www.irpinianelmondo.it

politica cronaca arte cultura turismo gastronomia…. e molto altro ancora

CASO AKRAGAS IL PATRON SI SCUSA E SI DIMETTE : ” NON VOLEVO INNEGGIARE ALLA MAFIA”

Posted by irpinianelmondo su settembre 30, 2009

SFERRAZZA30.09.2009-“Chiedo scusa non volevo inneggiare alla mafia”. Gioacchino Sferrazza, il presidente dell’Akragas calcio che domenica scorsa aveva dedicato la vittoria al presunto boss mafioso di Palma di Montechiaro Nicola Ribisi ha fatto marcia indietro anche se ha ribadito la sua “amicizia con Nicola”.

 Sferrazza ha anche spiegato che, se il Daspo che gli ha notificato il questore di Agrigento stamattina non verrà revocato, sarà costretto a passare la mano: “Onorerò i miei impegni fino all’8 ottobre ma poi chi si è scandalizzato per le mie parole dovrà farsi avanti”, ha affermato. Sferrazza ha convocato una conferenza stampa allo stadio ma, dopo che il Comune ha negato il permesso, spostata in un centro sportivo alla periferia della città, dove ha spiegato che «la dedica era stata promessa ai due figli piccoli di Nicola Ribisi», che è «un mio amico».

Ma, in caso di condanna per mafia, ha detto Sferrazza, “sono pronto a togliergli il saluto”. Il presidente ha aggiunto di volere “incontrare il prefetto e il questore per spiegare loro il senso di quelle parole”.

 

LA LICENZA RITIRATA

L’Akragas non potrà giocare più le partite del torneo di Eccellenza in casa: il questore di Agrigento, Girolamo Di Fazio, ha ritirato per problemi di ordine pubblico la ‘licenza’ di polizia che era stata concessa al presidente della società di calcio, Gioacchino Sferrazza, per potere svolgere “manifestazioni di pubblico spettacolo” come sono le gare sportive.
“Le licenze di polizia – ha spiegato all’ANSA il questore Di Fazio – sono rilasciate ‘ad personam’ e la storia personale del presidente dell’Akragas è cambiata dopo le sue dichiarazioni e quindi l’ho revocata”.
A scatenare la reazione è stata l’iniziativa di Sferrazza di dedicare la vittoria per 5 a 0 contro lo Sporting Arenella, a Nicola Ribisi, 29 anni, presunto boss mafioso e arrestato nei giorni scorsi perchè accusato dalla Dda di Palermo e dalla Squadra mobile di Agrigento – anche grazie ai pizzini di Bernardo Provenzano – di volere ricostituire la famiglia mafiosa di Palma di Montechiaro. Sferrazza è intervenuto durante la conferenza stampa post partita esprimendo il desiderio di fare la dedida “all’amico fraterno Nicola Ribisi”.

 

La Procura della Repubblica di Agrigento ha avviato un’inchiesta conoscitiva sulle dichiarazioni del presidente del club sportivo. Anche la Procura federale della Federazione italiana gioco calcio ha aperto un’istruttoria sulle sue dichiarazioni.QN

Una Risposta a “CASO AKRAGAS IL PATRON SI SCUSA E SI DIMETTE : ” NON VOLEVO INNEGGIARE ALLA MAFIA””

  1. angelo ciulla said

    condivido pienamente le espressioni di condanna e biasimo per la dedica al presunto boss mafioso.Ricordo che l’nno scorso l’attuale presidente del consiglio ha definito il certamente mafioso Mangano, suo stalliere, un EROE. E mi meraviglio come nessuno allora ebbe nulla da eccepire per simile giudizio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: