www.irpinianelmondo.it

politica cronaca arte cultura turismo gastronomia…. e molto altro ancora

INFLUENZA A /H1N1. FUNERALI A NAPOLI: CHIESA DESERTA , POCHI PRESENTI CON MASCHERINE

Posted by irpinianelmondo su settembre 5, 2009

05.09.2009– ansa-Erano più gli addetti delle pompe funebri che i fedeli presenti in chiesa e per di più avevano anche le mascherine. E’ in un’atmosfera surreale, quasi fosse stato l’addio ad un appestato, che si è celebrato oggi a Napoli il rito religioso per Gaetano D., 51 anni, il Gaetanone del quartiere di Secondigliano, prima vittima in Italia per gli effetti dell’influenza A. Niente manifesti, zero fiori, preghiere e nessuna omelia nella chiesa di Sant’Antonio da Padova. Lui, che da vivo, a causa della sua oligofrenia, una patologia mentale, era considerato un tipo molto strano, ha provocato addirittura lo spostamento di mezz’ora di un matrimonio per evitare un imbarazzante incontro tra due riti completamente opposti. In chiesa solo quattro persone, che sono di solito quelle che partecipano alle funzioni religiose.

La mamma, Antonietta, era in chiesa ma quasi nascosta, in fondo alla navata, ancora incredula per aver perso l’unica persona di famiglia, con la quale, in un alloggio di una ventina di metri quadrati, viveva in maniera simbiotica. Incredulo perfino lo stesso sacerdote che ha celebrato il rito. “In quarant’anni – ha ammesso don Giuseppe – non ho mai visto un funerale del genere. Queste storie lasciano l’amaro in bocca e devono farci riflettere. Sono condizioni di estremo degrado sociale che la gente al di fuori di questo quartiere purtroppo non conosce”. Il sacerdote ha benedetto il feretro e poi ha sottolineato che “attorno a tutta questa storia si è creato un caso spropositato e la colpa è soprattutto dei media”. Nella zona molti hanno saputo del funerale a cose fatte. Più di uno ha espresso stupore sottolineando che avrebbe voluto esserci per l’addio a Gaetanone.

Dopo la psicosi che si era scatenata ieri, alla notizia della morte dell’uomo, oggi la situazione a Secondigliano sembra essere tornata più tranquilla. In molti nella zona evidenziano che i problemi del quartiere sono altri e che restano lì da anni. In un’altra zona della città, nell’ospedale Cotugno di Napoli nel corso della mattinata una ventina di persone si è presentata per sottoporsi ai test. Un trend in leggero aumento ma che viene considerato ancora fisiologico dagli operatori sanitari. Resta da capire cosa succederà a partire da lunedì e se ci sarà un picco quando inizieranno le scuole. I medici del Cotugno temono nei prossimi giorni un afflusso particolarmente elevato anche per casi che non richiedano alcuna verifica sanitaria e rivolgono quindi un appello ai loro colleghi di base a compiere uno screening preventivo. Oggi due delle persone che erano ricoverate sono state dimesse. Ne restano ricoverate quattro ma il direttore sanitario Cosimo Maiorino evidenzia che “si tratta di una situazione estremamente fluida: per un paziente che viene momentaneamente ricoverato magari ne vengono dimessi due”. Medici e farmacisti, dal canto loro, sostengono che in città non c’é alcuna psicosi. In aumento soprattutto le vendite di prodotti igienizzanti. In questo momento, comunque, sono i pediatri a raccogliere le maggiori preoccupazioni, quelle delle mamme che sollecitano informazioni sui bambini.

2 Risposte a “INFLUENZA A /H1N1. FUNERALI A NAPOLI: CHIESA DESERTA , POCHI PRESENTI CON MASCHERINE”

  1. […] E’ in un’atmosfera surreale, quasi fosse stato l’addio ad un appestato, che si è celebrato oggi a Napoli il rito religioso per Gaetano D., 51 anni, il Gaetanone del quartiere di Secondigliano, prima vittima in Italia per gli effetti … Leggi la notizia alla fonte » […]

  2. Max said

    Riposa in pace.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: