www.irpinianelmondo.it

politica cronaca arte cultura turismo gastronomia…. e molto altro ancora

AVELLINO . DA OGGI IN LIBRERIA IL PRIMO LAVORO DI SERENA DANNA , “PRODOTTO INTERNO MAFIA”

Posted by irpinianelmondo su novembre 9, 2011

09.11.2011-Serena Danna, nata da Avellino il primo settembre 1972, ha cominciato l’attività presso il Manifesto, dal 2007 al 2011 ha lavorato al Sole 24 Ore, da qualche settimana e’ confluita al Corriere della Sera, Redazione cultura. Serena Danna “A causa della crisi molte aziende italiane si sono trovate di fronte a un bivio: da una parte la certezza di fallimento, dall’altra fare affari con la criminalità organizzata. In molti casi hanno scelto la seconda strada” Il Libro In Italia la criminalità fattura 140 miliardi di euro all’anno. Il sommerso vale il 15 per cento del Pil. La ricchezza del Paese è anche questa. La mafia è un fenomeno «glocal» che ha condizionato lo sviluppo del capitalismo italiano. Ragioni storiche, culturali ed economiche hanno contribuito a fare dell’Italia il Paese delle mafie: il mancato sviluppo di una cultura imprenditoriale, la «famiglia» come base di tutte le relazioni sociali, la fragile democrazia, il silenzio della Chiesa.

Le radici dell’illegalità sono profonde ma nuove tecnologie e crisi economica stanno rivoluzionando gli schemi tradizionali della criminalità organizzata. Per l’Italia la sfida è enorme: la mafia continuerà a dominare il processo di globalizzazione o, al contrario, è proprio nei cambiamenti del mondo contemporaneo che si nasconde l’antidoto per sconfiggerla? Un libro che descrive nel dettaglio i meccanismi, le connivenze, i danni e le convenienze di un Paese in cui si è sviluppata una forma di capitalismo unica al mondo. «Oggi si è ormai consolidato un connubio tra mafia, potere economico-finanziario e potere politico. Attraverso imprenditori e professionisti la mafia colloquia con le istituzioni». Pietro Grasso «Siamo l’unico Paese occidentale che ha quattro mafie. Anche se l’Italia ha la legislazione antimafia piú avanzata al mondo, non potrà mai essere proporzionata alla potenza delle organizzazioni criminali». Nicola Gratteri «La responsabilità del dominio della mafia è anche della borghesia meridionale, che ha sempre concepito l’imprenditoria come un’attività di rapina». Ivan Lo Bello «È difficile sentire odore di mafia, ci sono troppi insospettabili, troppi colletti bianchi coinvolti. Il mio rimprovero alla Chiesa è di essere arrivata tardi nella comprensione del fenomeno mafioso». Domenico Mogavero «Oggi il crimine è globale. La perdita di efficacia deldemocrazie è un problema enorme che si intensificherà nei prossimi anni attraverso insicurezza e corruzione». Moisès Naim

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: