www.irpinianelmondo.it

politica cronaca arte cultura turismo gastronomia…. e molto altro ancora

CALITRI (AV) . PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA CON L’ASSESSORE REGIONALE NAPPI

Posted by irpinianelmondo su febbraio 4, 2010

04.02.2010-“I progetti integrati di filiera: opportunità per le aree interne del Mezzogiorno”. E’ il titolo del convegno che si terrà sabato 6 febbraio, alle ore 15.30, presso il centro fieristico di Calitri. L’evento, promosso dall’Assessorato regionale all’Agricoltura – Stapa Cepica Avellino e Eapsaim (Ente Autonomo Promozione Sviluppo Aree Interne Mezzogiorno), cercherà di analizzare le occasioni di sviluppo locale che possono emergere dalla nuova programmazione integrata per la crescita dell’agricoltura regionale con un focus sul progetto integrato di filiera cerealicola. Ricco e qualificato il parterre di relatori, proveniente dal mondo istituzionale, accademico, imprenditoriale ed associativo, che interverranno al dibattito. I saluti sono affidati a Giuseppe Di Milia, sindaco del Comune di Calitri, e ad Antonio Campana, vicepresidente Eapsaim: organismo associato al progetto della filiera cerealicola. Ad introdurre i lavori, Alfonso Tartaglia, dirigente Stapa – Cepica Avellino (Ente impegnato nel coordinamento e nell’attuazione dei Pif), che relazionerà sul tema “La cerealicoltura in Campania – Opportunità per lo sviluppo delle aree rurali”. Intervengono Francesco Vigorita, vicepresidente regionale della Coldiretti Campania, su “Il ruolo delle organizzazioni professionali per l’integrazione di filiera”, Antonio Mango, presidente provinciale della Confederazione Italiana Agricoltori, su “Filiere e territorio: elementi di coniugazione”, Ettore Mocella, presidente Confartigianato Avellino, su “Piccole e medie imprese per lo sviluppo locale di filiere agroalimentari”, Paolo Masi, preside della Facoltà di Agraria dell’Università Federico II di Napoli (Portici), su “La ricerca dell’innovazione tecnologica per lo sviluppo delle imprese”. Emanuele Marconi, preside della  Facoltà di Agraria dell’Università del Molise (Campobasso) affronterà l’argomento delle “Alimenti innovativi dalla trasformazione dei cereali”, mentre Antonio Lo Conte, Amministratore dell’Ipafood di Ariano Irpino, dibatterà sul tema “Il trasferimento dei risultati della ricerca nei processi di produzione. Prodotti innovativi per competere su mercati internazionali: l’esperienza Ipafood”.

A seguire poi gli interventi di Marco De Matteis, presidente della Sezione Alimentare di Confindustria Avellino e numero uno del Gruppo De Matteis titolare del marchio Pasta Baronia, e Franco Del Mese, direttore generale del Pastificio Antonio Amato, che relazioneranno rispettivamente su “L’industria della pasta: l’integrazione di filiera con il settore primario” e “Qualità delle semole per la pastificazione: l’importanza delle materie prime”.

A Raffaele Coppola, assessore provinciale all’Agricoltura, Università e Ricerca Scientifica, il compito di analizzare e valutare il “Ruolo degli enti territoriali per le strategie di sviluppo integrato”.

Le conclusioni sono affidate a Gianfranco Nappi, assessore regionale all’Agricoltura. Modera il convegno Stefano Belfiore, consulente in comunicazione d’impresa.

L’evento richiamerà la presenza dei sindaci dei 23 comuni aderenti al progetto integrato filiera cerealicola, del presidente della Comunità Montana Valle Ufita (ulteriore partner del progetto), Oreste Ciasullo, nonché degli stoccatori coinvolti nell’iniziativa (Agricampana, Agr.i.ca, Frapan, Camarca, Eredi Guglielmo, Gma e Resce).  

DICHIARAZIONI PIF CEREALICOLO

  “Il Pif – dichiara Giuseppe Di Milia , primo cittadino del Comune di Calitri – rappresenta senza dubbio uno strumento strategico a sostegno dell’agricoltura dell’Alta Irpinia ed in generale di tutto il territorio provinciale perché pone al centro il settore primario conferendo ad esso la giusta enfasi e valorizzazione”.

“Con questa iniziativa – continua – vi saranno nuovi investimenti ed ulteriori occasioni di sviluppo per l’intera filiera cerealicola irpina in particolar modo per il grano duro”.

Entusiasta anche Antonio Campana, vicepresidente Eapsaim: Ente associato al Pif per quanto attiene alla promozione del progetto mettendo a disposizione una struttura ad hoc funzionale sia ad una mostra permanente dei prodotti del settore agroalimentare sia ad una formazione di settore.

“L’approccio  – afferma Campana – caratterizzante il partenariato del progetto integrato di filiera cerealicola, che mette insieme in modo virtuoso soggetti pubblici e privati, risulta essere innovativo”.

“Credo – conclude – che il progetto integrato possa dare un contributo decisivo all’agricoltura per una valorizzazione piena delle nostre produzioni di qualità”.  
 
 
 
 
 

PIF FILIERA CEREALICOLA: IL MODELLO

 
 
 

In linea generale i progetti integrati di filiera (Pif) sono progetti collettivi di settore, cui partecipano operatori economici e non economici, per interventi coordinati di ammodernamento strutturali del sistema produttivo e della trasformazione dei prodotti, il trasferimento delle conoscenze, l’introduzione delle innovazioni ed il miglioramento della qualità dei prodotti. I progetti sono destinati prioritariamente alle filiere agroalimentari nelle quali si rileva la presenza di marchi (Dop, Igp, Docg) a tutela della denominazione d’origine riconosciuti dall’Unione europea.

Nello specifico il progetto filiera cerealicola, che vede come capofila il Gruppo De Matteis e dalla valenza economica di oltre 33milioni di euro, punta alla nascita di una filiera cerealicola: dal chicco di grano alla pasta. Diversi i progetti integrati che rientrano nel Pif che dovranno essere valutati ed approvati dalla Regione Campania. Figurano interventi per l’ammodernamento delle aziende agricole, investimenti in formazione degli agricoltori, sulla tracciabilità di filiera, sullo sviluppo e sulla ricerca in campo agronomico ed industriale, sull’alta formazione professionale per le imprese. Prevista anche la realizzazione di infrastrutture agricole, strade ed acquedotti rurali. Infine saranno realizzate campagne di promozione delle tradizioni agricole legate al grano e degli altri prodotti di filiera.  

GIORNATE ENOGASTRONOMICHE 6/7 FEBBRAIO – CALITRI

 

Il convegno sui Pif fa parte dell’evento, organizzato da Eapsaim (Ente Autonomo Promozione Sviluppo Aree Interne Mezzogiorno) e Marchingegno Srl (società di servizi operante nel settore turistico-culturale),  che punta alla valorizzazione del territorio calitrano e delle sue risorse endogene. Due giornate, quelle di sabato 6 e domenica 7 febbraio, presso il quartiere fieristico di Calitri, in cui enogastronomia e turismo culturale entreranno in simbiosi per presentare ai visitatori il patrimonio culinario e storico dell’Alta Irpinia.

Ricco il calendario delle iniziative in programma. Si parte il 6 febbraio, alle ore 11.00, con la visita guidata all’area borgo castello di Calitri. Poi, nel pomeriggio, l’inaugurazione ufficiale dell’evento alla presenza di Gianfranco Nappi, assessore regionale all’Agricoltura, che parteciperà poi al convegno “I progetti integrati di filiera: opportunità per le aree interne del Mezzogiorno”.

Nutrita sarà la partecipazione degli imprenditori del settore negli stand enogastronomici. Previsto anche un laboratorio gastronomico in collaborazione con l’Organizzazione Nazionale Assaggiatori Salumi. L’evento clou è legato ad uno dei più rinomati prodotti della gastronomia locale: la salsiccia calitrana. Il prodotto, fatto di carne pregiatissima e che ha raggiunto le più importanti fiere europee, sarà preparato dalle macellerie calitrane e cotto in seguito sulla brace di un grande falò. Quest’anno la mega salsiccia, oggetto di degustazione in tutte le sue tipiche varietà culinarie, entrerà nel guinness dei primati: sarà lunga circa 396 metri, battendo il record raggiunto lo scorso anno.  La giornata di domenica si aprirà nuovamente all’insegna del turismo culturale con le visite guidate al centro storico di Calitri a cui seguirà, nel pomeriggio, la tappa al museo etnografico di Aquilonia. Non mancheranno i laboratori gastronomici con abbinamenti di formaggio e miele d’Irpinia in collaborazione con l’Organizzazione Nazionale Assaggiatori Formaggio. Sempre sul filone culinario il Gal-Cilsi, l’Associazione Nazionale Formaggi Sotto il Cielo e Slow Food terranno degustazioni guidate sulle tipicità agroalimentari dell’Alta Irpinia.

Prevista anche la proiezione del film documentario “Terra Madre” del regista Ermanno Olmi. Settantotto minuti di ritorno alla terra, quella domestica, per far conoscere la vita delle comunità contadine.

Entrambe le serate della due giorni saranno allietate da concerti di musica popolare ed esibizioni di gruppi folkloristici.

“E’ un’occasione importante e singolare – sostiene Giuseppe Di Milia, sindaco di Calitri – per riscoprire le produzioni locali, facendo interagire le tipicità gastronomiche del territorio con quella che è la nostra ricchezza paesaggistica e culturale. Per come è stata concepita, ritengo che l’iniziativa possa essere un forte attrattore turistico in cui abbiamo l’opportunità di promuovere in modo adeguato le nostre ricchezze endogene”.

“Questo evento, in sintonia con quelli che sono gli obiettivi societari della Marchingegno ed Eapsaim – spiega Antonio Cicoira, presidente di Marchingegno – intende incoraggiare quel sano concorso di forze, tra le varie realtà presenti, necessario allo sviluppo e alla diversificazione dell’economia dei nostri territori rurali.Muovendo dal rinato  ritorno ai prodotti della tradizione, ormai introvabili in città di maggiore dimensione, intorno a uno dei prodotti gastronomici locali più noto, la salsiccia, si fa mostra, con oltre quaranta espositori, della intera produzione agroalimentare locale”.

“L’iniziativa – conclude – con l’ambizione di acquisire carattere settoriale a cadenza periodica, è fine e mezzo allo stesso tempo. Promuovere e valorizzare le eccellenze e, più in generale, le tipicità materiali ed immateriali di questo lembo d’Irpinia e richiamare l’attenzione di quell’utenza sensibile al turismo rurale e culturale in genere”.

2 Risposte a “CALITRI (AV) . PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA CON L’ASSESSORE REGIONALE NAPPI”

  1. Great beat ! I wish to apprentice while you amend your site, how could i
    subscribe for a blog site? The account helped me a acceptable deal.
    I had been tiny bit acquainted of this your broadcast offered bright
    clear concept

  2. Jens said

    Why viewers still use to read news papers when in
    this technological globe everything is existing on web?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: