www.irpinianelmondo.it

politica cronaca arte cultura turismo gastronomia…. e molto altro ancora

FIAT POMIGLIANO D’ARCO . VINCE IL SI CON 62 % . POTREBBE ESSERE A RISCHIO L’ACCORDO

Posted by irpinianelmondo su giugno 23, 2010

23.06.2010/A Pomigliano d’Arco vince il fronte del “sì” al referendum, ma non è un successo plebiscitario. Le schede favorevoli sono state 2.888, quelle contrarie 1.673, le bianche 22 e quelle nulle 59. I lavoratori che hanno votato sono stati 4.642 su 4.881 aventi diritto.

Insomma solo il 62,2% dei lavoratori dello stabilimento Gianbattista Vico e del polo della logistica di Nola si è espresso favorevolmente all’accordo siglato lo scorso 15 giugno da azienda e sindacati, tranne la Fiom, per lo spostamento della produzione della nuova Panda dalla Polonia allo stabilimento napoletano. Nessun plebiscito, dunque, così come si aspettavano tutte le organizzazioni sindacali.

Una votazione, quella che si è protratta per l’intera giornata di ieri, che ha portato alle urne una percentuale di affluenza pari al 95% con un assenteismo al 2,5%. Dato rilevante che segna una massiccia partecipazione, forse la più alta in una consultazione sindacale.

Dieci le urne aperte dalle 8 alle 21, di cui nove nello stabilimento di Pomigliano e una in quello di Nola dove su 273 voti, solo 77 sono stati i “sì” e 192 i “no”. Un risultato ampiamente preventivato dal momento che i 316 dipendenti del polo della logistica si sono, da sempre, definiti dei `deportati’ perché distaccati dalla sede centrale di Pomigliano.

Le operazioni di voto si sono svolte in un clima sereno anche se alcuni delegati della Fiom e lo stesso segretario generale, Maurizio Landini, hanno parlato di “clima di intimidazione” nel quale “la libera volontà dei lavoratori viene coartata e distorta”. Diversi esponenti dei Cobas, inoltre, hanno denunciato di essere venuti a conoscenza di schede elettorali votate e poi fotografate.

IL COMMENTO DEI SINDACATI

“Con la vittoria dei sì, Fiat può dare seguito al piano per la produzione della Nuova Panda a Pomigliano”, è il commento del segretario generale dell’Ugl, Giovanni Centrella. Il sindacalista aggiunge che “la maggioranza della fabbrica vuole lavorare e produrre. Va anche riconosciuto il grande senso di responsabilità dei lavoratori che sono andati a votare e di cui rispettiamo la scelta, qualunque essa sia stata. Oggi pomeriggio – conclude – saremo a Napoli per incontrare i lavoratori e per essere loro vicini”.

“I lavoratori di Pomigliano hanno compreso e condiviso le ragioni del nostro accordo”, dice invece il segretario generale della Uil, Luigi Angeletti. E una valutazione positiva sull’esito del referendum arriva anche dallo Uilm, uno dei sindacati firmatari dell’accordo con il Lingotto. Per il segretario generale Rocco Palombella “si tratta di un dato che ci permette di sollecitare Fiat, affinché dia piena applicazione al piano di investimenti per Pomigliano”.

Secondo il segretario generale della Uilm Campania, Giovanni Sgambati, “col voto si è registrata una maggioranza significativa per l’accordo che deve essere quanto prima sottoscritto. Il risultato è talmente eccezionale, perché su temi come la flessibilità in passato ogni accordo tra le parti era stato in seguito bocciato dalla consultazione tra i lavoratori. Questa volta l’epilogo è stato opposto”.

Il segretario generale della Cisl, Raffaele Bonanni, chiede al Lingotto di procedere negli investimenti perché ci sono le condizioni necessarie. “Mi pare ci siano tutte le condizioni – ha detto a margine di una conferenza stampa a Pomigliano d’Arco – affinché il piano possa andare avanti, i due terzi dei lavoratori, nonostante una campagna che hanno voluto politicizzare in tutti i modi, sia a destra sia a sinistra, ha visto i lavoratori prendere la posizione più giusta nonostante la disinformazione ci sono le condizioni per questo investimento per garantire Pomigliano, anzi per garantire i posti di lavoro e anche di più – quindi chiediamo alla Fiat di procedere perché ha potuto contare su un vasto piedistallo su cui poter costruire prospettive per Pomigliano”. 

SILENZIO DAL LINGOTTO

La Fiat intanto prende tempo dopo il mancato ampio consenso atteso dall’azienda (almeno il 70-80%). L’amministratore delegato Sergio Marchionne è a Torino e non si prevedono spostamenti. La sua prossima uscita pubblica potrebbe essere lunedì 28 all’assemblea degli industriali torinesi, dove interverrà il numero uno di Confindustria, Emma Marcegaglia.

Secondo indiscrezioni si starebbe già valutando l’opzione Polonia per la produzione della nuova Panda. Ipotesi su cui fonti del Lingotto gettano acqua sul fuoco, spiegando che i giochi restano aperti e si stanno valutando le diverse possibilità.
Tra le soluzioni emerse negli ultimi giorni, alternative al piano previsto dall’accordo sindacale, c’è anche il cosiddetto piano C, che prevede una newco controllata da Torino per rilevare lo stabilimento e riassumere gli addetti con un nuovo contratto definito dal management del Lingotto. Una strada sicuramente meno complicata rispetto alla scelta polacca, che aprirebbe invece forti problemi sul fronte politico e sindacale.

IL MINISTRO SACCONI

“Non voglio nemmeno ipotizzare che Fiat cambi idea, ho fiducia nella nota determinazione di un manager come Marchionne che saprà certamente rispettare il patto siglato con le organizzazioni che hanno avuto il coraggio di decidere”, commenta il ministro del Lavoro, Maurizio Sacconi.

“Ora che l’accordo con il referendum è stato inequivocabilmente approvato, io penso che sia una logica conseguenza l’investimento – aggiunge -. Il mio auspicio è che ora si applichi l’accordo in tutti i suoi aspetti e che anche coloro che non lo hanno sottoscritto vogliano accettare la logica della saturazione degli impianti”.

QN

Una Risposta a “FIAT POMIGLIANO D’ARCO . VINCE IL SI CON 62 % . POTREBBE ESSERE A RISCHIO L’ACCORDO”

  1. Una vicenda molto triste.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: