www.irpinianelmondo.it

politica cronaca arte cultura turismo gastronomia…. e molto altro ancora

PROCESSO DELL’UTRI . CONDANNA RIDOTTA A 7 ANNI. DI PIETRO : SPERIAMO ADESSO NON DIVENTI MINISTRO

Posted by irpinianelmondo su giugno 29, 2010

29.06.2010/   ansa/ Il senatore Marcello Dell’Utri e’ stato condannato a sette anni di reclusione dai giudici della seconda sezione della Corte d’Appello di Palermo, per concorso esterno in associazione mafiosa. In primo grado al parlamentare del Pdl erano stati inflitti nove anni di reclusione.

La corte, riformando la sentenza di primo grado, ha invece assolto Dell’Utri limitatamente alle condotte contestate come commesse in epoca successiva al 1992 perche’ ”il fatto non sussiste”, riducendo cosi’ la pena da nove a sette anni di reclusione.

I giudici della seconda sezione della corte d’appello hanno infine dichiarato il non doversi procedere nei confronti dell’altro imputato, Gaetano Cina’, che frattanto e’ deceduto. La sentenza e’ stata pronunciata dopo sei giorni di camera di consiglio. Il Pg Antonino Gatto aveva chiesto la condanna di Dell’Utri a 11 anni di reclusione.

I giudici della seconda sezione della Corte d’Appello di Palermo hanno anche condannato il senatore Marcello Dell’Utri, al quale sono stati inflitti sette anni di reclusione, per concorso esterno in associazione mafiosa, al pagamento delle spese sostenute dal Comune e dalla Provincia di Palermo che “si liquidano per ciascuna di esse in complessivi sette mila euro”. La corte ha inoltre indicato in 90 giorni il termine per il deposito della sentenza.

DIFENSORE, PIETRA TOMBALE SU ‘TRATTATIVA’ – “Con questa sentenza si mette una pietra tombale sulla presunta trattativa tra Stato e mafia durante il periodo delle stragi. Quello che ha detto Spatuzza non è stato evidentemente preso in considerazione come voleva l’accusa”. Lo ha detto l’avvocato Nino Mormino, legale di Marcello Dell’Utri, sottolineando che la corte ha assolto il suo assistito per le condotte contestate in epoca successiva al 1992, escludendo cioé qualunque “patto” tra lo Stato e Cosa Nostra subito dopo le stragi.

“C’é stata una vera campagna di stampa tale da condizionare la Corte. Non si è mai vista una Corte fare un comunicato stampa”. Lo ha detto l’avvocato Pietro Federico, uno dei legali del senatore Marcello Dell’Utri, condannato in appello a sette anni per Concorso esterno in associazione mafiosa. “L’appello è stato trasformato in un campo di battaglia – ha aggiunto l’avvocato Federico – è stato alquanto irrituale leggere oltre al comunicato della Corte anche quelli dell’Associazione nazionale magistrati e dell’Ordine degli avvocati”.

DI PIETRO, SPERIAMO ORA NON DIVENTI MINISTRO – “Anno più, anno meno, il fatto resta quello che è, ossia che Marcello Dell’Utri ha avuto rapporti penalmente rilevanti con la mafia. Speriamo che Berlusconi adesso non faccia ministro pure lui”. E’ il commento del Presidente dell’Italia dei Valori, Antonio Di Pietro, alla condanna di Marcello dell’Utri a sette anni per concorso esterno in associazione mafiosa pronunciata della Corte di Appello di Palermo. ANSA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: