fine settimana che conclude  “Archeotour, Archetango”: domani, sabato 19 settembre,e  domenica 20 settembre appuntamento con l’archeologia e il tango.

“Il divertimento a Romaè il tema del quarto appuntamento, sabato 19 settembre 2009, con “Archeotour, Archeotango” il progetto promosso dall’Ept di Avellino in collaborazione con la Soprintendenza ai Beni Artistici e Storici di Avellino e Salerno. Direzione artistica Diana Combattelli. Location è l’anfiteatro di Abella nel Comune di Avella. La visita propone l’incontro con la storia avvicinandosi al quotidiano, scoprendo anche gli aspetti ludici della vita romana. Il percorso muove dalla visita all’anfiteatro romano di Abella, occasione per analizzare le tecniche costruttive romane e per scoprire l’aspetto funzionale dell’edificio, le abitudini, gli usi e i costumi legati alle attività teatrali. Visite guidate Dalle ore 9.00 alle 12.00, con la guida di esperti della sezione Didattica della Soprintendenza, i visitatori inizieranno il percorso per gruppi. Percorso tematico dalle ore 17.00 alle 19.30, con la guida di un narratore, e il supporto di archeologi e videoproiezioni, i visitatori inizieranno un viaggio attraverso le strutture dell’anfiteatro e potranno rivivere uno spaccato reale e dinamico  del divertimento presso gli antichi romani. Per Archeotango  lo spettacolo di tango si terrà, per ovviare ad eventuali condizioni atmosferiche avverse, presso l’Auditorium dell’Istituto Comprensivo D’Anna di Avella, in Via F. De Sanctis:.alle ore 21 esibizione dei maestri argentini Alejandra Soto e Gonzalo Robinson e El Tango del Rana Concerto per Milonga di Michele Vietri voce e la sua orchestrina: Hugo Frencia bandoneon, Paolo Costanzo violino, Alejandro Duca piano, Paolo Guglielmetti contrabbasso.  
 
 

1 
 

Domenica 20 settembre ore 21 nella Dogana dei Grani di Atripalda. Attesa l’esibizione dell’artista irpino Michele Vietri voce e la sua orchestrina.

El Tango del Rana gruppo guidato dall’eclettico Michele Vietri, propone  una  rilettura del tango-canciòn soprattutto in funzione della danza. Il tango-canciòn di fatto decretò il decollo “mediatico” del tango.L’apporto delle incisioni discografiche, della radio e del cinema, dagli anni 30 in poi, diede un notevole impulso al  tango grazie soprattutto a Gardel e ad altri mitici cantanti. Il tango fu amato proprio nella forma canzone e questo fenomeno contribuì all’affermazione di una poetica che attraverso le parole descriveva ambienti, sentimenti e tensioni.

Questo fattore aumentò il fascino di una danza che non poteva prescindere da un ambiente in cui nacque e che viene raccontato e descritto in quei tanghi spesso con l’uso del lunfardo, la tipica parlata gergale della strada, della mala e degli immigrati, prevalentemente italiani. El Tango del Rana predilige un repertorio esattamente su questo versante che risulta solitamente poco approfondito da gruppi ed esecutori soltanto musicali.

El Tango del Rana suona costantemente in molte milonghe italiane ottenendo ovunque un fortissimo riscontro da parte del pubblico che gradisce il binomio buona musica e ottimo swing da tango per ballare .  

MICHELE VIETRI

cantante, compositore e paroliere, artista eclettico, ha avuto numerose esperienze, intrusioni e approfondimenti in diversi settori dello spettacolo e della cultura. Ha iniziato a cantare professionalmente nel ’90 a San Francisco in California in un locale notturno. Nel 1992 a Roma, fonda un trio musicale che dà spettacoli seguendo un repertorio di canzoni francesi e napoletane. Nel ’96 registra in un teatro di Urbino un Compact Disc, prodotto e distribuito dalla Harmony Music di Firenze, Caffè-Concerto …la melodia napoletana in scena. Il disco mette a frutto l’esperienza concertistica dell’omonimo spettacolo e chiude un capitolo.

Dal 1997 a Bologna sviluppa un’intensa collaborazione con musicisti provenienti da esperienze jazzistiche. Il caffè-concerto si trasforma in Cafè Nire & Noir, con arrangiamenti sostanzialmente in chiave jazz, riflettendosi in maniera decisiva anche sullo stile interpretativo. Nel 1998 uscirà Musikaal Cabaretto, un disco prodotto da Radio Città del Capo.

Nel 1997 cura i materiali del CD di Pietro Tonolo e Maria Pia De Vito Un Veliero all’Orizzonte – incontro del jazz con la musica napoletana, edito dalla EGEA. Dal 2000 ha dato vita ad un gruppo di canzone d’autore e patchanka con cui ha svolto un’intensa attività concertistica: il Combo Farango. Nel 2002 ha vinto il premio Amnesty – una canzone per la libertà. Nel 2004 ha pubblicato con il Combo un disco per Storie di Note con il titolo: Non lo faccio più (chansons metissées).

Nel 2005 nella nuova edizione dell’Enciclopedia della Canzone Napoletana curata in 6 volumi dal Mattino di Napoli viene dedicato un intero paragrafo alla sua attività di compositore, autore ed esecutore di brani in cui viene  adoperato il napoletano su sonorità più contemporanee. Ha effettuato tournée in Italia e in Austria. Nel 2008 ha pubblicato un disco della musica di  Boris Vian.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: