www.irpinianelmondo.it

politica cronaca arte cultura turismo gastronomia…. e molto altro ancora

On. ZECCHINO SOSTIENE LA FUSIONE DEI DUE COMUNI : CON MONTORO UNITA UN ASSE POSSIBILE TRA I TRE GRANDI CENTRI DELL’IRPINIA

Posted by irpinianelmondo su ottobre 31, 2011

 31.10.2011-“La riunificazione di Montoro superiore e Montoro inferiore rappresenterebbe una novità importante nel panorama politico-amministrativo dell’Irpinia perché darebbe vita ad un Comune di quasi 20.000 abitanti, che sarebbe il terzo in ordine di grandezza, dopo Avellino e Ariano Irpino, e potrebbe consentire la creazione di una rete di Comuni dalla forte rappresentatività demografica oltre che socio-economica e capaci di sostenere fondamentali battaglie per il territorio”. Il Consigliere regionale Ettore Zecchino, intervenuto insieme ai colleghi Rosetta D’Amelio e Sergio Nappi all’auditorium dell’istituto tecnico commerciale di Montoro Inferiore per la presentazione del disegno di legge regionale per l’indizione del referendum istituzionale sulla fusione tra i due Municipi, ha dato il suo pieno sostegno al percorso che le comunità montoresi hanno deciso di seguire. “L’aspetto più rilevante – ha sottolineato Zecchino – è che ci troviamo di fronte ad una volontà che nasce dal basso e la Regione Campania non può che aderirvi con convinta approvazione perché questa è la strada che porta alla semplificazione, alla maggiore efficienza ed economicità dei servizi essenziali per i cittadini. In genere per approdare alla consapevolezza di una fusione tra Comuni – ha aggiunto il Consigliere regionale della DC – occorre fare svorzi. Qui invece c’è un’identità scolpita nella storia, che vedeva fino al 1829 unite le due Montoro. Proprio per questa radice comune e non cancellabile in questa terra di patrioti come Vincenzo Galiani e Michele Pironti, in una realtà sociale dinamica che oggi conosce una costante espansione dovuta anche alla posizione geografica strategica sulle rotte della cultura e dell’economia in Irpinia sono convinto che potrebbe felicemente concretizzarsi il primo esempio in Campania di comunità che coroggiosamente si aggregano in un unicum amministrativo che va verso il futuro”. Non sarebbe l’annullamento di un Comune nell’altro, ma l’esaltazione di una nuova dimensione di Comune autenticamente espressione del principio di autodeterminazione, sturzianamente alle fondamenta delle istituzioni democratiche. Zecchino ha dato atto del significativo impulso conferito a questo processo dal consigliere regionale Foglia, davanti ad una platea in cui spiccavano numerosi amministratori in carica, tra cui i due giovani presidenti dei Consigli Comunali Sabatino Del Regno e Bruno Spiezio, insieme ai sindaci De Giovanni e Carratù, ma anche della precedente consiliatura, insieme a personaggi di primo piano della vita amministrativa provinciale come l’ex direttore generale di Palazzo Caracciolo ed ex sindaco Mario Bianchino. L’iter per l’indizione del referendum va avanti e in primavera potrebbe raggiungere il traguardo. “Non vedo ostacoli. Quel che accadrà – ha concluso Zecchino – dipenderà esclusivamente dalla volontà dei montoresi. Alla Regione il compito di sostenerla e legittimarla”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: