www.irpinianelmondo.it

politica cronaca arte cultura turismo gastronomia…. e molto altro ancora

AVELLINO. ERMINIO D’ADDESA: LA CRISI DELLA POLITICA E L’INADEGUATEZZA DELLA CLASSE DIRIGENTE SI ABBATTONO SULL’IRPINIA

Posted by irpinianelmondo su novembre 21, 2011

21.11.2011– “Il 2011 è, fino ad ora, un anno di grandi novità a livello mondiale con le grandi rivolte nei Paesi del Maghreb e con la caduta dei regimi tirannici di Ben Alì, Mubarak e Gheddafi. Si assiste ad una crisi economica mondiale che sta travolgendo vari Stati Europei  vedi Islanda, Spagna, Portogallo, Grecia ed anche l’Italia e che ha portato alla caduta  di Berlusconi e del centrodestra  dopo diciassette anni  di potere e di leggiad personam”ed  alla nascita del Governo Monti, espressione dei banchieri di Eurolandia però sicuramente austero e sobrio nella presenza e nel modo di fare, al movimento degli “Indignados” in Spagna, in Grecia, in Italia, a Wall Stret – New York, alla vittoria dei Popolari in Spagna.

 Tutte queste novità susseguitesi nel tempo  non hanno contaminato per niente, se non minimamente, la nostra Provincia intesa come realtà politica, sociale e territoriale e dove il dibattito politico sa  di vecchiume, veste in grisaglia e vive il  presente ed il  futuro in maniera stanca e sonnolenta.

L’unica grande novità sul territorio irpino è stata la battaglia dei lavoratori della Fiat Irisbus di Flumeri che hanno lottato per quasi quattro mesi contro il progetto padronale di Marchionne di chiudere lo stabilimento e di trasferire la produzione di autobus in Cecoslovacchia ed in Francia. Tutto si è  comunque chiuso con una programmata cassa integrazione per 12 mesi e la chiusura annunciata, al 31 dicembre 2011, dello stabilimento e però ha fatto venire alla luce –se mai ce ne fosse stato bisogno- la natura classista del passato Governo di centrodestra, l’incapacità politica dei parlamentari (Indicati grazie alPorcellum”) espressione del territorio, l’inadeguatezza dei Sindaci della zona, l’insensibilità delle popolazioni e di parte di alcune categorie dei lavoratori stessi dello stabilimento.

 E’ stato celebrato a livello provinciale il congresso dell’UDC che ha consacrato coordinatore provinciale Petracca e confermata la graniticità del potere di De Mita che resta fortissimo a livello territoriale con  i tanti devoti alla  sua corte. De Mita che dimostra sempre grande capacità di  analisi politica però stridente con la propria prassi politica  dove emergono da sempre   lottizzazione e clientelismo.

Sui quotidiani provinciali è emersa la datata querelle tra Ariano Irpino e Grottaminarda per il casello autostradale che gli Arianesi vorrebbero spostare a Tre Torri ma la cosa non servirebbe a nulla in quanto è necessario  superare il budello di Cardito  con la  realizzazione della  strada La Manna – Camporeale.  Gli Arianesi non si sono resi conto che negli ultimi tempi hanno perso molto: chiusura della stazione ferroviaria, ridimensionamento dell’Ospedale, perdita dell’ASL, trasferimento del deposito Air; evidentemente qualcosa non ha  funzionato a livello di rappresentanza politica e comunque  sul tutto ha pesato  “l’eccessivo egoismo campanilistico”  degli Arianesi.

Anche la mia Vallata è alla ribalta della stampa provinciale per via del cimitero che l’ex Sindaco iniziò a privatizzare (adesso non è d’accordo! –Sic!-) e l’attuale ne ha perfezionato l’iter con aggravio di spese per i cittadini vallatesi. I due compari (Casarella è stato testimone d’anello di Zamarra) giocano a ping pong mentre i vallatesi dovranno pagare ingiustamente vari soldini in più  alla società romana che ha in  gestione  il cimitero. A questo punto perché non  si “privatizzano” il Sindaco, la Giunta Municipale, il Consiglio Comunale (diciassette persone in tutto) visto che non sono all’altezza di gestire un cimitero che certamente non è il Verano di Roma? Che “fanno” in termini di carichi di lavoro, i quattro  Tecnici dell’Ufficio Tecnico Comunale  tra i quali qualcuno percepisce anche l’ indennità di Capo Servizio?

Sono partito da scenari planetari e sono, purtroppo, approdato ad un paese, il mio, con il territorio  violentato dalle pale eoliche, fatto di  anime perse, di anime morte, dove imperano varie categorie sociologiche quali il “suo particolare” il ”cicero pro domo sua”,  “il familismo amorale”,l’insensibilità ambientale” e dove l’unica prospettiva “subita” per i giovani  è quella di andare via!

Vallata, lì  21 novembre      –   dott. Erminio D’Addesa  – ex Presidente del Consiglio Provinciale

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: