www.irpinianelmondo.it

politica cronaca arte cultura turismo gastronomia…. e molto altro ancora

“ANDAR PER TAURASI” UN VIAGGIO ENOGASTRONOMICO TRA VERDI COLLINE E PAESAGGI INCONTAMINATI DELL’IRPINA

Posted by irpinianelmondo su aprile 20, 2010

20.04.2010-Itinerario Enogastronomico tra colline, vigneti e cantine. Una grande giornata slow tra le belle colline della Valle del Calore, assaggiando i vini e i piatti nelle migliori cantine della zona, insieme ai produttori di territorio. Il territorio di Taurasi insieme ad altri 16 comuni costituisce la zona di produzione del DOCG “Taurasi”. Territorio di collina, dove le vigne convivono con un paesaggio di boschi – castagni e faggi – e frutteti – pesche, nocciole, ciliegi e fichi – a un’altitudine che varia dai 300 agli 800 metri sul livello del mare. Il “Taurasi” viene prodotto dal vitigno Aglianico.

Partendo da Taurasi e immergendosi tra i 17 Comuni della DOCG, i visitatori potranno conoscere le rare particolarità che offre un territorio incontaminato, le sue rarità architettoniche e paesaggistiche. Per partecipare ai Laboratori del Gusto del venerdì sera e di sabato pomeriggio è indispensabile prenotare attraverso il sito web www.condottaufitataurasi.it.

Durante la giornata di sabato è possibile visitare il Museo del Carro – Museo dei Misteri. Il Complesso Monumentale di San Francesco di Mirabella Eclano ospita due interessanti Musei ed una Mostra temporanea di scultura di notevole rilievo “Passio Corporis et Animi” a cura della dott.ssa Figundio e dell’artista Vito Ferrante. Il Museo Etnomusicale “ Celestino Coscia e Antonio Bocchino” – Montemarano e il Parco Aeclanum, area Archeologica di epoca romana di Mirabella Eclano. Oltre al Centro Storico di Taurasi con le sue chiese, i conventi, i belvedere e la sede dell’Enoteca Regionale dei Vini d’Irpinia.

La manifestazione si approccia e sostiene il movimento dei Vignerons d’Europe: – Il vignaiolo si prende cura in prima persona della vigna, della cantina e della vendita.- Il vino del vignaiolo è vivo, dona piacere, è figlio del suo territorio e del suo pensiero.

 Espressione autentica di una cultura. – Il vignaiolo considera il consumatore un co-produttore. – Il vignaiolo custodisce e modella il paesaggio nel rispetto della biodiversità e della cultura del proprio territorio, che racconta e arricchisce. – Il vignaiolo come agricoltore si assume la responsabilità di preservare e migliorare la fertilità del suolo e l’equilibrio egli ecosistemi. – Il vignaiolo si impegna a rinunciare all’utilizzo di molecole e organismi artificiali e di sintesi con l’obiettivo di tutelare il vivente. – Il vignaiolo governa il limite in tutti i suoi impegni ricercando l’ottimo, mai il massimo. – Il vignaiolo si assume la responsabilità della propria attività nel rispetto dell’ambiente, della salute del consumatore e dei destini della propria comunità e della terra. – Il vignaiolo si impegna a creare e alimentare relazioni con altri vignaioli, agricoltori, produttori di cibo, cuochi, università e istituti di ricerca, educatori e cittadini nella propria comunità e nel mondo. – Il vignaiolo pratica la trasparenza: dice quello che fa e fa quello che dice. CONDOTTA SLOW FOOD Irpinia Colline dell’Ufita e Taurasi http://www.condottabaroniadivico.it fiduciario Franco Archidiacono Tel. 380.9019050

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: