www.irpinianelmondo.it

politica cronaca arte cultura turismo gastronomia…. e molto altro ancora

CIRIACO DE MITA NON VUOLE MORIRE COME UOMO DI DESTRA

Posted by irpinianelmondo su gennaio 19, 2012

19.1.2012-Da sempre politico di razza del centro sinistra ( pentapartito) . Della Sinistra di Base della DC . Allievo di Moro  . Sostenitore del compromesso storico con il Pci ,e delle convergenze parallele  . Certo ,formule vecchie e superate , ma che danno il segno del pensiero politico di De Mita.  Il primo segretario della DC che    tenne  un  confronto  storico , e pubblico in TV,  con  Berlinguer. Dal PpI alla Margherita per approdare , per utlimo e con molte riserve , nel  PD di Veltroni . Ne uscì  subito dopo  vedersi negata la candidatura . Insomma da sempre convintamente uomo  che guardava e  dialogava con la sinistra .  Significativa una sua frase al tempo   del  forte confronto tra  DC e   Pci di Berlinguer . “ Non possiamo governare questo paese ignorando  un terzo dell’ elettorato “ diceva  De Mita . Era il tempo in cui il Pci  con il 33% dei voti arrivò  quasi  al sorpasso  della DC.

 Cosa ci faccia  adesso De Mita con la destra  , con questa destra ,e  ancora peggio , con i Cosentino  etcc…, appare inspiegabile .

 Appare inspiegabile anche allo stesso De Mita che  sicuramente sta vivendo un tormento interiore politico  che lo sta straziando  come uomo e come leader storico di  un   grande partito politico.

 Sono tormenti  laceranti  dai quali De Mita sembra volerne uscire in tutti i modi  .Segnali  in tal senso vengono dai primi contatti  per  possibili alleanze PD / UdC alle prossime amministrative 2012.

Ma e’ soprattutto dal recente scontro/confronto a distanza con Mancino  che emerge  la volontà  del leader di Nusco di uscire  da  una posizione politica per se  innaturale.  Una provocazione o un invito alla riflessione rivolta   all’amico  Senatore  che non lo ha mai seguito nelle ultime scelte politiche ( alleanze  con le destre).

Con i recenti interventi apparsi sul Corriere dell’ Irpinia   De Mita   piu’  che un invito alla riflessione rivolto a Mancino perché  lo seguisse nell’Udc,sembra invece   chiedergli aiuto per salvarlo da questo tormento. Sembra una vera e  propria provocazione  perche’ Mancino lo attacchi frontalmente , lo frusti politicamente e lo faccia svegliare da questo incubo  in cui si e’ cacciato .E’ una  chiara richiesta di aiuto   che De Mita rivolge all’amico Mancino perche’ gli dia  la forza, la capacita’ e gli spunti  per  recuperare la propria storia di uomo della sinistra di base della DC  e  per uscire da quest’ultima  scelta politica  lacerante ed innaturale  che sicuramente lo tormenta dal primo momento in cui e’ stato costretto a sposarla.

De Mita  non vuole e non puo’ morire come uomo politico alleato  con la destra.

 

redaz.politica

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: