www.irpinianelmondo.it

politica cronaca arte cultura turismo gastronomia…. e molto altro ancora

CRISI PdL . OGGI RIUNIONE PER DECIDERE ESPULSIONE DI GRANATA, BOCCHINO E BRIGUGLIO. FINI AL MOMENTO NON E’ “INDAGATO”

Posted by irpinianelmondo su luglio 29, 2010

29.08.2010– La giornata più tesa nel quadro dei rapporti tra Silvio Berlusconi e Gianfranco Fini si è aperta con i giornali che raccontano della rinuncia del premier all’offerta di tregua del presidente della Camera. E si chiuderà con l’ufficio di presidenza del partito – convocato per le 19 a Palazzo Grazioli – nel quale con ogni probabilità verrà decisa l’espulsione dal Pdl di Italo Bocchino, Fabio Granata e Carmelo Briguglio). I “finiani” di più stretta osservanza, gli uomini che nelle ultime settimane hanno creato profondi malumori nel maggior partito di centrodestra sparando a zero sui colleghi parlamentari e insistendo sulla questione “morale”, saranno messi alla porta perché ormai non più in linea con i principi di fondo del Pdl. E Fini?

Per lui il discorso è diverso: è presidente della Camera, ricopre un ruolo istituzionale e non ha mai preso la tessera del Pdl. Di fatto, quindi, una sua espulsione – almeno a livello “tecnico” – non può avvenire. È probabile che l’ufficio di presidenza prenda atto – attraverso il voto su un documento politico – della distanza che ormai corre tra le posizioni dell’ex leader di An e il resto del partito. Una situazione di “separati in casa” che il Cavaliere non sopporta più e alla quale, quindi, è deciso a porre la parola fine. Le prospettive che si aprono, però, non sono di facile interpretazione. Resta da vedere quale sarà l’atteggiamento che Fini terrà da presidente di Montecitorio.

Ieri il cofondatore – forse intuendo la volontà reale di uno “showdown” da parte del presidente del Consiglio – ha tentato un’ultima carta “conversando” con Giuliano Ferrara sul “Foglio”. “Berlusconi e io non abbiamo il dovere di essere e nemmeno di sembrare amici, ma dobbiamo onorare un impegno politico ed elettorale con gli italiani” ha spiegato Fini al direttore del quotidiano. Chiedendo poi di “resettare tutto”, “deporre i pregiudizi, di mettere da parte carattere e orgoglio, di eliminare le impuntature e qualche atteggiamento gladiatorio delle tifoserie. Non farlo significherebbe veder sparire “la credibilità del centro destra e non ci sarebbero né vinti né vincitori, alla fine della mattanza”. Un’offerta che Berlusconi, nel corso di un vertice notturno a Palazzo Grazioli, con i massimi dirigenti del partito e alcuni ministri. “È troppo tardi” secondo il Cavaliere. Da domani, inevitabilmente, il corso del Pdl non sarà più lo stesso.

Il Velino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: