www.irpinianelmondo.it

politica cronaca arte cultura turismo gastronomia…. e molto altro ancora

NAPOLI . CONTO ENERGIA : OPPORTUNITA’ DI LAVORO GRAZIE ALLE FONTI RINNOVABILI. I PROGRAMMI DI DE MAGISTRIS E LETTIERI

Posted by irpinianelmondo su aprile 19, 2011

19.04.2011-Nella terza e conclusiva giornata di EnergyMed, la mostra convengo dedicata alle Fonti Rinnovabili e all’Efficienza Energetica nel Mediterraneo, a tenere banco è stato il convegno “Conto Energia e scambio su posto”. Durante l’incontro sono state evidenziate le potenzialità, che grazie al supporto economico governativo in favore delle fonti rinnovabili, per lo sviluppo del settore che vede attualmente impegnati oltre 120mila operatori in Italia e 60 mila nel solo centro sud.

In attesa del quarto Conto Energia, sul quale il Governo non si è ancora espresso, pur chiudendo in anticipo (maggio 2011) quello in corso che doveva terminare a dicembre 2011.

 “L’approvazione da parte del Consiglio dei Ministri del decreto legislativo che recepisce la direttiva europea 28/2009/CE, sulla promozione dell’uso dell’energia da fonti rinnovabili, rischia di provocare una paralisi per tutto il settore – afferma Michele Macaluso, direttore dell’agenzia napoletana energia e ambiente -. Il rimando a disposizioni future per quanto riguarda la definizione di aspetti chiave del sistema rinnovabili, come ad esempio quella che dovrebbe stabilire il valore degli incentivi per il futuro, introduce pericolosi elementi di incertezza. Incombe il rischio retroattività per progetti già avviati e finanziati, con gravi danni economici per tutte le aziende che hanno investito nel settore”

A rischio, oltre al settore, sono i posti di lavoro, che nel solo Mezzogiorno contano ben 60mila unità così suddivise: nell’eolico circa 10mila addetti, nel solare fotovoltaico circa 5.700 e il comparto delle biomasse con circa 25.000 occupati. Il resto dei colletti verdi è distribuito tra il geotermico, il solare termico, il mini idrico, e le altre forme minori di produzione di energia da fonti rinnovabili. E’ proprio questa la formula vincente che lo stesso direttore dell’Anea indica:

E’ necessario agevolare la crescita del settore delle rinnovabili, puntando in particolare su alcuni settori che hanno grandi potenzialità nel centro sud Italia quali il fotovoltaico, il raffrescamento solare (solar cooling), la geotermia, il minidraullico e l’efficienza energetica, che possono puntare a soddisfare il 50% del fabbisogno energetico del Mezzogiorno entro il 2020, se sufficientemente incentivato e con maggiori certezze sul quadro normativo. Infatti – conclude Michele Macaluso -, l’obiettivo deve essere quello di favorire un’occupazione distribuita capace di coinvolgere un numero ampio di aziende e addetti ai lavori.

Infine la dottoressa Anna Moreno, dell’Enea (Ente Nazionale Energia e Ambiente), ha presentato la nuova direttiva europea “Qualificazione europea d installatori e manutentori del settore fotovoltaico”, che prevede la necessità dalla fine del 2012 del rilascio di una certificazione per gli installatori, una sorta di patentino europeo di abilitazione per la realizzazione di impianti fotovoltaici.

Al termine del convegno sono stati consegnati i premi EnergyMed per le migliori installazioni di impianti fotovoltaici. Le imprese vincitrici sono risultate:la Engsol group srl, di Grazzanise (Caserta) e Virgilio Energie Rinnovabili srl di Pomezia (Roma). Mentre il premio per la categoria di impianti fotovoltaici integrati è andato alla ditta SISOL srl di Caltanissetta.

– Dopo la visita alla mostra convegno sulle fonti rinnovabili, EnergyMed, del candidato del centrosinistra Mario Morcone, oggi è stata la volta del candidato sindaco Gianni De Magistris unitamente al leader del partito Idv, Antonio Di Pietro.

                  Accompagnato dal presidente e dal direttore dell’Anea (organizzatrice del salone), rispettivamente Rino Nasti e Michele Macaluso, De Magistris ha subito messo in chiaro il suo programma politico in riferimento alle energie rinnovabili:

 DE MAGISTRIS

                  “Da sempre il mio impegno politico si configura come una lotta per il consolidamento delle energie rinnovabili. Se dovessi essere eletto il mio impegno per il risanamento del bilancio sfrutterebbe senz’altro le energie verdi. Napoli infatti è la capitale del Sud, quindi la logica conseguenza è sfruttare l’energia solare. Intendo, quindi, proseguire e accelerare la solarizzazione degli edifici, specialmente quelli pubblici (scuola, tribunale) e incentivando quelli  privati  attraverso la sensibilizzazione dei condomini. Nel mio programma ci sono progetti per lo sviluppo della vivibilità della città con interventi di riqualificazione dei parchi e dei sentieri naturalistici (Astroni, Bagnoli e Colli Aminei), lo sviluppo delle piste ciclabili, l’ampliamento delle ZTL, con un’attenzione al trasporto pubblico, mediante l’ampliamento di orari notturni e festivi per disincentivare l’ingresso di auto in città.

 

A   ntonio Di Pietro ha ricalcato l’importanza del processo applicativo delel energie “pulite”, ricordando l’impegno profuso dal suo schieramento due anni orsono:

 

                  “EnergyMed non è solo un evento per Napoli e non è solo un evento ‘di nicchia’ ma rappresenta l’inizio del futuro. Abbiamo bisogno di energie alternative e della creazione di un piano nazionale di approvvigionamento energetico. Non ci dimentichiamo che quando due anni fa tutti erano ubriachi per il nucleare noi presentavamo la raccolta di firme in favore delle rinnovabili. D’altronde 40 anni fa quando si parlava di centrali nucleari non esisteva la tecnologia per lo sviluppo delle rinnovabili, ora bisogna quindi di guardare avanti.”

 LETTIERI

Gianni Lettieri, candidato sindaco per il centrodestra, chiude di fatto la quarta edizione di EnergyMed, la mostra convengo sulle fonti rinnovabili e l’efficienza energetica nel Mediterraneo. L’ex presidente dell’Unione industriali di Napoli, oggi in corsa per la poltrona di sindaco, da sempre interessato al segmento delle rinnovabili, ha così risposto alle domande dei numerosi giornalisti presenti al Salone alla mostra d’Oltremare di Napoli:

                  “Tra le settantadue azioni che compirò nei primi cento giorni del mio mandato, al punto 16 c’è un programma specifico che prevede la solarizzazione degli edifici pubblici e privati con impianti fotovoltaici, ma anche l’applicazione rigorosa del Regolamento comunale in materia energetico- ambientale”.

                  Il punto di programma si chiama O’Sole Mio e come si può capire è strettamente legato al territorio partenopeo, ma il candidato  di centrodestra Gianni Lettieri ha poi proseguito:

                  “Speriamo che nella prossima settimana passi il decreto che riattivi gli incentivi, perché  quanto indicato al momento non è certo in favore del Mezzogiorno, i contributi spostati al settore idroelettrico, sviluppato in particolare al nord Italia, non rappresentano certo un vantaggio per Napoli e l’intero sud Italia. Quindi difenderò sempre gli interessi del Mezzogiorno”.

                  Sollecitato dai giornalisti, accorsi ad Energymed per raccogliere l’impegno del candidato sindaco del centrodestra in riferimento alla fonti rinnovabili e l’efficienza energetica, ha risposto così a chi gli ha chiesto come vivrebbe questa contrapposizione con il governo centrale, poco incline all’energia solare, se eletto sindaco

        “Il sindaco ha comunque un ruolo privilegiato per colloquiare con il Governo e spero di poterlo ricoprire  per difendere gli interessi dei napoletani e del Sud

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: