www.irpinianelmondo.it

politica cronaca arte cultura turismo gastronomia…. e molto altro ancora

RONCHI FA PACE CON FINI , MA URSO……

Posted by irpinianelmondo su febbraio 24, 2011

24.02.2011-Raggiunto un punto di pacificazione con Andrea Ronchi, uno dei finiani dato in uscita dal partito. L’incontro di oggi dell’ex ministro con Gianfranco Fini, a quanto si apprende da fonti di Fli, è andato bene.

Ronchi resta in Fli e si è rappacificato. Non altrettanto si può dire del ‘caso’ di Adolfo Urso, che oggi ha elegantemente declinato l’offerta di Benedetto Della Vedova, pronto a fare un passo indietro per lasciargli il posto di capogruppo.

Dunque, sempre secondo fonti di Fli, Urso resta ma ‘non è sereno’, anche perché ha constatato che anche al gruppo essere eletto era per lui “impensabile” senza un’indicazione di Fini, che “ovviamente”, dicono i futuristi, Fini non intende dare nè darà mai.

Ma non tutto potrebbe essere perduto. Urso, nella sua nota di oggi, ribadisce infatti che “noi dobbiamo costruire una destra riformista ed europea, liberale e moderna, libera dai rancori e dalle recriminazioni, che non divida ma unisca, che sia aperta al nuovo e capace di affrontare le sfide del domani, una destra ambiziosa ma non velleitaria, che pensi davvero al bene del Paese. Una destra che rifiuti la politica dell’insulto e delle aggressioni e crei le premesse perché l’Italia volti pagina. Per far questo – conclude l’ex viceministro – non c’è bisogno di poltrone, l’ho dimostrato, ne’ di incarichi; solo di coerenza, passione e idee”.

Quindi da una parte Urso sembra lasciare aperto uno spiraglio, e dall’altra c’è ancora una casella vuota da riempire, una casella importante, come è emerso dal vertice di oggi tra Fini Casini e Rutelli: quella di ‘coordinatore e portavoce unico’ del Nuovo Polo, annunciata dallo stesso Casini. Un ruolo che potrebbe calzare a pennello per Urso che, ricordiamolo, non ha ancora sbattuto la porta.

Gianfranco Fini ha molto “apprezzato”, parlando con i suoi, il gesto e lo stile di Urso, soprattutto nel passaggio in cui l’ex coordinatore di Fli auspica “una destra che rifiuti la politica dell’insulto e delle aggressioni e crei le premesse perché l’Italia volti pagina. Per far questo – conclude l’ex viceministro – non c’è bisogno di poltrone, l’ho dimostrato, nè di incarichi; solo di coerenza, passione e idee”.

Urso ha scelto da giorni il silenzio, rotto oggi solo dalla sua nota ufficiale di ringraziamento a Della Vedova, ma ci tiene a far sapere, attraverso il suo portavoce, di essere più ‘sereno che mai’.

 rai news 24

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: