www.irpinianelmondo.it

politica cronaca arte cultura turismo gastronomia…. e molto altro ancora

INFLUENZA A H1N1. LE PREVISIONI IN ITALIA: ATTESI 12 MILIONI DI CASI CON 12MILA POSSIBILI DECESSI

Posted by irpinianelmondo su settembre 20, 2009

20.09.2009-Dodici milioni di casi attesi e la probabilità di 12.000 decessi. Secondo i dati previsionali degli esperti potrebbe essere questo l’impatto della nuova influenza in Italia: ma si tratta di stime e tutto dipenderà dalla maggiore o minore aggressività del virus A/H1N1. Lo scenario più terribile e che si potrebbe verificare se il virus diventasse più letale e simile a quello dell’epidemia di Spagnola nel 1918, con la probabilità in questo caso di arrivare a 23 milioni di contagi e circa 92.000 morti, è invece secondo gli specialisti “altamente improbabile”.

A Praga, in un incontro sul tema della nuova influenza, gli esperti hanno fatto il punto sulle stime disponibili ad oggi circa l’impatto che la pandemia potrebbe avere e sulle misure messe in campo per contrastarla, assicurando che i medici di famiglia sono pronti in vista della campagna vaccinale che verrà a breve avviata.

Le stime sui possibili contagi e decessi, naturalmente, suscitano impressione, ma il presidente della Società italiana di medicina generale (Simg) Claudio Cricelli ed il virologo dell’Università di Milano Fabrizio Pregliasco tengono a precisare che il messaggio che va dato alla popolazione non è assolutamente di tipo allarmistico poiché l’epidemia di influenza A attesa è “di moderata gravità” ed i casi gravi, come anche stimato dal ministero del Welfare, saranno in numero comunque limitato.

Dunque, è il messaggio ai cittadini, ‘niente panico o isterismi’, mentre è fondamentale adottare anche corretti stili di vita – a partire ad esempio da una corretta alimentazione e dallo stop al fumo di sigaretta – per rafforzare le difese immunitarie e diminuire così il rischio di contagio.

FORSE 12.000 MORTI MA PER ORA ANDAMENTO PANDEMIA MODERATO: A seconda dell’aggressività del virus si potrebbero verificare 12 mln di casi attesi di nuova influenza, ha detto Pregliasco, con l’ipotesi di 12.000 morti. Ma al momento l’andamento dell’epidemia è di “moderata gravità”, ha precisato Cricelli, e dunque “non c’é particolare preoccupazione”. Infatti, ha affermato, “ci attendiamo un’epidemia di influenza A di moderata gravità e con un numero di casi gravi limitato”. Anche per Giovanni Rezza dell’Istituto superiore di sanità, il dato sulle eventuali morti rappresenta comunque una “sovrastima”.

– MEDICI FAMIGLIA PRONTI, DECALOGO PER ORGANIZZARE STUDI: “Poiché si tratta della prima pandemia degli ultimi 30 anni – ha affermato Cricelli – abbiamo messo a punto processi e soluzioni da diffondere tra medici e cittadini per affrontarla. Va detto – ha aggiunto – che i medici sono perfettamente in grado di curare e prevenire anche questa influenza A, che è comunque una normale influenza”. Negli studi quindi tutto è pronto per avviare la campagna vaccinale tra i cittadini ed un decalogo ad hoc è stato messo a punto dalla Simg anche con misure e consigli per la riorganizzazione degli studi medici e la raccomandazione di incentivare la consultazione telefonica durante la massima diffusione dell’epidemia. Un decalogo è anche destinato ai pazienti, ai quali la prima misura indicata é quella di rimanere a casa per limitare il contagio. Più in generale, ha ricordato Cricelli, “varie aziende, dalle banche ai supermercati, stanno anche prevedendo dei propri piani pandemici per distribuire ai dipendenti antivirali come forma di profilassi preventiva”.

DIETA AIUTA, CONTRO CONTAGIO MANGIARE MENO E STOP SIGARETTE: Il messaggio che gli esperti lanciano alla popolazione è anche quello di adottare un sano stile di vita per aumentare le difese immunitarie dell’organismo e prevenire così il rischio di contagio dai virus influenzali, incluso il virus A/H1N1. Il primo consiglio è quello di mangiare meno (riducendo le porzioni del 30%) e meglio, seguendo la dieta Mediterranea e aiutandosi anche con integratori alimentari di origine naturale (come quelli a base di resveratrolo, minerali e vitamine) per rafforzare l’organismo. Altro consiglio: non fumare. Le sigarette infatti, avvertono gli esperti, aumentano il rischio di contrarre i virus influenzali del 15%.Ansa –

Una Risposta a “INFLUENZA A H1N1. LE PREVISIONI IN ITALIA: ATTESI 12 MILIONI DI CASI CON 12MILA POSSIBILI DECESSI”

  1. franco said

    Mi piacerebbe solo sapere perchè il Ministero della Salute, proibisce a noi che abbiamo superato i 65 anni di ricevere il vaccino?
    Nelle disposizioni rilasciati agli organi della Stampa, si afferma che solo coloro che hanno gravi problemi di salute, possono vaccinarsi, ma questo solo fino ai 65 anni.
    Chi persona/od essere pensante, puo’ mai stabilire che questo possa essere il limite max?
    Forse dopo quell’età, siamo tutti al di fuori del pericolo?
    Un saluto a chi decide per noi in prima persona, questi “barriere” nella forma più consueta detta anche “alla Beppe Grillo” !

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: