www.irpinianelmondo.it

politica cronaca arte cultura turismo gastronomia…. e molto altro ancora

SCUOLA. DONNE IN PENSIONE A 61 ANNI : LA SCUOLA PAGA IL PREZZO PIU’ ALTO

Posted by irpinianelmondo su gennaio 5, 2010

05.01.2010-Delle 3.500 dipendenti pubbliche che nel 2010, in coincidenza con il compimento dei 60 anni, avrebbero potuto accedere alla pensione di vecchiaia e che invece rimarranno in servizio per un altro anno, circa la metà appartengono all’istruzione: in prevalenza sono MAESTRE D’INFANZIA E DELLE PRIMARIE. E per
chi riesce ad andare si prospetta un assegno più “magro”: decurtazioni fino all’
8%.
Nella scuola le docenti d’infanzia e della primaria sono notoriamente un
numero di gran lunga superiore rispetto ai colleghi maschi. È quindi
inevitabile che siano numericamente proprio loro, le cosiddette “maestre”, le
più danneggiate dall’introduzione della legge n. 102/09, quella che dal 1°
gennaio 2010 fa slittare di un anno l’accesso alla pensione di vecchiaia per le
dipendenti statali che compiranno 60 anni nell’anno appena iniziato.
Il provvedimento, giustificato dalla maggioranza, con in testa il ministro
della Funzione Pubblica, Renato Brunetta, come non può procrastinabile dopo la
sentenza emessa dalla Corte di Giustizia Europea, del 13 novembre 2008, che ha
bacchettato l’Italia per l’iniquità della legge che permette alle donne di
accedere alla pensione cinque anni prima degli uomini, quest’anno comincerà a
far sentire i primi effetti: delle 3.500 dipendenti pubbliche che nel 2010, in
coincidenza con il compimento dei 60 anni, avrebbero potuto accedere alla
pensione di vecchiaia e che sulla base di alcune stime dell’Inpdap invece
rimarranno in servizio per un altro anno, circa la metà appartengono nel
settore dell’istruzione (non a caso il 48% delle statali, dato recentemente
reso noto dalla Ragioneria Generale dello Stato, è concentrato nella scuola).
In particolare nella scuola per l’infanzia, dove le donne rappresentano il
99,5% di docenti, e della scuola primaria, dove fanno registrare un sempre alto
96%. Un po’ più equilibrato, invece, il rapporto lavoratrici-lavoratori nella
scuola secondaria di primo grado (dove il 77,8% degli insegnanti è di sesso
femminile) ed in quella secondaria di secondo grado (62,3% contro il 37,7%).
Pur con le cautele derivanti da particolari concentrazioni di lavoratrici in
altri comparti pubblici, si presuppone quindi che circa la metà delle 3.500
dipendenti (sulle 6.000 totali che ne avrebbero beneficiato senza la nuova
legge) faranno parte del personale Ata ma soprattutto siano insegnanti. Del
resto se è vero che nella pubblica amministrazione le donne sono in assoluto
coprono il 55% dei posti, nella scuola la percentuale sale fino a circa l’
84%.
L’Inpdap ha anche precisato che “il personale femminile a tempo indeterminato
che entro fine 2010 compie 61 anni di età matura il diritto alla pensione di
vecchiaia dal 1° settembre, a condizione che il requisito minimo contributivo
sia comunque raggiunto entro il 31 agosto”.
La nuova legge prevede inoltre un graduale innalzamento dell’età minima per
la pensione di vecchiaia delle donne in servizio presso una delle
amministrazioni dello Stato: ogni due anni, a partire sempre dal 1° gennaio
2010, si incrementerà la soglia di un anno fino a raggiungere l’equiparazione
con gli uomini nel 2018. Continuerà a mantenere il requisito dei 60 anni solo
personale femminile delle forze armate
Come continuerà a rimenare, anche se solo per un anno, la norma che fissa i
requisiti per accedere alle pensioni di anzianità un’età anagrafica non
inferiore a 59 anni e 36 anni di servizio (quota 95). Tra un anno, invece,
entrerà in vigore quota 96: per i lavoratori dipendenti l’età anagrafica non
dovrà esser inferiore a 60 anni. Poi, dal 2013, i dipendenti statali che
vorranno lasciare il servizio precocemente dovranno aver accumulato 97 anni,
con addirittura uno slittamento di un anno, sia per la parte contributiva e sia
per quella di anzianità anagrafica.
Andare in pensione sarà più invece penalizzante da un punto di vista
economico già dal 2010. Da quattro giorni sono infatti scattati i nuovi
coefficienti di trasformazione in base al meccanismo, introdotto dalla riforma
Dini del 1995, legato all’allungamento dell’aspettativa di vita: secondo la
Cgil rispetto ai valori in vigore fino al 31 dicembre del 2009, si registra una
riduzione che va dal 6,38% per chi va in pensione a 57 anni all’8,41% per chi
ci va a 65 anni.
Ciò significa che “su una pensione di 1.700 euro lordi – ha spiegato il
segretario Confederale della Cgil Morena Piccinini – quella di un impiegato, si
perderanno rispetto ad oggi ben mille euro l’anno”.
I trattamenti interessati dai nuovi parametri sono quelli calcolati con il
sistema misto (cioè retributivo più contributivo) e quelli calcolati con il
solo sistema contributivo. La riforma è infatti frutto del passaggio dal
sistema retributivo a quello contributivo, dove ciò che conta sono i contributi
effettivi versati durante la propria vita lavorativa (seppur rivalutati ogni
anno in base al Pil) e gli anni di aspettativa di vita (che stanno
progressivamente aumentando): al termine della vita lavorativa il ‘montante’ di
contributi versati viene suddiviso per il numero di anni durante i quali
presumibilmente si percepirà l’assegno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: