www.irpinianelmondo.it

politica cronaca arte cultura turismo gastronomia…. e molto altro ancora

SOLOFRA (AV) . VIGNOLA (PD) : IL NOSTRO SISTEMA DI DEPURAZIONE DEVE ESSERE AUTONOMO RISPETTO A QUELLO DI MERCATO SAN SEVERINO

Posted by irpinianelmondo su dicembre 22, 2011

22.12.2011-Il convegno sul Ciclo integrato delle acque: questione depurazione industriale, organizzato dal PD Solofra è stato un serio e concreto confronto tra le diverse parti interessate alla questione della depurazione. Nella suggestiva cornice del Complesso Monumentale di Santa Chiara sono intervenuti il segretario cittadino Gerardo De Stefano, il presidente dell’Ato 1 Giovanni Colucci, il consigliere comunale PD Michele Vignola, Rosetta D’Amelio consigliera regionale e Osvaldo Ciaponi sindaco di Santa Croce sull’Arno e star della serata.

Il PD, un’ora prima dell’apertura della manifestazione, ha raccolto intorno al capezzale del nostro distretto conciario tutte le componenti attive che devono darsi un ruolo e un indirizzo fattivo sulle sue problematiche. C’era ’Unic, la Confapi, il Cna, l’Unione industriali e i sindacati, oltre ad autorevoli imprenditori accorsi per avviare un discorso che segni una nuova tappa nello sviluppo imprenditoriale di Solofra.

Questo tavolo è servito per ascoltare il sindaco Osvaldo Ciaponi, sulle qualità del polo conciario di Santa Croce sull’Arno e, nel contempo, fare il punto sulla situazione locale. L’idea principale presentata dal sindaco Ciaponi, è che la depurazione non deve essere considerata un puro costo, un servizio duro da digerire per gli operatori, ma rappresenta una parte del processo produttivo della concia.

La proposta del PD di Solofra è stata lanciata nel corso del convegno: quella di cambiare radicalmente le carte in tavola per far fronte alle esigenze dell’apparato produttivo del distretto.

Se è vero, come è vero, che a Santa Croce la sinergia conciatori-comune funziona alla grande, la depurazione del nostro Codiso deve parallelamente essere assegnata agli imprenditori locali. Come fare?

Anzitutto si deve recepire la legge regionale n.50 della Toscana che realizza un connubio sorprendente per i suoi conciatori. Il consorzio Acquarno, infatti, vede la gestione della depurazione a maggioranza privata, mentre il pubblico non va oltre il 4%. La governance è però pubblica, sotto la guida dei comuni interessati.

A questo proposito Rosetta D’Amelio, consigliere regionale PD, ha espresso la ferma volontà “di fare una battaglia in Consiglio regionale per dare una svolta a questo territorio che più di altri in provincia merita apprezzamento per le capacità dei conciatori e appoggio perché il distretto non perda occasioni di sviluppo e lavoro come in altre zone dell’Irpinia (vedi Iribus di Flumeri).  Col capogruppo PD alla regione – continua la D’Amelio ci faremo promotori di una forte iniziativa che consenta di includere nell’ordinamento campano la legge n.50 della Toscana rendendo di fatto l’area industriale solofrana prospera e florida com’era un tempo.”

“Inoltre – ha sostenuto il consigliere PD di Solofra Michele Vignolail Codiso, che deve essere estrapolato dal ciclo integrato delle acque, deve essere assegnato agli imprenditori solofrani, che hanno il know how e il management all’altezza di tale compito. Ha mostrato tutto il suo limite la Convenzione voluta e firmata dal duo delle sciagure Guarino-Romano, noi ci opponemmo allora in consiglio comunale e i fatti ci hanno dato ragione perché la Regione Campania è dovuta intervenire dopo anni, ripianando i 2,5 milioni di euro di debiti che hanno penalizzato i conciatori solofrani.

Infine – conclude Vignolail nostro depuratore deve distaccarsi da quello di Mercato San Severino, del quale i solofrani potranno essere semplici utenti pagando la tariffa della depurazione biologica. Ma addirittura potremmo avere a Solofra anche il biologico, così come è avvenuto a Santa Croce sull’Arno: basta volerlo ed essere uniti.”

Pertanto, il PD di Solofra ha elaborato una proposta che presto verrà illustrata ad un “tavolo partecipato” per essere firmata dalle diverse categorie imprenditoriali di settore e dalle parti sociali e poi portata in Regione per l’approvazione.

 

Una Risposta to “SOLOFRA (AV) . VIGNOLA (PD) : IL NOSTRO SISTEMA DI DEPURAZIONE DEVE ESSERE AUTONOMO RISPETTO A QUELLO DI MERCATO SAN SEVERINO”

  1. […] convegno sul Ciclo integrato delle acque: questione depurazione industriale, organizza …  Pluricar Srl – via Lombardia, 3 – 25034 Orzinuovi (Brescia) – Tel: +39 030 9941925 – Fax: […]

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: