www.irpinianelmondo.it

politica cronaca arte cultura turismo gastronomia…. e molto altro ancora

POLITICA. INCOMPATIBILITA’ DOPPI INCARICHI . IL SENATO VOTA CONTRO LA CAMERA E LA CORTE COSTITUZIONALE. IL SENATORE PUO’ MANTENERE IL DOPPIO INCARICO

Posted by irpinianelmondo su dicembre 22, 2011

22.12.2011-Con una decisione che suona come uno schiaffo alla Corte Costituzionale, il Senato smentisce quanto solo una settimana fa è stato deciso alla Camera, mettendo alla prova il bicameralismo perfetto. La Giunta per le elezioni di Palazzo Madama ha infatti votato contro l’incompatibilità tra la carica di senatore e quella di sindaco decisa dalla Consulta. Il 14 dicembre la Giunta delle Elezioni della Camera aveva deciso l’incompatibilità tra la fascia tricolore ed il seggio a Montecitorio. Ma oggi a Palazzo Madama c’è stato il colpo di scena: Pdl e Lega hanno votato contro le deliberazioni della Corte costituzionale sulle incompatibilità tra sindaci di città con più di 20mila abitanti e parlamentari, sostenendo appunto che i senatori Antonio Azzollini e Vincenzo Nespoli, entrambi del Pdl e rispettivamente sindaci di Molfetta e di Afragola, possono continuare a ricoprire entrambe le cariche, senza l’obbligo di optare per l’uno o l’altra.

Malumori e proteste. Idv e Pd hanno abbandonato i lavori per protesta, compreso il presidente della Giunta, Marco Follini, che ha prima indetto il voto ma è poi subito uscito dall’Aula. «La vecchia maggioranza Pdl-Lega ha preso una decisione da ‘ancien regimè», spiega Follini che si dice «sorpreso nel vedere la Lega attestata come un sol uomo a difesa della trincea dei sindaci di Afragola e Molfetta». Donata Lenzi del Pd parla di «decisione scandalosa», mentre Francesco Sanna sostiene che per «la pervicacia» dei colleghi di Lega e Pdl «ora abbiamo un diverso orientamento di Camera e Senato. Sarà possibile essere sindaco-senatore, ma non sindaco-deputato. Una cosa assurda».

Palazzo Madama contro Montecitorio. La decisione di Palazzo Madama spiazza, infatti, Montecitorio: qui i parlamentari con il doppio incarico hanno iniziato ad optare, in ossequio alla decisione della Giunta della Camera che, la scorsa settimana, ha recepito il dettato della Consulta. Tra i primi a scegliere la carica di primo cittadino sacrificando l’ultimo anno di legislatura a Montecitorio ci sono Nicola Cristaldi e Marco Zacchera del Pdl (per restare sindaci di Mazara del Vallo e Verbania) e Luciano Dussin della Lega (resta sindaco della sua Castelfranco Veneto); e proprio oggi, sebbene non fosse ancora tenuto a farlo, Ettore Pirovano si è dimesso da parlamentare per restare presidente della Provincia di Bergamo. Ma nonostante il ‘salvacondottò per i senatori votato oggi dalla giunta, Piergiorgio Massidda, uno dei pochi eletti in tutte le legislature della Seconda Repubblica, ha dovuto annunciare oggi le proprie dimissioni da Palazzo Madama. La decisione è dovuta alla posizione di incompatibilità del senatore del Pdl che da pochi mesi è anche presidente dell’Autorità portuale di Cagliari, e doveva quindi optare – a differenza dei suoi colleghi sindaci – per una delle due cariche.

Il Messaggero

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: